Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Star Trek: Il Ritorno

Di

Editore: Fanucci (Fanucci Tascabili n. 45)

3.8
(57)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 442 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8834705424 | Isbn-13: 9788834705421 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Carlo Borriello

Genere: Fiction & Literature , Home & Gardening , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Star Trek: Il Ritorno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Verdiano III: un mondo è stato salvato, la U.S.S. Enterprise 1701-D è ridotta a un ammasso di detriti, e uno dei più grandi eroi della Galassia riposa sotto un misero cumulo di pietre su una solitaria collina. Ma quando un leggendario ambasciatore Vulcaniano visita la tomba del suo più caro e grande amico, l'avventura ha inizio... I Borg e l'Impero Romulano hanno unito le loro forze in una terribile alleanza contro la Federazione Unita dei Pianeti, e la loro arma finale è proprio James T. Kirk, resuscitato da una misteriosa scienza aliena per distruggere il più formidabile nemico dei Borg: Jean Luc Picard. Da Deep Space Nine allo stesso pianeta natale dei Borg, la battaglia si dipana nell'ultimo scontro tra la vecchia e la nuova generazione. Vecchi amici si riuniscono e antichi segreti vengono svelati. Riker, Spock, Data, McCoy e tutti i migliori ufficiali della Federazione si trovano coivolti in una saga cosmica che metterà alla prova la loro capacità e lealtà. "Il Ritorno" è il seguito de "Le Ceneri del Paradiso" uscito in questa stessa collana.
Ordina per
  • 1

    Tra "scrivere" e "recitare" c'è di mezzo la galassia!

    Ok, lo ammetto in anticipo: non ho letto il primo libro. E non ho intenzione di farlo, se è per questo. Sinceramente non l'avrei nemmeno comprato, ma purtroppo è stato un regalo, ed eccomi qui a scrivere una recensione al riguardo.
    Il rapporto tra me e l'ammasso di pagine è sempre stato alquanto ...continua

    Ok, lo ammetto in anticipo: non ho letto il primo libro. E non ho intenzione di farlo, se è per questo. Sinceramente non l'avrei nemmeno comprato, ma purtroppo è stato un regalo, ed eccomi qui a scrivere una recensione al riguardo. Il rapporto tra me e l'ammasso di pagine è sempre stato alquanto fragilino. A partire dal fatto che un attore si trasformi magicamente in scrittore è una cosa che mi puzza alquanto. E infatti già dal prologo il mio povero cervello ha fatto "boooom"... Che bisogno c'è di staccare ad ogni punto e andare a capo? Vuoi rendere la narrazione più tesa? Non ce la fai! Fai solo venire un'emicrania al lettore e sprechi carta preziosa! E se devi inserire flashback (da due righe ciascuno) con dei dialoghi... Sii ordinato. Ma sorvoliamo. Buttandoci (personalmente l'ho trovato come un tuffo con le scarpe di cemento) nella narrazione, la situazione non migliora. Ma sorvolando sui soliti stacchi, eccoci catapultati in delle vicende che dovrebbero esser attorniate da un alone di mistero e che... Vabbe', la risposta la sapete già. Conclusione: mi sono fermato al terzo capitolo. Considerazioni: Shatner... Interpretalo, il Capitano Kirk. Su di lui non scrivere niente.

    ha scritto il 

  • 4

    shelby belittling picard, borg dobermans (!), kirk defeating the dominion with his bare hands - oh, and he came back from the dead, too. fun and intriguing, though the tng crew looks a bunch of idiots.

    ha scritto il 

  • 5

    Data stellare: sconosciuta

    Per un fan di Star Trek è praticamente impossibile non amare questo libro. Certo, non sarà il primo né l’unico crossover dell’universo di ST, ma non ho idea di dove altro sia possibile trovare insieme personaggi della serie classica, TNG e DS9, e in più Romulani, Borg e molte, molte altre cose – ...continua

    Per un fan di Star Trek è praticamente impossibile non amare questo libro. Certo, non sarà il primo né l’unico crossover dell’universo di ST, ma non ho idea di dove altro sia possibile trovare insieme personaggi della serie classica, TNG e DS9, e in più Romulani, Borg e molte, molte altre cose – e devo mordermi la lingua (o le mani) per non dirle tutte. Avvincente, coinvolgente, con una trama compatta e ben congegnata, e poi battaglie, intrighi, equivoci, insomma adrenalina allo stato puro. Il personaggio di James T. Kirk è anche qui, come nel predecessore “Le ceneri del paradiso”, il grande protagonista, ma è ora affiancato da vecchie e nuove controparti di primo piano; anche Picard, a motivo dei suoi trascorsi con i Borg, occupa molto spazio all’interno della trama; e Spock, omaggio di Shatner al suo compagno di vecchia data, gioca un ruolo chiave, probabilmente più di tutto l’equipaggio dell’Enterprise-D. In effetti l’unica piccola pecca è che i vari Data, Worf, LaForge ecc. non sono sufficientemente valorizzati in questo romanzo – ma forse era chiedere un po’ troppo, per un romanzo che contiene già moltissimo. Esagero: probabilmente uno dei migliori romanzi di fantascienza che abbia mai letto, sebbene mi sia difficile valutare se un non-adepto lo troverebbe altrettanto elettrizzante. Per gli altri, in ogni caso, una ripassatina al 7° film prima della lettura è consigliata.

    ha scritto il 

  • 2

    Seguito de "Le ceneri del Paradiso" e cambio di rotta piuttosto deciso rispetto a quest'ultimo. Un'orgia di "effetti speciali", che, se già in un film potrebbero essere eccessivi, in un romanzo sono assurdamente fuori contesto. L'iuntero romanzo è una escalation supereroistica di gesta volte a sa ...continua

    Seguito de "Le ceneri del Paradiso" e cambio di rotta piuttosto deciso rispetto a quest'ultimo. Un'orgia di "effetti speciali", che, se già in un film potrebbero essere eccessivi, in un romanzo sono assurdamente fuori contesto. L'iuntero romanzo è una escalation supereroistica di gesta volte a salvare la vita l'universo e tutto quanto, tra esplosioni di astronavi sempre più grosse. E' talmente "giocattoloso" che può anche piacere!

    ha scritto il