Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Stonehenge

Di

Editore: RL Libri - Superpocket

3.5
(351)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 512 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Francese

Isbn-10: 8846202031 | Isbn-13: 9788846202031 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: L. Perria

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Stonehenge?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Cornwell cerca di ricostruire come era la vita 2000 anni a.C., ed immagina l'ipotetica società che produsse il tempio di Stonehenge. Il romanzo è piuttosto piacevole, forte dell'energia narrativa del suo autore, anche se a volte sembra "annacquato" e perde fluidità. La sensazione è che Cornwell a ...continua

    Cornwell cerca di ricostruire come era la vita 2000 anni a.C., ed immagina l'ipotetica società che produsse il tempio di Stonehenge. Il romanzo è piuttosto piacevole, forte dell'energia narrativa del suo autore, anche se a volte sembra "annacquato" e perde fluidità. La sensazione è che Cornwell aveva un'idea che è andata cambiando nel corso della scrittura.

    ha scritto il 

  • 4

    Chi non è mai stato affascinato dal mistero di Stonhenge? Cornwell sfruttando l'alone di mistero che aleggia attorno a Stonhenge e unendovi le conoscenze storiche, frutto di una notevole ricerca storica, ha creato un romanzo bellissimo e verosimile.
    Stonehenge si legge tutto d'un fiato graz ...continua

    Chi non è mai stato affascinato dal mistero di Stonhenge? Cornwell sfruttando l'alone di mistero che aleggia attorno a Stonhenge e unendovi le conoscenze storiche, frutto di una notevole ricerca storica, ha creato un romanzo bellissimo e verosimile.
    Stonehenge si legge tutto d'un fiato grazie alla scorrevolezza del racconto, all'ottima descrizione dei personaggi, dei loro sentimenti e delle emozioni che essi vivono durante tutto il racconto e che inevitabilmente si proiettano dentro il lettore.
    Dopo aver letto questo libro, pensando a Stonehenge non si potrà fare a meno di pensare alla storia dei due fratelli e all'amore che si contendo per tutta la storia.

    ha scritto il 

  • 5

    Su stonehenge ne hanno scritte parecchie. Sul suo significato, sulla sua costruzione, su cosa potesse rappresentare e cosa rappresenta questo suggestivo luogo megalitico. Libri tecnici, romanzi... Molti scrittori hanno ambientato le loro storie li o hanno esposto le loro tesi a riguardo.


    Q ...continua

    Su stonehenge ne hanno scritte parecchie. Sul suo significato, sulla sua costruzione, su cosa potesse rappresentare e cosa rappresenta questo suggestivo luogo megalitico. Libri tecnici, romanzi... Molti scrittori hanno ambientato le loro storie li o hanno esposto le loro tesi a riguardo.

    Questo libro è una via di mezzo fra tutte queste cose. L'autore è il mio scrittore preferito e ammetto senza remore di aver letto questo volume piu di una volta. Bernard cornweel è uno scrittore che ambienta le sue storie con dovizia di particolari, ricercando informazioni sia riguardo il periodo storico che riguardo I luoghi in cui le storie si sviluppano, risultato è sempre un'interessante nota a fine libro in cui espone cio che è vero storicamente dividendolo da cio che ha inventato ai fini della sua opera. Anche in questo caso è cosi che si conclude la lettura, con un interessante elenco di dati e fatti riguardo la stonerhenge reale.

    Ma secondo me la bellezza del libro è un'altra: la capacita dell'autore di imbastire intorno alla costruzione di questo sito tutta una storia che vede protagonista il mondo di allora, I villaggi in guerra fra loro, le credenze del tempo, il fanatismo religioso, la vita di un uomo come tanti che si ritrova investito del compito piu difficile: innalzare un cerchio di pietre come mai prima di allora è stato fatto, per convincere il dio sole e la dea luna a incontrarsi e rimanere vicini, in modo che I freddi inverni e la fame conseguente siano solo un ricordo.

    Un libro appassionante, scritto con uno stile scorrevole, una storia affascinante, ricca anche di colpi di scena. Non posso fare a meno di consigliarvi questa lettura e questo autore, in particolar modo se siete appassionati di romanzi storici.

    ha scritto il 

  • 3

    ancient-history, adventure, britain-england, historical-fiction, published-1999, philosophy, spring-2010, witches-and-wizards, war, revenge, recreational-homicide, plague-disease, period-piece, gorefest, fraudio, bullies
    Read from April 07 to 15, 2010

    ** spoiler alert ** Stonehenge< ...continua

    ancient-history, adventure, britain-england, historical-fiction, published-1999, philosophy, spring-2010, witches-and-wizards, war, revenge, recreational-homicide, plague-disease, period-piece, gorefest, fraudio, bullies
    Read from April 07 to 15, 2010

    ** spoiler alert ** Stonehenge
    2000 B. C.
    Edition: Unabridged
    Written by: Bernard Cornwell
    Narrated by: Frederick Davidson

    Description - Four thousand years ago, a stranger's death at the Old Temple of Ratharryn—and his ominous "gift" of gold—precipitates the building of what for centuries to come will be known as one of mankind’s most singular and remarkable achievements. Bernard Cornwell's epic novel Stonehenge catapults us into a powerful and vibrant world of ritual and sacrifice at once timeless and wholly original—a tale of patricide, betrayal, and murder; of bloody brotherly rivalry; and of the never-ending pursuit of power, wealth, and spiritual fulfillment.

