Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Stagioni diverse

con il racconto 'Stand by me: Ricordo di un'estate'

Di

Editore: CDE

4.3
(3096)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 588 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Chi semplificata , Francese , Spagnolo , Olandese , Tedesco , Portoghese , Polacco , Ceco , Russo

Isbn-10: A000051678 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Bruno Amato , Paola Formenti , Maria Barbara Piccioli

Disponibile anche come: Paperback , eBook , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Stagioni diverse?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    第一篇太熟悉故事情節,但仍然愛不釋手。
    第二篇的太容易猜到故事走向。
    第三篇完全無法進入,跳過去了。
    第四篇是個人還蠻喜歡的小品。

    ha scritto il 

  • 3

    Deludente King x tutte le stagioni

    Raccolta di quattro racconti lunghi.
    1. L’eterna primavera della speranza- Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank 1/5 Un uomo ingiustamente condannato x omicidio deve scontare l’ergastolo. Istruit ...continua

    Raccolta di quattro racconti lunghi.
    1. L’eterna primavera della speranza- Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank 1/5 Un uomo ingiustamente condannato x omicidio deve scontare l’ergastolo. Istruito e gentile, in breve riesce ad accattivarsi la simpatia di detenuti e guardie. Una rivelazione inaspettata potrebbe cambiare qualcosa, ma lui sa attendere. Finché cambierà tutto, e x sempre. Racconto indiretto che si svolge nell’arco di trent’anni, è lento, prolisso e alquanto noioso. Non mi è mai piaciuto King poliziesco, e forse se avessi letto solo questo racconto, non ne avrei mai letti altri. Fortunatamente, non è questo il genere che gli ha dato fama. Il film che ne è stato tratto, “Le ali della libertà”, è invece bellissimo.
    2. L’estate della corruzione- Un ragazzo sveglio 3/5 Un anziano ex nazista in clandestinità e un ragazzo instaurano una morbosa relazione rievocando le torture dei campi di concentramento. Ma il gioco prende loro la mano. King vuole evocare l’istinto primordiale sepolto in fondo all’animo di ognuno di noi, che è attratto dalla morte e dal sangue altrui. Se no, perché ci fermeremmo a guardare gli incidenti? Come in altre occasioni, deludente il finale moralistico ma King è troppo smaliziato x inimicarsi tutti i bacchettoni d’America.
    3. L’autunno dell’innocenza- Stand by me 4/5 Un gruppo di ragazzini intraprende un epico viaggio a piedi lungo la ferrovia x vedere il corpo di un coetaneo travolto dal treno. L’avventura è anche un’iniziazione all’età adulta, e non tutto sarà piacevole. Stupendo racconto sull’infanzia velato di nostalgia da cui è stato tratto un bellissimo film.
    4. Una storia d’inverno- Il metodo di respirazione 2/5 Una ragazza madre negli anni ’30 si prepara al parto con un nuovo metodo di respirazione. E sarà un evento davvero speciale. Il racconto indiretto è stiracchiato e prolisso all’inizio, poi stringente ma davvero splatter. Ricerca di effettacci horror.

    ha scritto il 

  • 2

    Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank

    Amando il film "Le ali della libertà" ero curiosa di leggere il libro dal quale era stato tratto.
    Anche se sono state tralasciate sottili differenze di una certa importanza, il film mi sembra più comp ...continua

    Amando il film "Le ali della libertà" ero curiosa di leggere il libro dal quale era stato tratto.
    Anche se sono state tralasciate sottili differenze di una certa importanza, il film mi sembra più completo: alcuni personaggi, come gli amici di Red e Andy, sono meno piatti. Perciò devo ammettere che preferisco la versione del regista; in effetti non credo che avrei continuato la lettura se non mi fosse piaciuto così tanto il film.

    Ho dato, inoltre, una sbirciatina agli altri racconti, ma i temi trattati non non incontrano i miei gusti, fors'anche perché non mi entusiasma la scrittura di Stephen King (questo, infatti, è il suo primo libro che ho letto). Molto probabilmente come giudizio sullo scrittore è troppo affrettato, ma non penso che in futuro leggerò qualche suo altro libro (per il genere, soprattutto).

    ha scritto il 

  • 4

    Paradossi da brivido.

    Si, ci siamo.Sritto bene, giusto mix tra horror e avventura, senza tralasciare una buona capacità di introspezione.Ottimo il secondo racconto, testimonianza raccapricciante di certa mostruosità che es ...continua

    Si, ci siamo.Sritto bene, giusto mix tra horror e avventura, senza tralasciare una buona capacità di introspezione.Ottimo il secondo racconto, testimonianza raccapricciante di certa mostruosità che esplode sotto maschere conformiste socialmente a posto.Finalmente lo posso dire: bravo King!

    ha scritto il 

  • 1

    Avevo aspettative molto alte, visto il voto medio che ha su anobii. Invece....

