Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Stoner

By

Editeur: Le Dilettante

4.3
(4383)

Language:Français | Number of pages: | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) Italian , English , Dutch , Spanish , German , Catalan , Swedish

Isbn-10: 2842636449 | Isbn-13: 9782842636449 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback

Category: Education & Teaching , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Aimez-vous Stoner ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Né pauvre dans une ferme du Missouri à la fin du xixe siècle, le jeune William Stoner est envoyé par ses parents — et au prix de quels sacrifices, à l’université pour y étudier l’agronomie. Hélas, ce grand garçon solitaire va découvrir les livres, la poésie et le monde de l’esprit.
Sorting by
  • 4

    davvero bello

    L'ho comprato in virtù delle recensioni positive che avevo letto in giro oltre che del consiglio del mio libraio di fiducia che me lo aveva caldamente raccomandato. L'ho trovato davvero bello, maggior ...continuer

    L'ho comprato in virtù delle recensioni positive che avevo letto in giro oltre che del consiglio del mio libraio di fiducia che me lo aveva caldamente raccomandato. L'ho trovato davvero bello, maggiormente man mano che la storia procedeva, nonostante la scarna vita del protagonista, per il suo sguardo disincantato e in qualche modo commovente sulle cose del mondo. Mi sembra un buon esempio di come si possa scrivere un buon libro su una vita fatta di pochi elementi nemmeno così interessanti di per sè, e viceversa trovare brutto un libro che parla di fatti eclatanti perchè narrati in modo pessimo.

    dit le 

  • 5

    Un personaggio apparentemente piatto, che acquista sempre più spessore e profondità ed entra con delicatezza nel tuo cuore e nella tua mente. Difficile da dimenticare.

    dit le 

  • 4

    "John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante"

    Tutto ciò che c'è da dire è nella postfazione di Peter Cameron

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    La vita di Stoner non è niente di straordinario. L'autore ha deciso di raccontare la vita di un uomo qualunque, una vita priva di avventura o di colpi di scena significativi, e, sicuramente, questa è ...continuer

    La vita di Stoner non è niente di straordinario. L'autore ha deciso di raccontare la vita di un uomo qualunque, una vita priva di avventura o di colpi di scena significativi, e, sicuramente, questa è una scelta rischiosa. Rischiosa, sì, ma John Willams è riuscito, grazie alla sua scrittura magistrale, a rendere la lettura piacevole. Ho apprezzato questo libro, riconosco le capacità dell'autore, ma non posso dare valutazione massima a quest'opera. John Williams è riuscito a farmi odiare il personaggio principale, cioè Stoner, per la sua passività, perché quando pensavo che fosse giunto al limite della sopportazione, quando pensavo che avesse deciso di reagire e di cambiare radicalmente la sua vita, così non è stato. Una rabbia incredibile. Perché rabbia? Perché ti rendi conto che noi non siamo i veri padroni della nostra vita? Perché ti rendi conto che siamo impotenti di fronte a questa forza sconosciuta e caotica? Forse. Fatto sta che a volte ci si presentano delle scelte, si apre di fronte a noi un bivio e non necessariamente dobbiamo scegliere la strada più semplice. Io avrei scelto sempre e comunque l'amore, quello che Stoner ha trovato a quarant'anni in una minuscolo monolocale.

    dit le 

  • 4

    Confermo tutto quello che ho letto su questo libro. Pur non trattando di un personaggio dalla vita particolarmente interessante, pur non avendo punti salienti, essendo insomma una storia normalissima ...continuer

    Confermo tutto quello che ho letto su questo libro. Pur non trattando di un personaggio dalla vita particolarmente interessante, pur non avendo punti salienti, essendo insomma una storia normalissima con un protagonista comunissimo, è un libro che mi è piaciuto tantissimo. Io mi sono affezionata a Stoner e ho subito odiato Edith che non ha fatto altro che rovinare la vita a questo pover'uomo, sinceramente non ho capito il perchè. Credo che lei qualche trauma infantile debba averlo avuto, altrimenti non si spiega, ma nel libro non si parla di questo. Non capisco nemmeno perchè lui si sia rassegnato alla sua infelicità senza mai imporsi, senza mai mettere dei paletti alla moglie, permettendorle di allontanare da lui anche la figlia con la quale aveva invece un buon rapporto, fino a rovinare la vita pure a lei. Questo mi ha fatto rabbia, molta rabbia. Mi dicevo "Dai Stoner reagisci!! Falle vedere chi sei!". Pensavo che tutto avesse un limite superato il quale non si sarebbe potuto andare oltre, ma questo limite non è mai arrivato.

    dit le 

Sorting by