Storia di un enigma

Vita di Alan Turing 1912-1954

Di

Editore: Bollati Boringhieri

4.0
(163)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 762 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8833906396 | Isbn-13: 9788833906393 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: David Mezzacapa

Disponibile anche come: Altri , Paperback , eBook

Genere: Biografia , Computer & Tecnologia , Storia

Ti piace Storia di un enigma?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Poderosa biografia di Turing, con un po' troppi risvolti psicologici a mio parere, specie a fronte della relativamente scarsa documentazione in possesso dell'autore. Ho trovato molto interessante il r ...continua

    Poderosa biografia di Turing, con un po' troppi risvolti psicologici a mio parere, specie a fronte della relativamente scarsa documentazione in possesso dell'autore. Ho trovato molto interessante il racconto della nascita dei computer moderni negli anni del dopoguerra, ma in generale devo dire che le questioni scientifiche non mi pare siano state affrontate con sufficiente chiarezza

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro è a dir poco ottimo, in linea generale, ma è anche estremamente lungo e pesante per chi non è "addetto ai lavori", ovvero per coloro che non hanno alle spalle studi matematici o informatici: ...continua

    Il libro è a dir poco ottimo, in linea generale, ma è anche estremamente lungo e pesante per chi non è "addetto ai lavori", ovvero per coloro che non hanno alle spalle studi matematici o informatici: un altro po' ed ero pronto per ridare gli esami di Fondamenti dell'Informatica e di Logica a distanza di anni! L'ho abbandonato alla fine del sesto capitolo proprio per via della sua lunghezza, ma mi riprometto di finirlo!

    ha scritto il 

  • 5

    La mela della Apple

    Si dice, mai confermato e mai smentito, che la scelta della "mela morsicata", come logo della Apple, sia stata fatta a Steve Jobs (e da lui accettata) come riconoscimento ad Alan Turing, matematico i ...continua

    Si dice, mai confermato e mai smentito, che la scelta della "mela morsicata", come logo della Apple, sia stata fatta a Steve Jobs (e da lui accettata) come riconoscimento ad Alan Turing, matematico inglese di alto rango (1912 - 1954) che lavoro' a Cambridge/King's College, Princeton/USA e per il Governo Inglese, morto suicida morsicando una mela intrisa di cianuro, o meglio (come si fa immaginare) sia stato "suicidato" dai Servizi Segreti Inglesi in quanto a conoscenza dei massimi dati di Sicurezza Nazionale e non reputabile affidabile come persona, perche' "fuori dalle regole" comportamentali.
    -
    Ufficialmente Alan Turing si "suicido'" in quanto arrestato, condannato e "curato" (scelse la castrazione chimica in alternativa al carcere) da parte delle autorita' inglesi , in quanto omosessuale, condizione (nel 1952, in Inghilterra) di possibile di reato penale.
    -
    Dopo 60 anni sono state fatte le "Scuse Reali", dovute e molto di maniera:
    BBC 2013 Royal pardon for codebreaker Alan Turing
    http://www.bbc.com/news/technology-25495315
    -
    2011 Da discorso di Obama a Londra:
    President Barack Obama mentioned Alan Turing this week during his speech in London to both houses of Parliament. “From Newton and Darwin to Edison and Einstein; from Alan Turing to Steve Jobs, we have led the world in our commitment to science and cutting-edge research; the discovery of new medicines and technologies,” said President Obama.

    Quindi Alan Turing viene accostato agli altri grandi inglesi (Newton e Darwin), in quanto con le sue deduzioni inizio' un ciclo di sviluppo tecnologico che permise di arrivare alla realizzazione dei computer in generale e quindi alla Apple (e non solo) con prodotti che hanno cambiato molti aspetti della vita umana.
    Ma anche altro fece Alan Turing (pure nel campo di tecnologia applicata ed hardware) e da chiedersi cos'altro avrebbe fatto se non fosse scomparso (o fatto scomparire) a soli 41 anni.
    -
    https://it.wikipedia.org/wiki/Alan_Turing

    http://www.britannica.com/biography/Alan-Turing

    BBC a cura dell'Autore del libro, testo e foto:
    http://www.bbc.co.uk/timelines/z8bgr82

    Un film:
    http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2014/12/16/news/imitation_game_alan_turing-102964653/
    -
    Alan Turing fu figura complessa: genio assoluto nella scienza (capacita' di apprendimento eccezionale, altrettanto la capacita' di invenzione e lungimiranza tecnologica, capacita' di intuizione e soluzioni matematiche, a volte in poche ore risolveva problemi che richiedevano settimane ad interi team di lavoro), introverso, contrario alle regole non logiche (il suo concetto di logica era ovviamente molto personale), scontroso (a volte), timido e trasandato (pero' sempre ben accetto e considerato), carismatico per il suo sapere, ingenuo (vero Forrest Gump ante-litteram), estroso e geniale (per elaborare i suoi studi reinventava noti teoremi di matematica complessa gia' scoperti, per partire da zero, inoltre si costruiva circuiti elttromeccanici ed elettronici per conto suo), ottima atleta nella corsa lunga (si preparava per ammissione alle Olimpiadi del 1948 a Londra per la maratona, poi per un problema fisico sospese, comunque "aveva" un tempo di 17 minuti superiore di chi vinse poi l'oro, non male per uno scienziato) , anche quando aveva diritto alla automobile (con autista) prendeva la bicicletta e si faceva 20-30Km per recarsi al lavoro.
    -
    Alan Turing ebbe due (e non solo) grandi meriti di enorme importanza:
    1. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu il principale artefice (con il contributo di decine di altre figure, di qualche grossolana ingenuita' degli addetti tedeschi nelle trasmissioni dei messaggi crittografati e di qualche episodio di fortunata casualita' ) nello "scardinare" il sistema di trasmissione crittografata dei tedeschi realizzata tramite la macchina "Enigma", sistema molto sofisticato e ritenuto inespugnabile (almeno dai tedeschi che commisero il grande errore, quando sospettarono fortemente che i loro piani/azioni fossero a conoscenza degli Alleati, di non imputare questo fatto a possibile decrittazione dell'Enigma, e quindi cambiare i codici, bensi' a spie).
    L'aver avuto possibilita', per gli Inglesi prima e poi per tutti gli Alleati, di conoscere tutta la messigistica tedesca (gestionale/logistica, strategia, esercito, marina, aeronautica) e negli ultimi tempi del conflitto addirittura in "tempo reale" (per esempio tutta la precisa mappatura della flotta dei centinaia di sommergibili tedeschi in Atlantico e quindi garantire alla flotta alleata di navigarci in totale sicurezza) permise di terminare il conflitto stesso risparmiando molte vite umane, danni materiali e la sconfitta dell'Asse.

    Alcuni storici stimano in almeno due anni la fine anticipata della guerra e salvato un numero elevatissimo di vite umane.

    http://www.sicurezzanazionale.gov.it/sisr.nsf/wp-content/uploads/2016/01/gnosis-1-15-turing.pdf
    -
    2. I suoi studi nella matematica (Turing non fece "Matematica Pura", almeno non solo, ma aveva sempre l'obiettivo dell'applicazione fisica delle sue ricerche) portarono di fatto alla nascita del "Calcolatore" come inteso oggi e quindi alla nascita e sviuppo dell'Informatica (Computing Science).
    La "Macchina/e di Turing" e' stato un modello teorico (non esisteva ancora l'hardware necessario) su cui si e' sviluppato ed in breve si e' passati alla realizzazione pratica.

    1936 - Il punto di partenza (Alan Turing aveva 24 anni):
    https://it.wikipedia.org/wiki/Entscheidungsproblem

    1936 - Il consolidamento teorico, saggio di fondamentale importanza:
    http://draperg.cis.byuh.edu/archive/winter2014/cs320/Turing_Paper_1936.pdf

    Anni di guerra: La "Macchina/e di Turing":
    https://it.wikipedia.org/wiki/Macchina_di_Turing
    http://www.storiainformatica.it/company/24-company/generale/70-la-macchina-di-turing

    Anni di guerra - Il "Colossus":
    http://www.bbc.com/news/technology-25495315

    Nel dopoguerra - L'ACE:
    https://it.wikipedia.org/wiki/Automatic_Computing_Engine
    -
    Non esiste il Premio Nobel per l'Informatica (disciplina/scienza che non esisteva ai tempi di Alfred Nobel) ma esiste il Premio Turing, appunto per l'informatica.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Premio_Turing
    -
    Difficile solo riassumere tutta la materia concernente la storia di Alan Turing e tutto lo scenario di contorno: campi di ricerca, studi, situazione geo-politica e soprattutto il conflitto mondiale con tutte le sue implicazioni.
    Si rimanda a links esplicativi:

    La crittografia nella Seconda Guerra Mondiale:
    http://ricerca.mat.uniroma3.it/users/merola/critto/tesine/WWII.pdf

    La macchina ENIGMA
    https://it.wikipedia.org/wiki/Enigma_(crittografia)
    http://www.docente.unicas.it/useruploads/000789/files/04-enigma.pdf
    http://matematica.unibocconi.it/articoli/enigma

    La disfatta della macchina ENIGMA
    http://www.crittologia.eu/critto/tur.htm
    http://rollofhonour.bletchleypark.org.uk/search/record-detail/9209/

    La macchina LORENZ
    http://www.crittologia.eu/critto/lorenz.html

    Un ritratto di Alan Turing:
    http://matematica.unibocconi.it/articoli/un-ritratto-di-alan-turing

    Archivio Turing:
    http://www.turingarchive.org/
    http://www.alanturing.net/turing_archive/archive/index/archiveindex.html

    Nei suoi ultimi anni Alan Turing, con molto anticipo sui tempi, fece riflessioni e studi su "L'intelligenza dei Computer".

    1950 - Test di Turing
    https://it.wikipedia.org/wiki/Test_di_Turing

    2014 - Superamento del Test di Turing:
    http://www.lastampa.it/2014/06/09/tecnologia/svolta-storica-un-computer-supera-il-test-di-turing-sullintelligenza-k3uFvA547sppFN0M6PDZ7L/pagina.html
    Materia dibattuta, complessa, con implicazioni sia tecnologiche che "filosofiche".
    -
    Il libro e' notevole valore per questi aspetti:
    1. Una biografia di un personaggio straordinario per il contributo dato alla scienza ed alla societa'.

    2. Un periodo storico ricco di grande complessita', con aspetti ancora da decifrare, basta pensare che tutta la materia concernente la sicurezza e' stata segretata dagli inglesi per 30 anni e quindi emersa da relativamente poco tempo.
    Churchill sapeva (sembra), tramite la intercettazione dei messaggi radio tedeschi, che Coventry (sulla costa inglese) sarebbe stata rasa al suolo con bombardamento aereo il giorno X, ma non fece evacuare la cittadina (1200 furono i morti) per non far capire ai tedeschi di essere in possesso della possibilita' di conoscere in anticipo le azioni tedesche, cosa che non avrebbe poi permesso di sconfiggere il tedeschi e quindi salvare un numero molto piu' grande di vite umane.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Bombardamento_di_Coventry

    3. Tecnica: parti molto estese e molto dettagliate su quanto fatto negli anni 30-40-50.

    4. Scritto benissimo, come narrazione e contenuto tecnico.
    L'Autore e' un matematico (con ampie conoscenze tecnologiche e storiche).
    Le parti tecniche, anche i passaggi difficili, sono rese (per chi non conosce la complessa materia) quanto meno intuibili.
    -
    Si tratta di libro molto esteso, la biografia e' un ottimo esempio per conoscere Alan Turing attraverso quanto descritto dall'Autore, le sue molte lettere e documenti, i suoi rapporti con parenti, amici, colleghi.
    La parte "tecnica" e' molto interessante e rappresenta una serie di saggi sulla materia, dalla matematica alla cibernetica.
    La Storia (complessa) di quei decenni, guerra inclusa, viene descritta con ottima panoramica e dettaglio con stile descrittivo molto fluido.
    Sempre impressionante la capacita' degli uomini (per le guerre) di progettare e realizzare, in tempi brevi (brevissimi), apparati militari e tecnologici di alto (altissimo) livello ed in quantita' elevata; nella Seconda Guerra Mondiale: navi, sommergibili (per l'Atlantico esisteva un indice: navi affondate/nuove navi costruite, l'indice ridivenne negativo dopo lo "scardinamento" di Enigma) , razzi, tecnologia elettro-meccanica e poi elettronica, radar, bomba atomica!, il tutto con capacita' gestionali/logistiche incredibili, su tutti i fronti, povera Italietta inclusa.
    -
    DESCRIZIONE da risvolto:
    Uno dei più grandi geni del Ventesimo secolo, questo è statò Alan Turing. Nato a Londra nel 1912, considerato tra i padri della moderna informatica - spiegò la natura e i limiti teorici delle macchine logiche prima che fosse costruito un solo computer - fu un matematico fuori dal comune. Durante la Seconda guerra mondiale mise le sue straordinarie capacità al servizio dell'Inghilterra, entrando a far parte di Bletchley Park, la località top secret della principale unità di crittoanalisi del Regno Unito, e contribuì in modo decisivo alla decifrazione di Enigma, la complessa macchina messa a punto dai tedeschi per criptare le proprie comunicazioni, ribaltando così le sorti del conflitto. Ma la sua fu anche una vita tormentata. Perseguitato per la sua omosessualità, fu condannato alla castrazione chimica. Umiliato, a soli 41 anni, si suicidò in circostanze misteriose morsicando una mela avvelenata con cianuro. Nel 2013, dopo oltre sessant'anni dalla sua morte, la Regina Elisabetta gli ha "concesso" l'assoluzione reale. Con la verve di una spy story, la biografia di Andrew Hodges ci restituisce l'ambiente e il clima culturale del periodo storico in cui Turing è nato e si è formato, le sue brillanti idee in campo matematico e scientifico, e ci fa conoscere il lato umano e personale di un genio inquieto.

    L'Autore:
    https://en.wikipedia.org/wiki/Andrew_Hodges
    -
    In sintesi: libro di grande interesse e ben strutturato, una rimarchevole quantita'/dettaglio di informazioni, misto di biografia e saggio tecnico e storico, ottimo esempio di inquadrare un personaggio di grande caratura in una cornice di storia ed evoluzione tecnologica.
    L'ultimo capitolo e' una interessante analisi sociologica del periodo post-mortem di Turing (incluso tema omosessualita', aspetti e leggi del periodo), con analisi del perche'/come si sia suicidato, incluso una ipotesi (suffragata dalla madre che conosceva le sue abitudini e relativo disordine operativo) di incidente da avvelenamento causato dagli esperimenti chimici che eseguiva.
    -
    Lettura che stimola ad approfondire temi inerenti la storia della Seconda Guerra Mondiale e la nascita/sviluppo dell'Informatica.
    -
    Lo posiziono nella mia etichetta "I sei stelle******"

    ha scritto il 

  • 0

    Alan Turing:storia di un enigma

    Questa biografia, a mio parere una delle più riuscite, ci fa entrare non solo nell'ambiente del periodo storico in cui Alan Turing si è formato, ma riesce a trasmettere la genialità e il lato umano di ...continua

    Questa biografia, a mio parere una delle più riuscite, ci fa entrare non solo nell'ambiente del periodo storico in cui Alan Turing si è formato, ma riesce a trasmettere la genialità e il lato umano di questa grande persona. Ci troviamo davanti ad un libro in cui la fisica è l'elemento chiave di questa storia, necessaria alle spiegazioni di fenomeni e alla ricerca di domande irrisolte.Parliamo della storia di Alan Turing, uno dei più grandi geni del Ventesimo secolo, non solo come matematico ma anche come crittoanalista che contribuì in modo decisivo alla decifrazione di Enigma,la complessa macchina ideata dai tedeschi. Nato a Londra, Alan si mostrò sin da piccolo una persona dotata di gran talento, un matematico fuori dagli schemi, tutte caratteristiche che gli permisero di entrare a Bletchley Park, il luogo 'top-secret' dei più grandi crittoanalisti dei Regno Unito, assunti dal governo inglese per captare le informazioni trasmesse dalla macchina, riuscendo a ribaltare le sorti della Seconda Guerra Mondiale. Ma la sua fu anche una vita tormentata: perseguitato per la sua omosessualità,si sottopose ad una castrazione chimica e, umiliato, a soli 41 anni si suicidò. Solo dopo oltre sessant'anni gli fu riconosciuto il suo lavoro offerto al Regno Unito.
    Come possiamo intuire dalla storia quindi, ci troviamo davanti ad un libro eccezionale adatto per tutti coloro che sono interessati alla risoluzione di problemi apparentemente irrisolvibili.

    ha scritto il 

  • 2

    Lento lungo e dispersivo

    lento e prolisso.
    Una biografia interminabile basata, a sentir l'autore, su pochissime testimonianze scritte. Se fosse un romanzo, con un personaggio col quale entrare in empatia e una storia, non tan ...continua

    lento e prolisso.
    Una biografia interminabile basata, a sentir l'autore, su pochissime testimonianze scritte. Se fosse un romanzo, con un personaggio col quale entrare in empatia e una storia, non tanto più fantasiosa ma con un briciolo di ritmo, avrebbe fatto scintille per mille pagine. In realtà il libro si legge a fatica, la storia sembra infinita e lunghissima e l'autore si riperde in descrizione antecenti la nascita di Turing con gli antenati rendendo l'avvio ancor più traumatico. Per non parlare della profusione di note a piè pagina; alcune sono solo a citazione della fonte, altre lunghe dissertazioni su personaggi, comparse e opinioni.
    Troppo lungo, troppo lento, troppo dispersivo; non mi sono divertito abbastanza.

