Stagioni diverse

Di

Editore: Sperling & Kupfer

4.3
(3305)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 588 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Chi semplificata , Francese , Spagnolo , Olandese , Tedesco , Portoghese , Polacco , Ceco , Russo

Isbn-10: 8860615887 | Isbn-13: 9788860615886 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Bruno Amato , Paola Formenti , Maria Barbara Piccioli

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Stagioni diverse?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Stagioni diverse, valutazioni diverse

    Ciascuno di questi racconti o novelle sono stati scritti subito dopo aver terminato un romanzo.Il corpo, il racconto più vecchio, fu scritto subito dopo Salem’s Lot; Un ragazzo sveglio nelle due setti ...continua

    Ciascuno di questi racconti o novelle sono stati scritti subito dopo aver terminato un romanzo.Il corpo, il racconto più vecchio, fu scritto subito dopo Salem’s Lot; Un ragazzo sveglio nelle due settimane successive alla conclusione di The Shining; Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank è stato scritto dopo La zona morta; e Il metodo di respirazione, il più recente, subito dopo L’incendiaria.

    Avevo già visto tutti e tre i film tratti da altrettanti racconti e quindi per un buon 85% sapevo in partenza cosa mi aspettava.Considerando che due film sono davvero bellissimi, ho voluto vedere se il libro lo era ancora di più...

    -Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank:
    Racconto originale, appassionante, veramente notevole. Detto questo, meglio il film!
    La sceneggiatura risulta ampliata, migliorata e sviluppata più a fondo...si tratta di una pellicola considerata tra le migliori di sempre, e lo è!

    -Un ragazzo sveglio:
    Indubbiamente un buon racconto ma non imperdibile.Diciamo che si fa leggere, senza andare oltre.(dello stesso livello il film)

    -Il corpo:
    Nella postfazione King dice che ogni buon racconto dovrebbe farti dimenticare per un po’ la realtà che ti pesa sulle spalle e trasportarti in un luogo in cui non sei mai stato (è la magia più apprezzabile che lui conosca).Per me invece un buon racconto deve si fare questo, ma deve anche rapirti fin dall'inizio, farti immergere e assorbirti in un coinvolgimento estasiato fino all'ultimo e una volta finito, oltre a farti sentire nostalgico deve sopprattutto farti pensare a quanto hai letto, a quanto ti è stato lasciato e donato e farti rimanere assorto in uno stato meditativo di riflessioni e pensieri profondi.Questo racconto fa tutto questo ed é bellissimo: autentico, sincero, intimo, etereo.Da solo fa meritare le cinque stelle al libro ed è per distacco il migliore del libro.
    Bellissimo anche il film (secondo King la migliore trasposizione tratta dalle sue opere)

    -Il metodo di respirazione:
    è l'unico racconto senza la trasposizione cinematografica e si capisce perchè: insulso,scritto male, senza senso.Considerando il potenziale dell'autore, più che una vergogna, un dispiacere: con un talento del genere non puoi permetterti di essere mediocre.

    ha scritto il 

  • 5

    L'eterna primavera della speranza - Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank: 5/5

    L'estate della corruzione - Un ragazzo sveglio: 4/5

    L'autunno dell'innocenza - Il corpo: 5/5

    Una storia d'inverno - ...continua

    L'eterna primavera della speranza - Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank: 5/5

    L'estate della corruzione - Un ragazzo sveglio: 4/5

    L'autunno dell'innocenza - Il corpo: 5/5

    Una storia d'inverno - Il metodo di respirazione: 3.5/5

    ha scritto il 

  • 5

    Tre dei quattro racconti sono fantastici: sottili, storie che ti tengono sempre sul punto di chiederne di più, emozionanti. Ne hanno infatti tratto tre film di cui due trovo meravigliosi. La quarta st ...continua

    Tre dei quattro racconti sono fantastici: sottili, storie che ti tengono sempre sul punto di chiederne di più, emozionanti. Ne hanno infatti tratto tre film di cui due trovo meravigliosi. La quarta storia è comunque intrigante, da brividi, curiosa, ma accennata, che potrebbe avere ancora un bel po' di cose da dire. Nel complesso una goduria di libro.

    ha scritto il 

  • 5

    4個不相關的長篇小說集。第1章春天的「肖克申監獄」,就是經典電影(IMDB第1名)《刺激1995》的原著,書跟電影都超級好看!

    ha scritto il 

  • 4

    "Spero che ti sia piaciuto, lettore; che abbia fatto per te quello che ogni buon racconto dovrebbe fare... farti dimenticare per un po' la realtà che ti pesa sulle spalle e trasportarti in un luogo in ...continua

    "Spero che ti sia piaciuto, lettore; che abbia fatto per te quello che ogni buon racconto dovrebbe fare... farti dimenticare per un po' la realtà che ti pesa sulle spalle e trasportarti in un luogo in cui non sei mai stato. E' la magia più apprezzabile che io conosca."

    Ebbene sì!
    Grazie soprattutto a Jimmy ;)

    ha scritto il 

  • 5

    Scrivo questa recensione un po' dopo aver letto il libro, perchè rivisitando la mia libreria ho deciso di modificare il voto dalle 4 stelle iniziali a 5. La scelta è semplice: i 4 racconti continuano ...continua

    Scrivo questa recensione un po' dopo aver letto il libro, perchè rivisitando la mia libreria ho deciso di modificare il voto dalle 4 stelle iniziali a 5. La scelta è semplice: i 4 racconti continuano a tornarmi in mente anche dopo mesi, insieme alla voglia di rileggerli e quella di leggerli a qualcuno.
    Nonostante tra i più famosi, "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank" è quello che personalmente mi è piaciuto meno, nonostante sia ben scritto e piacevole da leggere. La storia è fluida e raccontata magistralmente dal punto di vista esterno. Un racconto più dolce del Stephen King che amo.
    "Un ragazzo sveglio" invece mi ha sicuramente colpito, che è il merito maggiore che gli riconosco. Una storia forte e cattiva, forse non troppo verosimile ma difficile da dimenticare.
    "Il corpo" è un racconto nostalgico che parla di una giovinezza che tutti abbiamo vissuto, e ne riporta fuori i sentimenti e le atmosfere, intrecciandoli in una storia avventurosa e di crescita.
    "Il metodo di respirazione" è più lento e mi ha un po' ricordato i racconti neri di Poe o Lovecraft, anche se ovviamente lo stile è diverso. Sarà perchè studio medicina ma è quello che ricordo con più affetto della raccolta. Misterioso e triste, adatto ad essere letto e riletto nelle fredde serate d'inverno.

    ha scritto il 

  • 4

    L'horror che è in noi

    Crescere in una cittadina di provincia del New England o in un carcere, presenta fondamentalmente un tratto in comune: se c'è l'occasione, esce in demone che è in noi. Il male siamo noi!

    ha scritto il 

  • 4

    POCO HORROR, MOLTO KING.

    C'è poco da dire, nel senso che anche questa volta il maestro ci ha regalato tre storie incredibili e piene di emozioni. Si, non sono impazzito. Questa volta di horror, spaventoso, in stile king c'e p ...continua

    C'è poco da dire, nel senso che anche questa volta il maestro ci ha regalato tre storie incredibili e piene di emozioni. Si, non sono impazzito. Questa volta di horror, spaventoso, in stile king c'e poco. Ma nonostante tutto le novelle volano via come se niente fosse, un unica stessa storia. Belle e spaventosamente emozionanti!
    Stand by me!

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per