Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Starter for Ten

By

Publisher: Hodder & Stoughton

3.6
(743)

Language:English | Number of Pages: | Format: Audio Cassette | In other languages: (other languages) Italian , Swedish , Portuguese , Chi traditional , Spanish , Polish

Isbn-10: 1840328290 | Isbn-13: 9781840328295 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , Softcover and Stapled , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Teens

Do you like Starter for Ten ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The year is 1985 and Brian has just started his first term at university, armed with the obligatory CND membership and a complete set of Kate Bush albums. But he also has a dark secret - a long-held, burning ambition to appear on University Challenge and now, finally, it seems the dream is about to become reality. He's made the team, they've successfully completed the qualifying rounds and are limbering up for their first televised match in January. Surely it's only a matter of time before Brian is shaking hands with Bamber Gascoigne and holding aloft the silver-plated commemorative plaque? But Brian has a whole lot of living to do before then and when he falls in love with his team-mate, the off-puttingly posh Alice, he finds there's more than a spanner in the works...In Starter For Ten, David Nicholls has written a novel that will have you sniggering uncontrollably for days and leave you begging for more. Are you up to the challenge?
Sorting by
  • 4

    Una storia quasi ordinaria, semplice, quotidiana, che ti sorprende proprio per la sua ingenuità e trasparenza, come solo Nicholls riesce a fare a pieno. Alla fine si tratta soltanto di Brian, che da u ...continue

    Una storia quasi ordinaria, semplice, quotidiana, che ti sorprende proprio per la sua ingenuità e trasparenza, come solo Nicholls riesce a fare a pieno. Alla fine si tratta soltanto di Brian, che da una paesino di provincia inglese si trasferisce a Bristol per iniziare la sua nuova vita, iscritto alla facoltà di Letteratura Inglese. Si tratta di lui e di tutte le persone che conoscerà, di cui si innamorerà e con cui litigherà. Si tratta del suo presente,ma soprattutto del suo passato, di suo padre che muore quando lui ha solo 12 anni e di come passavano il tempo insieme, guardando University Challenge alla TV. Si tratta della possibilità di crearsi una nuova vita,far nascere qualcosa di buono dal male che si è ricevuto. Ma sarà poi così facile ricominciare,in una ambiente completamente diverso da quello a cui si era abituati e circondati da persone così nuove e diverse da se stessi? Riuscirà a portare a termine i suoi obiettivi universitari nel migliore dei modi? Quanto uscirà cresciuto dal suo primo anna fuori casa? Implicitamente sono proprio queste le domande di Brian: non si tratta soltanto di rispondere alle domande di University Challenge, ma si tratta soprattutto di cercare risposte a se stessi, ai proprio dubbi e alle proprie incertezze. E' il primo libro scritto da Nicholls e sia questo che il fatto che si presentasse come il solito romanzo di crescita adolescenziale non mi avevano creato aspettative altissime. E invece ha finito per sorprendermi davvero tanto, riportandomi a rivivere alcuni momenti del mio primo anno di università, che ormai avevo chiuso nei meandri della mente già da qualche anno. I personaggi sono tutti interessanti,non è ho trovato uno stereotipato. In ognuno c'è sempre qualcosa che finisce per allontanarlo dai grandi classici. Forse perchè la storia è ambientata nel 1985 e quelli erano anni di grandi cambiamenti culturali, di nascita di nuovi movimenti politici. Un'aria frizzante e movimentata che coinvolge principalmente i giovani, tutti orientati politicamente e con idee molto definite. Brian è senza dubbio il mio personaggio preferito. Non è il solito imbranato che non si sa comportare con le donne, ma che compensa pienamente con i risultati universitari. Anzi: Brian è davvero uno di noi. Sempre caratterizzato da un certo humor, che usa per fare colpo con le ragazze con risultati più o meno soddisfacenti. La parte interessante , secondo me, del personaggio di Brian è proprio il suo rapporto con l'università:niente è semplice come lui immaginava, comincia ad avere i primi problemi con la Letteratura e comincia a farsi domande su quello che veramente fa per lui nella vita. Mi piace tanto proprio perchè è umano, è un personaggio reale, raccontato con naturalezza e trasparenza. Una cosa che mi ha colpito molto durante la lettura è l'ingenuità e la purezza con cui vengono raccontati e descritti i sentimenti, come se non esistesse niente di più nobile nella vita dell'amore o dell'amicizia, degli affetti in generale. Questo libro non è stato soltanto una leggera lettura estiva, ma per me è stata una leggera lettura estiva piena di significati che forse soltanto una persona che ha vissuto l'esperienza universitaria fuori sede può capire a pieno.