    ha scritto il 

  • 1

    La parte dell’infanzia (circa le prime 120 pagine) sono di una noia pazzesca. Perfette se avete problemi nell’addormentarvi. E’ chiaro che l’autore non è un romanziere di professione. Quando invece in ...continua

    La parte dell’infanzia (circa le prime 120 pagine) sono di una noia pazzesca. Perfette se avete problemi nell’addormentarvi. E’ chiaro che l’autore non è un romanziere di professione. Quando invece iniziamo a parlare di matematica le cose si fanno molto interessanti, tuttavia questa parte è limitata e dura poco. Il libro, in generale, è noiosissimo e non lo consiglio a nessuno. 700 pagine scritte minuscole che non decollano mai. Scritto come se fosse una tesi universitaria, mentre lo leggevo mi chiedevo sempre: 1) perché l’ho comprato? 2) perché ho iniziato a leggerlo? 3) perché non lo abbandono? Alla fine l’ho terminato… ma vorrei non averlo mai letto, avrei potuto usare quel tempo per leggere libri decisamente migliori.

    ha scritto il 

  • 5

    Stalle chiuse e buoi scappati

    Questo libro è, innanzitutto, un ponderosissimo lavoro di ricerca; ricerca documentale, per quanto concerne le carte personali di Alan Turing e delle persone a lui vicine nella sua vita, e di ricerca ...continua

    Questo libro è, innanzitutto, un ponderosissimo lavoro di ricerca; ricerca documentale, per quanto concerne le carte personali di Alan Turing e delle persone a lui vicine nella sua vita, e di ricerca scientifica, per quanto concerne le teorie che necessariamente bisogna spiegare se ci si vuole accostare a una figura così grande del panorama scientifico e cercare di capirla un po' di più.
    Ho visto il film The Imitation Game, prima di leggere questo libro, e devo dire che non avevo tanto capito il titolo, prima di arrivare alle pagine in cui si spiega il gioco dell'imitazione di Turing. Quanto poco dice il film delle teorie scientifiche che hanno popolato e guidato la vita di Alan, tanto più ne dice e tenta di spiegare questa biografia. Devo ammettere che per me, dilettante e mezza profana della quasi totalità degli argomenti scientifici trattati, molti passi sono stati pesanti da affrontare, e hanno richiesto approfondimenti e lavorio di cellule grigie in abbondanza: si da forse per scontato che il lettore abbia più che una basilare infarinatura di alcuni concetti e teorie matematiche, per cui si danno per conosciuti alcuni passaggi invece fondamentali per capire certe descrizioni e certe teorie ma, a parte questo, questo libro serve a capire lo scienziato, prima di tutto, e l'uomo; lasciando alla fine, con l'ironia con cui si descrive l'atteggiamento del governo e dell'opinione pubblica inglese sui "pervertiti sessuali", una bella dose di amaro in bocca, necessaria, forse, a capire come sia assurdo giudicare una persona soltanto da un aspetto della sua vita privata, basando su questo anche il giudizio sul suo diritto di permanenza nella cosiddetta società civile.

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo. Nonostante non abbia basi matematiche, il libro si legge con molto interesse e non particolare difficoltà.

    Due osservazioni:

    - 700 pagine suddivise tra biografia pura, testo divulgativo, inqua ...continua

    Ottimo. Nonostante non abbia basi matematiche, il libro si legge con molto interesse e non particolare difficoltà.

    Due osservazioni:

    - 700 pagine suddivise tra biografia pura, testo divulgativo, inquadramento storico e analisi di alcuni aspetti sociali del tempo, non sono assolutamente tante.

    - personalmente, non mi sarebbero spiaciute ulteriori informazioni sull'aspetto biografico (anche se capisco la difficoltà nel reperire informazioni attendibili).

    ha scritto il 

  • 4

    Sicuramente è un libro impegnativo, almeno per chi come me non ha delle grandissime competenze in campo logico-matematico.
    Nonostante questo scoglio non irrilevante l'ho trovato molto interessante e a ...continua

    Sicuramente è un libro impegnativo, almeno per chi come me non ha delle grandissime competenze in campo logico-matematico.
    Nonostante questo scoglio non irrilevante l'ho trovato molto interessante e affascinante.
    Un genio che, come spesso accade, non si sente completamente integrato nella società e nel tempo in cui si trova a vivere. Un uomo troppo complicato per una società troppo "semplice" (o anche un uomo troppo "semplice" per una società complessa).
    Nel 2009 il governo del Regno Unito ha presentato le sue scuse allo scienziato per il trattamento a cui fu sottoposto.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per
Ordina per