Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Spudorati

Di

3.3
(20)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804620811 | Isbn-13: 9788804620815 | Data di pubblicazione: 

Genere: Political

Ti piace Spudorati?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Dirigenti senza vergogna

    Credevo che Giordano sarebbe stato molto più di parte dato che lavora e ha sempre lavorato per Mediaset.Invece si dimostra corretto nell'attaccare la casta in generale senza far distinzione tra ...continua

    Credevo che Giordano sarebbe stato molto più di parte dato che lavora e ha sempre lavorato per Mediaset.Invece si dimostra corretto nell'attaccare la casta in generale senza far distinzione tra destra e sinistra.Tutto quello che dice è vero e le proposte sono più che corrette,oltre che le riflessioni.Siamo in un periodo in cui non si fa altro che mettere le mani in tasca ai poveri cittadini(nonostante le solite promesse pre elettorali mai mantenute),e perchè allora non tagliare i costi della politica?Stipendi d'oro e vitalizi super d'oro,non solo per parlamentari ma anche nelle regioni e nei comuni.Abbondanza e miracolose moltiplicazioni di sedie,consulenze e sprechi vari.Auto blu in ultra abbondanza,prezzi ribassati per barbieri e ristoranti,viaggi spesati,trasferte rimborsate.Palazzi sconfinati che si estendono per troppi spazi,e via così.C'è anche un capitolo dedicato all'abolizione delle province,dove si dice una vera e amara verità:si parla della loro abolizione dal 1970,eppure perchè esistono ancora?Semplice,perchè servono a mantenere poltrone e stipendi,sprechi e mangerie.Tanto a farne le spese sono i soliti cittadini,sempre più poveri.Bruciatevi politici!

    ha scritto il 

  • 5

    Giordanino gliele canta....

    Ho sempre apprezzato Mario Giordano nonostante tutta la sua carriera si sia svolta a Mediaset e di conseguenza, scrivere un libro nel quale viene sbeffeggiato anche il partito del tuo datore di ...continua

    Ho sempre apprezzato Mario Giordano nonostante tutta la sua carriera si sia svolta a Mediaset e di conseguenza, scrivere un libro nel quale viene sbeffeggiato anche il partito del tuo datore di lavoro si potrebbe rivelare non molto salutare per avanzamenti di carriera... Sa qui l'idea che il nostro si sarebbe limitato a toccare tutti gli altri appartenenti alla casta ma non il cavaliere del sacro Graal:cosi invece non è, Giordano dimostra grande professionalità e mette sul piatto i tanti sprechi messi in opera da tutte le parti politiche, ad ogni livello;si parte dai piccoli comuni che buttano un mare di soldi in consulenze inutili per arrivare fino al parlamento del quale non dirò nulla per non peggiorare lo stato del vostro fegato.

    Gli sprechi e le ruberie portate alla luce da questo libro sono davvero moltissime, nello stesso momento in cui chi comanda continua a chiederci sacrifici su sacrifici.

    Certo, nella sua invettiva il giornalista se la prende alcune volte con enti che a suo dire sono inutili (albo genealogico dei bovini)mentre nella realtà costituiscono realtà magari lontane dal comune sentire ma a loro modo importanti e meritevoli di attenzione.

    Nonostante questo, un buon libro, facile da leggere e, soprattutto, ideologicamente corretto.

    ha scritto il 

  • 3

    Tutto vero, e poi?

    Ennesimo libro-denuncia di Giordano. Ma servono veramente questi libri? a farci venire il mal di pancia? a non farci più votare? a votare Grillo per poi pentircene? A stare attenti senz'altro. ...continua

    Ennesimo libro-denuncia di Giordano. Ma servono veramente questi libri? a farci venire il mal di pancia? a non farci più votare? a votare Grillo per poi pentircene? A stare attenti senz'altro. Tuttavia vale per i politici quello che vale per tutte le categorie umane: ladri e furfanti non finiranno mai di esistere. Avrei gradito meno fronzoli e paragoni scortesi alcuni anche fuori luogo.

    ha scritto il 

  • 4

    Come mai quando si viaggia all'estero non ci si imbatte mai in auto blu ? Ho visitato per piacere e lavoro oltre 5 capitali quest'anno e non ho mai visto un auto con un lampeggiante sul tetto. Torno ...continua

    Come mai quando si viaggia all'estero non ci si imbatte mai in auto blu ? Ho visitato per piacere e lavoro oltre 5 capitali quest'anno e non ho mai visto un auto con un lampeggiante sul tetto. Torno in Italia e appena entro in autostrada mi trovo abbagliato dal primo stronzo su auto blu... Come mai in Italia, tutti gli ex politici che conosco hanno incarichi in qualche CDA, ente, etc... mai nessuno che torni al proprio lavoro. C'è qualcuno che può darmi qualche nome ? Come mai in Italia si finanziano con i soldi solo le iniziative degli amici o di coloro che possono rendere qualcosa indietro invece che le cose davvero importanti ? Potrei continuare all'infinito. Incazzandomi sempre più come dice Mario Giordano nella prefazione. Perché ogni tanto leggo questo tipo di libri che mi fanno solo incazzare ? Solo perché non voglio rimanere indifferente... voglio che tutti i politici e tutti i leccac... che li circondano spariscano. Vorrei che tutti noi facessimo come nel Saggio sulla lucidità di Saramago... Lasciarli soli, senza nessuno che li ascolti, nell'oblio del nulla. Fino a che non spariscono tutti. E solo allora l'Italia sarà un paese normale come tutti quelli che visitiamo e che apprtengono al novero dei paesi civili. Fino a che esisteranno Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, D'Alema, e tutti i loro amici, l'Italia non potrà essere un paese normale e civile. Perché queste persone e tutti coloro che li seguono vivono in un mondo diverso e questo a me non va più bene. Perché queste persone ci hanno rubato la vita e ci hanno ingannato per troppi anni. Io sono stanco. E continuerò a comunicare il mio disgusto fino al momento in cui queste persone non torneranno a lavorare invece che a rubare i nostri soldi.

    ha scritto il 

  • 0

    i nostri politici, come gli struzzi, nascondono la testa sotto terra. fanno soltanto schifo, sono inetti, ladri e farabutti e pretendono di far pagare al popolo le loro malefatte. sono senza pudore e ...continua

    i nostri politici, come gli struzzi, nascondono la testa sotto terra. fanno soltanto schifo, sono inetti, ladri e farabutti e pretendono di far pagare al popolo le loro malefatte. sono senza pudore e senza vergogna. stupidi noi che non li impicchiamo. inutile poi meravigliarsi della Germania, della Francia o delle altre nazioni ove simili politici sarebbero già stati dati alle fiamme.

    ha scritto il 

  • 3

    La Casta, aggiornata riveduta e corretta...

    Lo stile è sempre quello della casta di Rizzo e Stella, resoconto con dati riportati delle varie spese e spesucce dei politici, niente di nuovo sotto il sole, certo che vedere queste cifre una dopo ...continua

    Lo stile è sempre quello della casta di Rizzo e Stella, resoconto con dati riportati delle varie spese e spesucce dei politici, niente di nuovo sotto il sole, certo che vedere queste cifre una dopo l'altra ovviamente fa il suo effetto, considerato il contesto storico in cui ci si trova ultimamente. Alcuni sprechi sono talmente assurdi da essere ridicoli... una cosa è certa non si può continuare così!

    ha scritto il 

  • 3

    Ma si, un simpatico calderone degli sprechi domestici. Forse dovrebbe leggerlo Monti. Del resto non sono un tecnico sono solo uno di quelli che, mentre Monti ci mette la faccia, ci sta mettendo il q. ...continua

    Ma si, un simpatico calderone degli sprechi domestici. Forse dovrebbe leggerlo Monti. Del resto non sono un tecnico sono solo uno di quelli che, mentre Monti ci mette la faccia, ci sta mettendo il q. Poi dati su dati su dati mescolati e raffazzonati. Impossibile controllarne l'autenticità. Lo si prende per quello che è: un pamphlet!

    ha scritto il 

  • 1

    Non guardatemi così: l'ho dovuto leggere per lavoro

    "Sembra un lavoro di merda..." "Strano, stavo pensando la stessa cosa"

    Pulp fiction

    Dopo cinque anni da “La casta” di Stella e Rizzo, anche Mario Giordano si accorge che i membri del Parlamento ...continua

    "Sembra un lavoro di merda..." "Strano, stavo pensando la stessa cosa"

    Pulp fiction

    Dopo cinque anni da “La casta” di Stella e Rizzo, anche Mario Giordano si accorge che i membri del Parlamento italiano hanno la cattiva abitudine di autoproteggersi, autofinanziarsi, autoimmunizzarsi, autoassegnarsi posti e cariche e soprattutto non amano spendere soldi ma, al contrario, amano molto riceverli e, dove possibile, sprecarli. L’ex alieno, che evidentemente questo ritardo lo ha ben chiaro, mette le mani avanti, sostenendo che lui queste denunce ha iniziato a farle già dai tempi di “Silenzio, si ruba” (Mondadori, 1997), però tuttavia, nonostante il buon impegno nel rivendicare la paternità di tutto, il libro che ha fatto scalpore (forse perché effettivamente riportava contenuti capaci di suscitare una reazione/indignazione) rimane comunque la succitata opera di Stella e Rizzo. Non so fino a che punto siano attendibili i dati presenti nel libro, non ho preso la briga di controllare e non credo lo farò. Per un libro del genere non vale la pena di scendere nel polemico, perché se è pur vero che Giordano intende scagliarsi contro quelli che lui chiama “spudorati” (questi Giamburrasca discoli e mascalzoncelli che evadono il fisco, banchettano e rubano mentre più di un disoccupato si toglie la vita) questo suo infervorarsi è suppergiù pari alle lamentele politico/mondane di un salumiere che attacca chiacchiera con la cliente mentre affetta la mortazza. Emblematico, e buon identificativo del reale scopo del libro, che la maggior parte degli sprechi e/o infamità inizino all’incirca da settembre 2011 e le esecrabili spese sono quasi tutte sotto forma di acronimo: Iva, Imu, Ici, etc. Di robetta tipo gli appalti de La Maddalena o Calderoli che usa aerei di Stato come jet privati, nessuna traccia.

    ha scritto il