    Three brothers—deadly rivals—are uneasily united in their quest to create a temple to their gods. There is Lengar, the eldest, a ruthless warrior intent on replacing his father as chief of the tribe of Ratharryn; Camaban, his bastard brother, a sorcerer whose religious fervor inspires the plan for Stonehenge; and Saban, the youngest, through whose expertise the temple will finally be completed. Divided by blood but united—precariously—by a shared vision, the brothers begin erecting their mighty ring of granite, aligning towering stones to the movement of the heavenly bodies, and raising arches to appease and unite their gods. Caught between the zealousness of his ambitious brothers, Saban becomes the true leader of his people, a peacemaker who will live to see the temple built in the name of salvation and regeneration.

    Number of parts: 21
    Duration: 17 hours, 30 minutes

    ha scritto il 

  • 3

    In apparenza il solito polpettone avventuroso-storico, "Stonehenge" di Bernard Cornwell è invece un libro che non demerita e che, cosa non di poco conto, è abbastanza credibile.
    Unici perdonabili nei sono il difetto di energia nella narrazione e la caratterizzazione degli interpreti princip ...continua

    In apparenza il solito polpettone avventuroso-storico, "Stonehenge" di Bernard Cornwell è invece un libro che non demerita e che, cosa non di poco conto, è abbastanza credibile.
    Unici perdonabili nei sono il difetto di energia nella narrazione e la caratterizzazione degli interpreti principali che non è tale da riuscire a farli realmente sentire vicini a noi.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Uno dei più grandi manufatti dell’antichità giunti fino a noi, uno dei più grandi enigmi sui quali tanti uomini si sono interrogati. Anche Bernard ci si cimenta, ma non è sua intenzione dare una risposta scientifica, bensì creare una storia che faccia rivivere il grande tempio di Stonehenge calan ...continua

    Uno dei più grandi manufatti dell’antichità giunti fino a noi, uno dei più grandi enigmi sui quali tanti uomini si sono interrogati. Anche Bernard ci si cimenta, ma non è sua intenzione dare una risposta scientifica, bensì creare una storia che faccia rivivere il grande tempio di Stonehenge calando il lettore nel contesto storico della Gran Bretagna primitiva in cui fu eretto.
    Il protagonista della storia è Saban, terzo e ultimo figlio maschio del capo della tribù di Ratharryn. In lui riecheggiano molte delle caratteristiche di Derfel, così come il suo rapporto con Derrewyn e Aurenna ricorda quello del guerriero di Artù con Nimue e Ceinwyn e quello con il fratello maggiore, lo stregone deforme Camaban quello con Merlino. Ma questo fino a un certo punto, perché poi Aurenna si trasforma in una Ginevra, ossessionata come Camaban dal sogno di riportare la terra a un’età dell’oro dove non esistano più l’inverno, la sofferenza, le malattie e addirittura la morte.
    Sconfitti i sogni guerreschi del fratello maggiore Lengar, infatti, Camaban prende il potere a Ratharryn e dopo aver piegato anche l’eterna rivale Catallo, la tribù di Derrewyn, ordina a Saban di costruire il tempio che dovrà riappacificare Slaol, il dio del Sole, con Lahanna, la dea della Luna, e farlo riavvicinare alla Terra e ai suoi abitanti. Saban si prodiga nella costruzione del grandioso progetto del fratello, convinto, se non della possibilità di realizzazione di quanto sognato da Camaban e Aurenna, quantomeno del fatto che veramente gli dei apprezzeranno il sacrificio fatto e la magnificenza dell’opera e sapranno ricompensare chi l’avrà realizzata.
    Alla fine il tempio stesso porrà fine alla follia di Camaban e Aurenna, il primo ucciso dal fratello, la seconda dal crollo di una pietra dopo aver sacrificato agli dei l’unica figlia, Lallic.
    Toccherà allora a Saban, affiancato dalla sua terza donna, Kilda, guidare la tribù con la ponderazione e l’assennatezza che erano già state di suo padre Hengall, riportandola alla normalità dopo le follie guerresche e religiose di Lengar e Camaban, mentre suo figlio Leir e Hanna (precedentemente chiamata Merrel), la figlia di Derrewyn, potranno vivere insieme l’amore negato ai loro genitori.
    Resterà anche il grande tempio, meta nei secoli del pellegrinaggio di viaggiatori provenienti dai quattro angoli dell’isola e nei millenni di visitatori sconcertati dalla sua meravigliosa imponenza.

    ha scritto il 

  • 1

    Ho deciso di abbandonarlo perché non mi invitava per niente alla lettura e avrei impiegato un'eternità a portalo a termine. La storia non mi ha né ispirato curiosità né coinvolto nelle vicende dei personaggi.

    ha scritto il 

  • 4

    UN GIORNO VICINO A STONEHENGE VIENE UCCISO UN UOMO DI FUORI E QUESTO FATTO CAMBIERA' LA VITA DI VARI GRUPPI PRIMITIVI DELLA ZONA
    BUONA SCORREVOLEZZA NELLA STORIA CHE E' BEN AMBIENTATA E NON SUPERA MAI IL LIMITE DEL PUO' ESSERE SUCCESSO DAVVERO

    ha scritto il