    Sono riuscita a terminare a fatica i primi due racconti. Belli gli incipit. Man mano che si prosegue, però, le storie diventano barbose e troppo volgari e violente per i miei gusti.
    Ci sono parecchi a ...continua

    Sono riuscita a terminare a fatica i primi due racconti. Belli gli incipit. Man mano che si prosegue, però, le storie diventano barbose e troppo volgari e violente per i miei gusti.
    Ci sono parecchi aneddoti che fanno ridere ma poco altro di interessante, a mio parere.
    Mi ha incuriosita abbastanza l'ambientazione del primo racconto (da cui è tratto anche un film): una prigione (da cui è tratto anche un film).
    Non mi è mai piaciuto molto lo stile di scrittura di Stephen King: faccio fatica a seguirlo.
    L'unico suo libro che mi ha veramente appassionato è "Gli Occhi del Drago", snobbato dai più e lontano anni luce dal suo usuale modo di scrivere.

    ha scritto il 

  • 4

    Quattro stagioni, quattro racconti lunghi, quasi dei brevi romanzi per complessità e ricchezza della trama e dei personaggi.
    I primi due, "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank" e "Un ragazzo sve ...continua

    Quattro stagioni, quattro racconti lunghi, quasi dei brevi romanzi per complessità e ricchezza della trama e dei personaggi.
    I primi due, "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank" e "Un ragazzo sveglio" sono superbi, 5 stelle piene. Del primo conoscevo già tutto per aver visto il film Le ali della libertà (capolavoro) ma l'ho comunque gustato appieno per lo stile inconfondibile e ricco di dettagli di King, che fa passare la trama in secondo piano. Si tratta del racconto associato alla primavera, la primavera della speranza che accompagna anche i disperati per eccellenza, gli ergastolani, soprattutto se innocenti.

    Il secondo invece mi ha letteralmente risucchiata in un vortice di orrore da cui mio malgrado non riuscivo a staccarmi. A questo racconto è associata l'estate: estate di corruzione, la corruzione di un ragazzino troppo curioso e morbosamente interessato agli orrori nazisti incarnati da un vecchio capo dell SS nascosto in incognito nel suo paese. Il racconto forse più realistico e attuale...dove si può celare un mostro?Forse in ognuno di noi?

    Il terzo racconto, "Il corpo", associato all'autunno, mi è piaciuto meno degli altri, per quanto King sia sempre bravissimo nel parlare dei ragazzini e dei loro rituali particolari, che tutti abbiamo vissuto. Non ho visto il film che ne è stato tratto, "Stand by me", ma pare sia molto famoso, rimedierò!

    Il quarto racconto, associato all'inverno, è "Il metodo di respirazione". Anche questo non è eccezionale come i primi due, ma quando si associano un caminetto, una tempesta, il periodo natalizio e dei racconti paurosi difficile resistere!

    Raccolta consigliatissima, a chi ama i romanzi di King ma anche a chi volesse avvicinarsi a lui superando lo stereotipo che lo etichetta come scrittore di horror.

    ha scritto il 

  • 3

    Piacevole raccolta di racconti di Stephen King, famosa per aver ispirato film di successo quali “Le ali della libertà”, “L’allievo” e “Stand by me”.
    Il racconto migliore: "Un ragazzo sveglio".

    Qui, la ...continua

    Piacevole raccolta di racconti di Stephen King, famosa per aver ispirato film di successo quali “Le ali della libertà”, “L’allievo” e “Stand by me”.
    Il racconto migliore: "Un ragazzo sveglio".

    Qui, la mia recensione completa:
    https://ildilemmadelporcospino.wordpress.com/2015/04/10/i-brividi-del-venerdi-stagioni-diverse/

    ha scritto il 

  • 5

    Quattro racconti uno più bello dell'altro da cui, non a caso, sono stati tratti 4 film. Il migliore rimane "Il corpo", dove l'autore narra con la consueta maestria i tempi dell'infanzia a lui tanto ca ...continua

    Quattro racconti uno più bello dell'altro da cui, non a caso, sono stati tratti 4 film. Il migliore rimane "Il corpo", dove l'autore narra con la consueta maestria i tempi dell'infanzia a lui tanto cari, seguito da "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank" dove viene descritto l'ambiente carcerario e una fuga a dir poco geniale. La miglior raccolta di racconti lunghi di King

    ha scritto il 

  • 5

    Da un unico libro sono stati tratti tre filmoni su quattro racconti totali.
    Stand by me.
    Le ali della libertà.
    L'allievo.
    Il quarto racconto è, a sua volta, magnifico e surreale.
    Altro da aggiungere? ...continua

    Da un unico libro sono stati tratti tre filmoni su quattro racconti totali.
    Stand by me.
    Le ali della libertà.
    L'allievo.
    Il quarto racconto è, a sua volta, magnifico e surreale.
    Altro da aggiungere?

    ha scritto il 

Ordina per