Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storia dell'Italia medievale

Dal VI all'XI secolo

Di

Editore: Laterza (Biblioteca storica)

3.7
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 466 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8842085561 | Isbn-13: 9788842085560 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Art, Architecture & Photography , History

Ti piace Storia dell'Italia medievale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
II volume ripercorre le vicende e le dinamiche, i contrasti e le trasformazioni attraverso le quali l'Italia, tra i secoli VI e XI, assunse un aspetto fisico, un'articolazione geopolitica, una fisionomia socio-economica che avrebbe mantenuto per molti secoli a venire. Nella sua ricostruzione, Cammarosano mette in luce i rapporti che intercorrono tra avvenimenti politico-militari e trasformazioni sociali, e illustra le alterne fasi di divisione e ricomposizione che segnarono profondamente la società italiana medievale. Incontro fra tradizione romana e nuova cultura germanica; rapporto gerarchicamente sempre più diseguale tra maschi e femmine; quelli, al contrario in via di riequilibrio, tra padri e figli e tra padroni e servi; quello, decisivo per i destini della civiltà medievale, tra un mondo cristiano in irresistibile ascesa e una tradizione pagana in via di sparizione: sono questi i contrasti fondamentali che consentono di capire il modo in cui l'Italia antica, cuore del mondo romano, si è trasformata e ha partecipato al formarsi dell'Europa medievale.
Ordina per
  • 4

    Un po' spostato sulle vicende ecclesiastiche, ma per il semplice fatto che tale è la natura delle fonti che il Medioevo ci ha lasciate. I protagonisti delle vicende entrano ed escono dal libro come entravano e uscivano dall'Italia, terra di passaggio e ormai frammentata a livello di geografia pol ...continua

    Un po' spostato sulle vicende ecclesiastiche, ma per il semplice fatto che tale è la natura delle fonti che il Medioevo ci ha lasciate. I protagonisti delle vicende entrano ed escono dal libro come entravano e uscivano dall'Italia, terra di passaggio e ormai frammentata a livello di geografia politica. L'autore non perde mai il contatto diretto con le fonti primarie per la storia medievale, ma forse sono proprio gli interessi particolari dei cronisti dell'epoca a rendere così disomogeneo il libro. Nel complesso il giudizio è positivo perché quello che fa l'autore non è raccontare una storia, ma la storia dell'Italia medievale, senza inventare nulla di suo pugno laddove le fonti tacciono.

    ha scritto il 

  • 0

    Un exscursus rapido ma autorevole e "+possibile reale" sulla storia dell'Italia medievale.
    Da consigliare specialmente dopo tante letture "romanzate" per rimanere con i "piedi per terra" .

    ha scritto il