È il 1889, eppure si direbbe l'inizio del mondo. Michele Angelo e Mercede sono poco più che ragazzini quando s'incontrano per la prima volta, ma si riconoscono subito: "lui fabbro e lei donna". Quel rapido sguardo che si scambiano è una promessa sile ...Continua
Teresa Soru
Ha scritto il 25/10/17
null

Inizio di una trilogia fantastica.. Da non perdere.. Lettura veloce.. Ma travolgente

  • 1 mi piace
  • 1 commento
Angelo
Ha scritto il 23/08/17
“gli amori durano esattamente un momento perfetto, il resto è solo rievocazione, ma quel momento può essere sufficiente a dare un senso a più di una vita”
Prende il via con “Stirpe” la trilogia di Fois della famiglia Chironi, lo stile di Fois, per chi già lo conosce, non tarda a farsi riconoscere, una scrittura dura e tagliente, senza nessuna concessione al sentimentalismo, perlomeno non nella maniera...Continua
  • 11 mi piace
  • 5 commenti
AdrianaT.
Ha scritto il 15/12/16
Saga Chironi *
Violenza raccapricciante, suicidi e follia le costanti di Fois in questa storia famigliare; lettura cupa e acre però leggibilissima, perché lui è un narratore niente male. Ma bisogna avere un po' di coraggio e prenderlo a piccole dosi, perché le sue...Continua
  • 5 mi piace
  • 1 commento
Sally68
Ha scritto il 25/10/16
La Famiglia Chironi, descritta dalla penna ricercata di Marcello Fois, è una famiglia sarda che a cavallo tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 vive le sue vicende personali. Gente semplice, apparentemente senza radici, lavoratori che altro non vo...Continua
  • 9 mi piace
  • 2 commenti
Muttley
Ha scritto il 22/10/16
forma e sostanza

Una storia epocale scritta con sapiente maestria

  • 2 mi piace

Elly Chan10
Ha scritto il Dec 31, 2015, 11:09
Gli amori durano esattamente un momento perfetto, il resto è solo rievocazione, ma quel momento può essere sufficiente a dare un senso a più di una vita.
Giannina Alchemilla
Ha scritto il Nov 03, 2013, 09:50
Altre volte era successo che gli uomini nascessero nello spazio oscuro, piuttosto che verso la luce, cosicché come Giuda o Alessandro Serenelli che massacrò Maria Goretti, anche il Catgiu nacque per dimostrare che senza qualcuno che si prenda il peso...Continua
Pag. 178
Giannina Alchemilla
Ha scritto il Nov 03, 2013, 09:48
E quante risate, certo. E' possibile che nei racconti le risate siano meno interessanti dei pianti, perché a noi ci piace la passione che si annida dentro le sventure, ma risate ce ne sono state, e quante.
Pag. 171
Giannina Alchemilla
Ha scritto il Nov 02, 2013, 19:01
Perché così l'ha fermamente instradata Mercede: a dire che quanto più sarà disposta a servire tanto più sarà in grado di comandare. Non è roba da maschi questa, è roba da femminei, quindi è in assoluto il principio dei principi. Non è attitudine che...Continua
Pag. 130
Giannina Alchemilla
Ha scritto il Nov 02, 2013, 18:59
Ora il guadagno fu di capire senza ombra di dubbio che ogni cammino richiede una meta e che stare al mondo perché c'è posto, non è esattamente quella che si può definire una meta.
Pag. 23

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi