Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Stecchiti & censiti

L'enciclopedia illustrata di tutti i modi in cui si passa a miglior vita

Di

Editore: Vallardi

3.8
(44)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 534 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8878871664 | Isbn-13: 9788878871663 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Entertainment , Non-fiction , Social Science

Ti piace Stecchiti & censiti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Non vorremmo morire (e nemmeno invecchiare, se è per questo). D'altra parte, come dice Woody Allen, se vogliamo vedere il lato positivo, morire è una delle poche cose che si possono fare stando sdraiati. In realtà non è detto: siamo assolutamente sicuri che un giorno moriremo, ma non sappiamo nemmeno come. Fare gli scongiuri serve a poco, però meglio di niente... Nel '700 le cause descritte di morte erano meno di 100. Oggi le cause certificate sono più di 3.000, dalle più tradizionali e scontate alle più rare e incredibili: trasporti (nessuno escluso), guerre, malattie, parti, sport, violenze, alcol, singhiozzo, risate, ma anche: sesso (troppo o troppo poco), mancanza di sonno, alimentazione (troppa o troppo poca), materassi ad acqua, computer (di ogni tipo), porte girevoli, scorrevoli o altro, lavatrici, tostapane, ascensori, difetti di pronuncia... In oltre 10 anni di ricerche Michael Largo è riuscito a mettere insieme un'enciclopedia illustrata e in rigoroso ordine alfabetico, contenente più di 450 voci sulle cause di morte, registrando soltanto decessi certificati e fatti documentati.
Ordina per
  • 4

    Più di 3000 schede in ordine alfabetico in cui vengono esposti altrettanti modi documentati di morire, dal più bizzarro (c’è chi muore per uno starnuto, chi mangiando i propri capelli...), ai più agghiaccianti (sepolti in una bara, incastrati vivi nel condotto del camino, ecc...) ad altri che pos ...continua

    Più di 3000 schede in ordine alfabetico in cui vengono esposti altrettanti modi documentati di morire, dal più bizzarro (c’è chi muore per uno starnuto, chi mangiando i propri capelli...), ai più agghiaccianti (sepolti in una bara, incastrati vivi nel condotto del camino, ecc...) ad altri che possono anche far ridere e a certi che ti insegnano anche qualcosa - insegnamenti ovviamente per NON passare a miglior vita.
    Le schede sono spesso accompagnate da foto e reperti originali, utili durante la lettura anche se a volte decisamente più agghiaccianti delle schede stesse (tipo il famoso piede da trincea marcescente in primo piano); va detto però che proprio queste foto e illustrazioni sono la parte meno riuscita dell’intero volume: sono spesso minuscole e poi sono tutte in bianco e nero... per quasi 20 € ci si aspetterebbe qualcosa di più.
    Nel complesso però è un ottimo libro, non me lo aspettavo così inusuale, grottesco e allo stesso tempo interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Una specie di raccolta mini-enciclopedia di svariati modi per morire. Ci sono alcuni episodi avvincenti, altri sorprendenti, altri invece piuttosto "soliti". Il libro si lascia leggere anche come ho fatto io, partendo dalla A di Abactio (che sta per aborto) alla Z di Zoofatalismo. Il tomo si conc ...continua

    Una specie di raccolta mini-enciclopedia di svariati modi per morire. Ci sono alcuni episodi avvincenti, altri sorprendenti, altri invece piuttosto "soliti". Il libro si lascia leggere anche come ho fatto io, partendo dalla A di Abactio (che sta per aborto) alla Z di Zoofatalismo. Il tomo si conclude con una sventagliata di epitaffi di un certo interesse e con un mare di riferimenti bibliografici.

    ha scritto il 

  • 3

    Resistere fino all'ultima pagina...

    Non è malaccio se non si è fatalisti o deboli di stomaco o non ci si fa impressionare da qualcosa che può accadere...
    Divertente all'inizio poi tende a diventare un po' noioso... ma si lascia leggere.

    ha scritto il 

  • 5

    Se non ti uccide, ti fortifica

    I mille volti della Morte: tragica, violenta, silenziosa, dolorosa, improvvisa... ma anche -perché no?- comica, scandalosa, piacevole e assurda. Il lettore necessita di una buona dose di cinismo e sangue freddo (e a volte umorismo) per non sviluppare una serie infinita di fobie verso tutti i feno ...continua

    I mille volti della Morte: tragica, violenta, silenziosa, dolorosa, improvvisa... ma anche -perché no?- comica, scandalosa, piacevole e assurda. Il lettore necessita di una buona dose di cinismo e sangue freddo (e a volte umorismo) per non sviluppare una serie infinita di fobie verso tutti i fenomeni che in questo libro sono esaminati come cause di morte. (Se può aiutarvi, tenete presente che il libro si riferisce ad indagini svolte negli U.S.A.)
    Un consiglio? Non leggetelo in casa: è lì che avviene il maggior numero delle morti...
    Sarà anche una lettura didattica che non scorderete... per il resto dei vostri giorni!

    ha scritto il 

  • 2

    "Simpatico" e curioso, nulla di più, va preso per quello che è, ovvero un elenco in ordine alfabetico di morti alternative.
    E' anche un pò grottesco logicamente.

    ha scritto il 

  • 4

    Ahahaahahah bellissimo!!!!

    Quanti modi ci sono per passare a miglior vita???
    Molto divertente se pur un pò macabro...
    Ma lo avreste mai detto che dal 1958 ben 415 donne sono morte per allergia allo sperma?
    E che ogni anno 919 donne muoiono di embolia durante il sesso orale o il coito???...

    ha scritto il 

  • 5

    Il libro più bello/divertente/orripilante dell'universo

    In ordine alfabetico, circa 400 cause di morte: ci sono malattie curiose come cause banali, fatalità assurde... Fa ridere, inorridire e a volte portare la mano sulle palle (metaforiche, per quanto mi riguarda).


    Non so perchè... ma penso spesso a una voce in particolare: il suicidio di una ...continua

    In ordine alfabetico, circa 400 cause di morte: ci sono malattie curiose come cause banali, fatalità assurde... Fa ridere, inorridire e a volte portare la mano sulle palle (metaforiche, per quanto mi riguarda).

    Non so perchè... ma penso spesso a una voce in particolare: il suicidio di una giornalista, credo degli anni 60 (dalla foto somiglia guarda caso alla Plath), che nel mezzo di una trasmissione in diretta ha detto suppergiù, sorridendo:
    "E ora, in linea con la politica di Channel 4 di portare l'informazione anche cruenta, a colori, direttamente a casa vostra, assisterete a un tentativo di suicidio in diretta!"
    Ha estratto la pistola e si è sparata in bocca...

    Ecco, quella donna stava male, ma senz'altro aveva un ottimo senso dell'umorismo.

    ha scritto il