Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storia dell'Unione Sovietica - vol. 4

1945-1964 Guerra fredda e stalinismo. Gli anni di Chruscev. Crisi del movimento comunista. Considerazioni sull'Urss da Breznev a Gorbacev.

Di

Editore: L'Unità

3.7
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 395 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000006496 | Data di pubblicazione: 

Genere: History

Ti piace Storia dell'Unione Sovietica - vol. 4?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questa opera - uscita nel 1976 - è la prima storia organica dell'Unione Sovietica dalla rivoluzione in poi scritta in Occidente. Ha rappresentato quindi una novità anche nel quadro della vasta produzione libraria dedicata all'Urss negli anni postbellici soprattutto da parte della storiografia anglo-americana. Nel 1979 ottenne in Italia il Premio Viareggio per la saggistica. Contemporaneamente a questa edizione dell'Unità - che esce in quattro volumi - il libro di Giuseppe Boffa appare nelle librerie dell'Urss. E' la prima volta che una storia dell'Unione Sovietica, scritta da un autore straniero, viene pubblicato in lingua russa a Mosca.
Edizione su licenza di Arnoldo Mondadori Editore.
Ordina per
  • 0

    Mikojan

    "Fu Mikojan a infrangerla. [...]Attaccò come poco leninista quel <<breve corso>> di storia del partito che era stato per quindici anni e ancora restava la massima sintesi dello stalinismo. Denunciò infine alcune falsificazioni della storia passata [...]Concluse dicendo che <<dop ...continua

    "Fu Mikojan a infrangerla. [...]Attaccò come poco leninista quel <<breve corso>> di storia del partito che era stato per quindici anni e ancora restava la massima sintesi dello stalinismo. Denunciò infine alcune falsificazioni della storia passata [...]Concluse dicendo che <<dopo Lenin>> il XX era <<il più importante congresso nella storia del partito>>; perché - spiegò con un'allusione al discorso pronunciato da Stalin sulla tomba di Lenin, considerato per decenni una specie di testo sacro - <<noi non solo giuriamo nel nome di Lenin, ma ne applichiamo le idee>>.

    [pp.219-220]

    ha scritto il