Statale 17

Storie minime transumanti

Voto medio di 16
| 12 contributi totali di cui 8 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"La Statale 17 corre in Abruzzo tra la conca aquilana e il piano di Navelli. Ricalca un antico tratturo e rivela una storia stratificata e complessa. Questo è un libro di storie e rivelazioni. Da noi si dice che la robba de campagna è di Dio e di ... Continua
Ha scritto il 26/02/13
Indipendentemente dal fatto che siate abruzzesi o forestieri, leggete questo libro! Se L'Aquila, per un qualunque motivo, fa parte della vostra geografia sentimentale, finirete per ridere e commuovervi quasi a ogni pagina (perdonando a Barbara Summa ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 04/07/10
E' un libro bellissimo, non ci sono parole. C'è una vita, una storia infinita dentro, ricordi di bambina che sono ricordi di tutti, storie di intrecci, di luoghi, di caffe' bevuti in cucina, di balconi colorati, di bambini che saltano, di vocali e ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 03/06/10
questa recensione è nata dopo aver letto le prime due pagine del libro. ovviamente adesso non me la ricordo più, quella, ma nella sostanza non sarà molto diversa.è nata così presto perché ho vissuto anch'io un terremoto, e ricordo ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 22/05/10
Chi eravamo? Dove stavamo andando? Chi siamo oggi? Barbara Summa, emigrando anni or sono in Svizzera, ha salutato in maniera meno traumatica della nostra le viuzze del centro, i negozietti “storici”, il mercato di piazza Duomo, i borghetti sulla ...Continua
  • 5 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 31/03/10
…Che a parlare del terremoto si potrebbe pensare sono bravi tutti… Quando a San Pio Delle Camere ho visto questo volumetto, qualcosa me lo ha fatto amare sin da subito; la delicatezza della copertina, il sottotitolo Storie Minime ...Continua
  • 3 mi piace
  • 3 commenti

Ha scritto il Feb 01, 2010, 21:32
Siamo stati fortunati, dicono. Ci è andata bene, siamo tutti vivi, e intanto mi raccontano di chi è morto. Ma io li trovo diversi, perchè hanno lo sguardo. Li conosco da una vita, e lo sguardo che avevano prima. Non era questo. Questo è lo ...Continua
Pag. 2700
Ha scritto il Feb 01, 2010, 20:39
L'unica cosa notevole di Onna, ma bisognava saperlo, erano i fagioli bianchi di Onna.... Sono rarissimi , date le dimensioni del paese, in genere coltivati per uso personale, e parcamente ceduti a parenti ed amici. Ecco, mettiamola così che è ...Continua
Pag. 2425
Ha scritto il Feb 01, 2010, 20:34
A me è sempre bastato andare ad Ofena e dormirci una notte, un paio d'ore,qualcosa. lo facevo sul serio, se ero lontanamente nei paraggi: deviazione, parcheggio, entro in casa, dormo, mi faccio un girom per le stanze e riparto. Come dormo li non ...Continua
Pag. 2021
Ha scritto il Feb 01, 2010, 20:19
So salitu ajju Gran Sassu So rimastu ammutulitu Me parea che passu passu Se sajjesse ajj'infinitu.
Pag. 8

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi