Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Staminali del Sangue

La terapia in contatto con il futuro

Di

Editore: Edizioni Altea

0.0
(0)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 222 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8897525016 | Isbn-13: 9788897525011 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Medicine

Ti piace Staminali del Sangue?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L’attuale concetto che le staminali agiscano sul sistema immunitario (immunomodulazione) va identificato nella capacità organizzativa e informativa discrezionale delle cellule in situazioni diverse, avvicinando la medicina alla fisica moderna che è alla base di tutte le branche della scienza. Il sangue è la miglior fonte di staminali e il risultato terapeutico si ha dalla corretta percentuale di ogni tipo di staminale deprogrammata ottenuta da sangue(emopoietiche, mesenchimali e pluripotenti) prodotta da quell'individuo in quel determinato momento. Questo cocktail cellulare non deve essere considerato un “farmaco rigenerativo”, ma una "piccola casa farmaceutica" che produce il farmaco giusto al momento giusto, toccando con consequenzialità gli interruttori di un processo così profondamente interconnesso che mai riusciremo a capire completamente. Se paragoniamo le staminali pluripotenti adulte alla benzina bisogna aver avuto l’idea di estrarla dal petrolio, cioè senza la teoria di un “veterinario pratico” che presupponeva nel sangue l’esistenza di staminali pluripotenti sarebbe stato molto difficile andarle a cercare proprio nel sangue, prova ne sia che la ricerca di tutto il mondo è arrivata solo ad ottenere un surrogato delle cellule staminali pluripotenti : “staminali pluripotenti indotte”, difficili da produrre e piene di controindicazioni. Inoltre bisogna aver avuto l’idea di mettere la benzina nel serbatoio (inoculare le cellule) per dare energia all’automobile (organizzare l’organismo).L'inoculazione sistemica delle staminali è sovrapponibile al concetto di vaccinazione. Ma mentre con la vaccinazione si inocula materiale biologico per informare una piccola parte del sistema immunitario e attivarlo verso una malattia specifica, con le cellule staminali informiamo tutto il sistema psico-neuro-endocrino -immunitario, migliorando la prevenzione e la risposta immunitaria verso malattie già in atto. Le cellule staminali di cui parliamo si ottengono in 72 ore da pochi ml.di sangue e se ne possono ottenere molte più di quelle che servono , possono essere considerate un’emotrasfusione autologa e contengono anche staminali pluripotenti che possono agire sulle malattie neurologiche . Poi, a differenza di ogni altro tipo di staminale messa in coltura, mostrano solo i recettori di staminalità che gli permettono di essere qualificate e quantificate, risultando le uniche che possono essere accettate per una sperimentazione umana in virtù anche del fatto di sottostare alla normativa vigente sugli auto emoderivati autologhi. I risultati di comprova induttiva della mia teoria terapeutica sono promettenti ed eccitanti e si arricchiscono ogni giorno di nuove conferme. Stiamo parlando di una scoperta che potrà essere applicata in terapia non tra decenni, ma tra giorni ed avrebbe come utenti tutti gli uomini della terra perché le staminali ottenute da sangue possono essere usate in via preventiva come una sorta di vaccino universale per trattare malattie ancora non manifeste clinicamente. Il primo Stato che si renderà conto di questo diventerà la meta dei malati e si sostituirà con un protocollo autorizzato e trasparente ai “viaggi della speranza”.