Neve Corona Menin, l'unica bambina nata nel gelido inverno del 1920, è una creatura speciale. Tutti lo capiscono quando, con il semplice tocco della sua mano, alcuni compaesani in punto di morte guariscono miracolosamente. In effetti Neve altro non ... Continua
Ha scritto il 05/07/17
Ho deciso di leggere questo romanzo, il primo per me di Mauro Corona, perché affascinata dal titolo, "storia di Neve". E la storia di Neve mi ha conquistata davvero, ma solo la sua storia, non tutto ciò che le ruota attorno.Perché ciò che le ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 03/11/16
Favola squallor
L'idea delle spoglie di quella bimba chiusa come una reliquia liquida in una bottiglia sopra il camino non è niente male. L'idea di collegare le vicende dei vari romanzi a Erto con dei fili conduttori un po' come fa King con Derry nel Maine, anche ..." Continua...
  • 6 mi piace
  • 4 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 27/08/16
il futuro è un tempo che spaventa, in quel tempo dorme l'ignoto ( p.30 )ma la primavera, quell'anno, stentava a mettere fuori il naso. era come se avesse perso la strada e non la trovasse più. girava in qua e in là con la sua gerla di fiori, ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 31/07/16
Parecchie cose si possono dire di Corona e una è che, senza dubbio, sa scrivere. Il suo stile naif, che rende perfettamente la vita semplice e grezzamente bucolica della montagna ertana, è caratterizzato da scelte lessicali non banali che sanno ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 28/11/15
bellissima favola
E' stato il primo libro che ho letto di Corona: ne sono rimasto estasiato. La storia è avvincente, anche perchè sono tante storie legate dal filo conduttore della protagonista, Neve. Molto belli anche i commenti dell'autore all'inizio e alla fine ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Jan 19, 2015, 18:28
L'anima è una pietra fissa,immobile, piantata nel prato della vita come un cippo di confine, e quando si sporca, lo sporco non va più via...
Pag. 262
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 03, 2011, 08:24
Lavatevi la mona e la coscienza, brutte troie, Giuseppe si lascia così. Come gli piaceva essere, tale deve stare. Voi volete sempre lavare. Lavare, pulire, mettere in ordine, spazzolare, perché siete sporche dentro. Tutti quelli sporchi dentro ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 07, 2010, 19:17
Valentino camminava lungo il bosco. Aveva sul petto i capelli di Neve, nel cuore la disperazione per la sua morte, nella testa il pensiero che stavano tagliando la sua valle, dove andava a stare in pace.
Pag. 802
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 07, 2010, 19:15
Il Vajont se la brontolava pacifico aspettando che l'inverno venisse a scaldarlo con la solita coperta di ghiaccio.Dove la corrente non accettava coperte, l'inverno metteva cappucci e berretti di lana bianca sulle teste infreddolite dei sassi e ... Continua...
Pag. 565
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 07, 2010, 19:12
"Mi fa star male" rispose Neve, "ma tu non sai quanto sto bene vicino a lui. Il mio corpo sta male, quello cade e corre via, ma vicino a lui la mia anima canta e sta bene, un bene che le parole non arrivano a dire. Non ci sono parole che arrivano a ... Continua...
Pag. 538
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 22, 2017, 18:31
Inviato a Gianluca (L'aquila) l'11/04/2017 in cambio di "Il seggio vacante" di J. K. Rowling - Acciobooks
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 26, 2016, 10:02
853.52
COR 15178
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi