Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Storia dell'assedio di Lisbona

By José Saramago

(694)

| Paperback | 9788806178871

Like Storia dell'assedio di Lisbona ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un redattore di una casa editrice decide - contravvenendo a ogni norma professionale - di aggiungere un "non" in un libro che racconta la storia dell'assedio di Lisbona, negando così l'aiuto dato dai crociati alle truppe lusitane. Quelle tre sole let Continue

Un redattore di una casa editrice decide - contravvenendo a ogni norma professionale - di aggiungere un "non" in un libro che racconta la storia dell'assedio di Lisbona, negando così l'aiuto dato dai crociati alle truppe lusitane. Quelle tre sole lettere cambiano la storia e cambieranno anche la sua vita ("perché chi ha detto "no" una volta, non tornerà mai più al "si" di un menzognero compromesso"). Trasformatosi da correttore a corruttore, infatti, egli vedrà trascorrere "tredici lunghi e penosi giorni" prima che la casa editrice si accorga del delitto.

95 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Scrive strano...

    ... se è per questo. Ma il racconto, il suo intreccio, il suo fluire tra l'oggi e l'allora ha qualcosa di sublime, di fascinoso, di poetico.
    Protagonista lento questo Raimundo Silva,un correttore di bozze un umile revisore, ma profondissimo e pur se ...(continue)

    ... se è per questo. Ma il racconto, il suo intreccio, il suo fluire tra l'oggi e l'allora ha qualcosa di sublime, di fascinoso, di poetico.
    Protagonista lento questo Raimundo Silva,un correttore di bozze un umile revisore, ma profondissimo e pur se scarno, essenziale, minimo, rinuncerà alla forse unica concessione alla vanità ed alla frivolezza: il tingersi, ormai cinquantenne, i capelli che cominciano a sbiancare perchè intravvede la possibilità che stia per arrivare l'Amore. Ed allora deve ridursi ulteriormente, essere se stesso totalmente. Che lei lo veda come è, con l'età che ha, coi difetti che si porta dietro.
    L' amore ( timidissimo e tenerissimo ) arriverà, così come la riscrittura dell' assedio di Lisbona al contrario, coi crociati che passano e NON aiutano i portoghesi a conquistare la città da tempo in mano ai mori infedeli, proseguendo a loro volta per un più ambizioso obiettivo ossia la terra santa e Gerusalemme. E scrive di come sarebbe andata dopo quel Non, e nel racconto descrive un altro Amore, tra un soldato ed una serva; un altro amore tenero e passionale al tempo stesso.
    Insomma , è da leggere.

    Is this helpful?

    Jacobass2006 said on Jun 16, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Quasi pirandelliano

    Un revisore di una casa editrice, uomo oltre i 50 anni che conduce un'esistenza piatta e noiosa, ha improvvisamente un gesto di ribellione, l'unico della sua carriera e della sua vita.

    Nel rivedere un saggio sulla storia dell'assedio di Lisbona, agg ...(continue)

    Un revisore di una casa editrice, uomo oltre i 50 anni che conduce un'esistenza piatta e noiosa, ha improvvisamente un gesto di ribellione, l'unico della sua carriera e della sua vita.

    Nel rivedere un saggio sulla storia dell'assedio di Lisbona, aggiunge un "non" che altera completamente il significato di una frase fondamentale: si legge, contrariamente a quanto tramandato dalla storiografia, che i crociati non aiutarono i portoghesi a riconquistare Lisbona strappandola ai mori.

    Da lì inizia un libro nel libro: l'alterazione del romanzo storico viene scoperta, il libro già stampato deve uscire con un errata corrige, ed il protagonista scrive a sua volta la storia dell'assedio di Lisbona, immaginando come avrebbe potuto andare se davvero i crociati non avessero combattuto insieme ai portoghesi.

    Anche nella storia immaginata, alla fine, prevalgono le truppe dei portoghesi, che poco cristianamente sterminano tutti gli infedeli asserragliati tra le mura del castello.

    Il revisore, nel frattempo, dopo quel suo primo atto di ribellione e di indipendenza, scopre nel pieno della maturità una nuova dimensione della sua vita.

    Is this helpful?

    Pgrazioso said on Apr 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nulla di eccezionale

    Ho dovuto ricominciarlo da capo perchè la prima volta l'ho abbandonato quasi subito. La scrittura e l'intreccio tra la reale storia e le vicissitudini del protagonista non hanno creato quel desiderio spasmodico di arrivare alla fine.

    Is this helpful?

    Gian said on Mar 12, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    (raccontare una Storia, cambiare una Parola, raccontare un’altra Storia) (cit.)

    Sarà mago? Lo sarà. Lo è proprio. Lo ho adorato questo libro. Anche perché Raymundo Silva è legomentalista come me.
    Lui però alla fine vince.

    Is this helpful?

    lilli said on Feb 2, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    un po' mi ha annoiato, più di qualche pagina l'ho saltata bellamente. ma è una bella storia e ogni tanto viene fuori saramago.

    Is this helpful?

    deltasun said on Oct 4, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pedante

    Ho preso questo libro dopo aver letto da qualche parte che era il miglior romanzo di Saramago. In realtà è veramente inconsistente e pedante, in un modo che non mi aspettavo dopo aver letto Caino e Cecità, tutti e due bellissimi, pieni di idee e comu ...(continue)

    Ho preso questo libro dopo aver letto da qualche parte che era il miglior romanzo di Saramago. In realtà è veramente inconsistente e pedante, in un modo che non mi aspettavo dopo aver letto Caino e Cecità, tutti e due bellissimi, pieni di idee e comunque brillanti. Mi è sembrata una storia fatta di niente. Metà libro pieno di patemi per aver aggiunto un NO nel testo da revisionare alterando la realtà storica ( embè?); tirata d'orecchie dell'editore e imposizione di una capo-correttorre bozze- donna (affascinante) che suggerisce al revisore la riscrittura dell'assedio come non si è svolto nella versione corretta. Noioso pure il libro nel libro. Devo dire a favore di Saramago che tali questioni para-storiche mi prendono molto poco. In più mi aspettavo qualcosa d'interessante almeno nel finale. Invece no. Non capisco come questo sia potuto sembrare a qualcuno il miglior libro di Saramago. Dentro non c'è niente. Per fortuna non l'ho letto per primo.

    Is this helpful?

    Mario Inisi said on Aug 8, 2013 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book