Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storia di un amore straordinario

Di

Editore: TEA

3.4
(372)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 389 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Svedese

Isbn-10: 8850211953 | Isbn-13: 9788850211951 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giorgetti Cima C.

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Romance

Ti piace Storia di un amore straordinario?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Königsberg, 1813. In una gelida notte di bufera due bambini vengono al mondoin un bordello: Henrietta e Hercule. La piccola è bella e sana, mentre ilmaschio, che sopravvive a dispetto di ogni previsione, è gravemente menomatonel fisico ma possiede un dono speciale: una sensibilità fuori dal comune chegli permetterà di leggere i pensieri altrui. Tra i due nasce ben presto unlegame strettissimo. Ma il destino li divide: per Henrietta la strada delmatrimonio con un altro uomo è obbligata, mentre Hercule sarà condannato asubire l'ignoranza e la superstizione della gente e la persecuzione dellaChiesa che vede nella sua deformità il segno del diavolo. Tutto sopporteràHercule, sorretto solo dalle sue risorse interiori e dal desiderioirresistibile di ricongiungersi con la sua Henrietta, oggetto di un amore chevince ogni cosa, un amore straordinario capace di superare le barriere dellamorte e del tempo.
Ordina per
  • 1

    Banale...

    Un banale feuilleton, con un condimento in salsa fantasy... La storia del nano/essere deforme, che è legato per la vita alla bellissima ed innamorata amica di infanzia, è già una storia banale di per sè... se poi ci si aggiungono i doni paranormali del nano/deforme/sordo Hercule, avventure strabi ...continua

    Un banale feuilleton, con un condimento in salsa fantasy... La storia del nano/essere deforme, che è legato per la vita alla bellissima ed innamorata amica di infanzia, è già una storia banale di per sè... se poi ci si aggiungono i doni paranormali del nano/deforme/sordo Hercule, avventure strabilianti in ogni parte di Europa ed un lieto fine dall'altra parte dell'Atlantico, direi che non manca più niente. L'autore scrive bene ed è capace di attrarre il lettore: perchè non si è impegnato su un soggetto meno stantio e già visto?

    ha scritto il 

  • 4

    Scrivere una recensione per questo libro non è facile. Non tanto per il romanzo in sé; è proprio una fallacia mia, perché l'ho letto una cosa come cinque o sei anni fa e ne conservo una memoria piuttosto distorta. Hercule, Henriette, e tutta la corte attorno a loro, sono personaggi che ti scavano ...continua

    Scrivere una recensione per questo libro non è facile. Non tanto per il romanzo in sé; è proprio una fallacia mia, perché l'ho letto una cosa come cinque o sei anni fa e ne conservo una memoria piuttosto distorta. Hercule, Henriette, e tutta la corte attorno a loro, sono personaggi che ti scavano nel cuore, ma non lasciano tracce evidenti. E' una storia dolorosa e forte, a volte così tanto da far inorridire.
    Eppure, nonostante la crudezza di certe immagini, la violenza di certi avvenimenti, l'orrore di certe scene, questo libro ha un qualcosa di positivo. Forse perché siamo dalla parte di Hercule, benché sia un così nero personaggio, oscuro, pericoloso.
    Qui sta un pizzico di banalità, se di banalità si può parlare, per com'è stata gestita: l'amore salvifico, disperato e involontariamente cattivo.
    Poteva uscirne una schifezza, e ha rischiato grosso. Ma se l'è cavata. Egregiamente.

    ha scritto il 

  • 3

    Il titolo inganna, poiché non riguarda una storia d amore nel senso comune, ma nel suo senso romantico letterario, di una crudezza e dolcezza percorre il periodo storico volteggiando per città, quasi con un tappeto volante, sfiorandole.
    Bello e toccante.

    ha scritto il 

  • 0

    Due stelline e mezzo, non mi sento di dare di più a questo romanzo gradevole, interessante fino a poco più di metà e che si perde nella parte precedente il finale e aggiusta il tutto con un finale che è un lieto fine parziale.
    Peccato perchè Vallgren scrive in modo scorrevole, utilizza molt ...continua

    Due stelline e mezzo, non mi sento di dare di più a questo romanzo gradevole, interessante fino a poco più di metà e che si perde nella parte precedente il finale e aggiusta il tutto con un finale che è un lieto fine parziale.
    Peccato perchè Vallgren scrive in modo scorrevole, utilizza molti riferimenti culturali, si comprende che è un uomo dai molti interessi e quindi ti fa pretendere di più dallo scrittore.

    ha scritto il 

  • 5

    riprendendo uno stile più romantico ottocentesco, l'autore scrive in maniera impeccabile della storia di Hercule Barefoot. Molte scene sono raccapriccianti e le sue disgrazie sono infinite, ma la forza dell'amore verso Henriette lo spinge a vivere per lei e per lui stesso.