    said on 

  • 4

    vicende a parte, posso solo dire che tutte le sensazioni, odori, pensieri, parole... insomma, tutto ciò che ricordo della mia adolescenza è dentro questo libro!
    personalmente da preferire ad "Un giorn ...continue

    vicende a parte, posso solo dire che tutte le sensazioni, odori, pensieri, parole... insomma, tutto ciò che ricordo della mia adolescenza è dentro questo libro!
    personalmente da preferire ad "Un giorno"!

    said on 

  • 4

    «E' il libro più divertente che abbia mai letto da quando ho letto il libro più divertente che abbia mai letto!» Nicolaus Hornby, Fresh Sunday Manchester Times

    «Avete presente quei libri carini col pr ...continue

    «E' il libro più divertente che abbia mai letto da quando ho letto il libro più divertente che abbia mai letto!» Nicolaus Hornby, Fresh Sunday Manchester Times

    «Avete presente quei libri carini col protagonista carino che raccontano una storia tanto carina che vi fa pensare di aver trascorso un intero pomeriggio così carino? Beh, “Le domande di Brian” vi farà sentire così.» Alberto Eco, Lettera a 4 imbecilli, apparsa sulla rivista Limite Ignoto, settembre 2013.

    «Se leggete “Le domande di Brian” al contrario, oltre a sapere prima come va a finire, vi apparirà Satana che bestemmia in irpino!» Don Mariolino Adinolfi, in supplemento a Infissi&Famiglia, luglio 2012, num. 102.

    «Non ridevo così a crepapelle leggendo qualcosa dai tempi della Magna Carta!» Sir Henry Leiter-Johnson, Discorso al Circolo di Canottaggio di Moonterray Port Accademy, Gennaio 2014.

    «Leggendo “Le domande di Brian” gli occhi vi diventeranno tutti bianchi e finirete nel tunnel della droga, passando tutto il giorno a bucarvi i bracci con gli spinelli.» Carcarlo Jus Giovanardi, "Son 30 anni che dico cazzate eppure mi pagano ancora- un' introduzione agiografica", Papi&Papesse Editore, 2015.

    said on 

  • 3

    Aderisco completamente a questo romanzo di formazione ambientato negli anni '80, con la mia musica, le mie nevrosi classiste, la mia defunta acne giovanile.
    Molto divertente e con finale non scontato. ...continue

    Aderisco completamente a questo romanzo di formazione ambientato negli anni '80, con la mia musica, le mie nevrosi classiste, la mia defunta acne giovanile.
    Molto divertente e con finale non scontato.

    said on 

  • 1

    è la storia di un idiota (per essere elegante). è stata un'impresa finirlo, infatti nel frattempo ho letto altro! l'ho comprato, convinta dalla commessa della libreria, che fosse una ideale lettura da ...continue

    è la storia di un idiota (per essere elegante). è stata un'impresa finirlo, infatti nel frattempo ho letto altro! l'ho comprato, convinta dalla commessa della libreria, che fosse una ideale lettura da ombrellone.
    L'ho trovato estremamente banale e ovvio. Sconsigliato!

    said on 

  • 4

    La tarda adolescenza negli anni '80

    Cronache di un'età perfetta in tutte le sue imperfezioni, nell'epoca in cui ad essere social non erano i network virtuali. Interessante rincorsa di Nicholls verso il suo masterpiece One Day.

    said on 

Sorting by