Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Stoner

By John Williams

(4)

| Paperback | 9782842636449

Like Stoner ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Né pauvre dans une ferme du Missouri à la fin du xixe siècle, le jeune William Stoner est envoyé par ses parents — et au prix de quels sacrifices, à l’université pour y étudier l’agronomie. Hélas, ce grand garçon solitaire va découvrir les livres, la Continue

Né pauvre dans une ferme du Missouri à la fin du xixe siècle, le jeune William Stoner est envoyé par ses parents — et au prix de quels sacrifices, à l’université pour y étudier l’agronomie. Hélas, ce grand garçon solitaire va découvrir les livres, la poésie et le monde de l’esprit.

937 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Una volta letto il libro, Stoner entra a far parte della nostra "famiglia" mentale e ci resta caro.

    Una splendida narrazione capace di rivelare la densità di una vita dentro l'apparenza di una biografia grigia.
    In molti hanno scritto che il segreto del libro è proprio la scrittura: una narrazione capace di trasformare la vita di un inetto in un gr ...(continue)

    Una splendida narrazione capace di rivelare la densità di una vita dentro l'apparenza di una biografia grigia.
    In molti hanno scritto che il segreto del libro è proprio la scrittura: una narrazione capace di trasformare la vita di un inetto in un grande romanzo. Ma l'aggettivo "inetto" non rende giustizia alla creatura di John Williams.
    Ho trovato in Stoner integrità e una solida vita interiore dietro un apparente fatalismo. L'inettitudine è di chi crede di poter non scegliere (e usa questa illusione come alibi). Stoner invece sceglie.. e sebbene vada, spesso, in una direzione che il lettore spontaneamente non vorrebbe, Stoner va comunque in un verso che in qualche modo gli permette di salvare quei due o tre nodi vivi della sua identità. Si accomoda e si adatta con dignità alla alla vita e alle sue vicissitudini più o meno crudeli, ma in qualche modo si salva. Si salva come può, con una forma di elegante stoicismo, forse di saggezza, e di leggerezza.
    Si salva in un modo imperfetto, come tutti noi.
    Forse è proprio per questo che - una volta letto - eWilliam/Bill/Willy Stoner entra a far parte della nostra "famiglia" mentale e ci resta caro.

    Is this helpful?

    Louise Bonn'heure said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Al contrario di molte recensioni che ho letto su questo libro, io penso che a rendere bello questo romanzo sia essenzialmente la scrittura. Tante parole che si compongono per narrare una storia che ha poco di affascinante. Non sono d'accordo con chi ...(continue)

    Al contrario di molte recensioni che ho letto su questo libro, io penso che a rendere bello questo romanzo sia essenzialmente la scrittura. Tante parole che si compongono per narrare una storia che ha poco di affascinante. Non sono d'accordo con chi scrive o dice che anche una vita banale e piatta può rendere grande un libro, poiché una vita piatta rimane tale anche se messa tra le pagine di un volume, a rendere grande questa semplice e triste storia è solamente una scrittura ottima.

    Is this helpful?

    Mona said on Aug 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Straordinaria narrazione della vita di un uomo

    Straordinaria narrazione della vita di un uomo, la vita di un uomo qualunque, persino mediocre che sperimenta molti fallimenti. Bellissimo esempio di come una vita cosi' e un tema cosi apparentemente povero possano essere materia di un romanzo che ri ...(continue)

    Straordinaria narrazione della vita di un uomo, la vita di un uomo qualunque, persino mediocre che sperimenta molti fallimenti. Bellissimo esempio di come una vita cosi' e un tema cosi apparentemente povero possano essere materia di un romanzo che risulta denso, affascinante e che non ci lascia distogliere l'attenzione fino all'ultima pagina.

    Vita, morte, amicizia, amore, indifferenza, passione ... la vita di Stoner, nel suo svolgersi piatto e apparentemente insignificante, raccoglie invece tutti questi elementi e il tentativo di spiegarli, di rispondere alle domande fondamentali della vita di tutti gli uomini.

    Is this helpful?

    Daniele63 said on Aug 22, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    “Mentre sistemava la stanza, che lentamente cominciava a prendere forma, si rese conto che per molti anni, senza neanche accorgersene, come un segreto di cui vergognarsi, aveva nascosto un’immagine dentro di sé. Un’immagine che sembrava alludere a un ...(continue)

    “Mentre sistemava la stanza, che lentamente cominciava a prendere forma, si rese conto che per molti anni, senza neanche accorgersene, come un segreto di cui vergognarsi, aveva nascosto un’immagine dentro di sé. Un’immagine che sembrava alludere a un luogo, ma che in realtà rappresentava lui. Ea dunque se stesso che cercava di definire, via via che sistemava lo studio. Mentre smerigliava le vecchie assi per la libreria e vedeva attenuarsi la ruvidezza della superficie e la patina grigia sfaldarsi per scoprire finalmente il legno in tutta la purezza della grana e della tessitura. Mentre restaurava i mobili e li disponeva nella stanza, era se stesso che lentamente ridisegnava, era se stesso che rimetteva in ordine, era a se stesso che dava una possibilità.”

    Is this helpful?

    Roberta De Marchis said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una bellissima scrittura per alcuni personaggi davvero straordinari: Stoner, l'uomo piu triste e sfigato uscito dalla penna di uno scrittore, ma, alla stesso tempo, dotato di una sesibilita' davvero straordinaria; Edith, la moglie, è forse la donna p ...(continue)

    Una bellissima scrittura per alcuni personaggi davvero straordinari: Stoner, l'uomo piu triste e sfigato uscito dalla penna di uno scrittore, ma, alla stesso tempo, dotato di una sesibilita' davvero straordinaria; Edith, la moglie, è forse la donna piu' antipatica di tutta la letteratura; Grace ; la figlia; una figura incapace di stare in proscenio, sempre nell'ombra eppure capace di generare situazioni sorprendenti. E inoltre altri personaggi minori veramente interessanti. Storia di una vita piatta apparentemente, ma che nasconde picchi e voragini di altezze vertiginose. Questa è la grandezza di Stoner (del personaggio e del romanzo)

    Is this helpful?

    Rachbee said on Aug 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anche le storie poco importanti hanno molto da raccontare, merito dell'autore...un buon libro.

    Is this helpful?

    Barbara said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book