    ha scritto il 

  • 4

    Konigsberg, 1813. In una gelida notte di bufera due bambini vengono al mondo in un bordello: Henrietta e Hercule. La piccola è bella e sana, mentre il maschio, che sopravvive a dispetto di ogni previsione, è gravemente menomato nel fisico ma possiede un dono speciale: una sensibilità fuori dal co ...continua

    Konigsberg, 1813. In una gelida notte di bufera due bambini vengono al mondo in un bordello: Henrietta e Hercule. La piccola è bella e sana, mentre il maschio, che sopravvive a dispetto di ogni previsione, è gravemente menomato nel fisico ma possiede un dono speciale: una sensibilità fuori dal comune che gli permetterà di leggere i pensieri altrui. Tra i due nasce ben presto un legame strettissimo. Ma il destino li divide: per Henrietta la strada del matrimonio con un altro uomo è obbligata, mentre Hercule sarà condannato a subire l'ignoranza e la superstizione della gente e la persecuzione della Chiesa che vede nella sua deformità il segno del diavolo. Tutto sopporterà Hercule, sorretto solo dalle sue risorse interiori e dal desiderio irresistibile di ricongiungersi con la sua Henrietta, oggetto di un amore che vince ogni cosa, un amore straordinario capace di superare le barriere della morte e del tempo

    ha scritto il 

  • 3

    “Che cos’è l’amore,mio amato?In che cosa consiste?Io leggo sull’amore nei libri di Stendhal,lo guardo sulle tele dei pittori,lo sento nelle sonate dei compositori,e noto come sfugge ridendo alla loro presa proprio quando credono di averlo circondato. Dove sei stata tutti questi anni?mi chiede l’a ...continua

    “Che cos’è l’amore,mio amato?In che cosa consiste?Io leggo sull’amore nei libri di Stendhal,lo guardo sulle tele dei pittori,lo sento nelle sonate dei compositori,e noto come sfugge ridendo alla loro presa proprio quando credono di averlo circondato. Dove sei stata tutti questi anni?mi chiede l’amore. Dove sono stata?Nel regno dei morti sono stata,fino a che hanno abbassato la guardia e io in un momento di minore attenzione sono riuscita ad allontanarmi di soppiatto…”

    In una sera di febbraio del 1813 a Königsberg(Prussia Orientale) nel bordello di Madame Schall vengono alla luce due bambini,un maschio,Hercule,e una femmina,Henrietta. La piccola è bellissima,sana e viene alla luce con un parto naturale,il maschio invece è deforme e la sua nascita porterà alla morte della madre. Hercule è gravemente menomato,è sordomuto,ha il cranio grottescamente enorme,il labbro leporino,la lingua come i serpenti,il corpo villoso,le braccia malformate,le gambe corte,insomma è un mostro,vero e proprio. Tuttavia dotato di un eccezionale talento,quello di leggere i pensieri altrui e di penetrare nell’animo umano. I due bambini crescono insieme ed Henrietta è l’unica in grado di capirlo,di amarlo nonostante il suo aspetto,ma ben presto il destino li separerà ed Hercule si ritroverà da solo,odiato e temuto dalle persone,vittima della superstizione,additato come “figlio del demonio”,perseguitato dall’inquisizione. E solo un pensiero lo aiuterà ad andare avanti:ritrovare la sua Henrietta.
    Dalla trama,la storia potrebbe sembrare simile a quella della Bella e la Bestia,ma in questo caso,anche se la bella si innamora della bestia,quest’ultimo non si trasformerà mai,con un bacio,in un principe,resterà così per sempre. Attenzione:Non è il classico romanzo rosa.
    Come dice il titolo,il romanzo racconta davvero la storia di un amore straordinario,un amore eterno,che supera le barriere dello spazio e del tempo,che ti sfiora l’anima e ti penetra nel cuore,donandoti la vera felicità.
    La storia è bella ed originale,si alternano sentimenti contrastanti,gioia,felicità,dolore,tristezza, odio,vendetta,suscitandoli in egual misura nel lettore.
    Tuttavia gli ho assegnato tre stelle,perchè lo stile narrativo dello scrittore risulta un po’ pesante ed in alcuni punti mi sono persa,dovendo rileggere la frase per capirla.
    Consigliato.

    ha scritto il 

  • 1

    * illeggibile
    ** INSUFFICIENTE
    *** sufficiente
    **** discreto
    ***** bello
    ****** ottimo
    ******* capolavoro

    Dopo un inizio che lasciava sperare in qualcosa di buono, diventa noioso, improbabile, cupo.
    A pag 126 l'ho abbandonato.

    ha scritto il 

Ordina per