Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Di

Editore: CDE (Euroclub)

4.1
(11727)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Giapponese , Portoghese , Basco

Isbn-10: A000095571 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Ilide Carmignani

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Children , Education & Teaching , Fiction & Literature

Ti piace Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La vicenda si svolge nella città di Amburgo e narra di una gabbiana di nome Kengah, che, mentre si tuffa nelle acque del mare del Nord in cerca di cibo, viene colpita dalla "maledizione dei mari", un’onda carica di petrolio lasciata da una petroliera in difficoltà. Raccolte le sue ultime forze, riesce a raggiungere la città di Amburgo e precipita sul balcone di una casa, dove abita Zorba, un gatto grande e grosso dal mantello lucente nero. Morente, la povera Kengah riesce ad affidare il suo primo e ultimo uovo al gatto Zorba, dopo aver richiesto di mantenere tre promesse:
Di non mangiare l’uovo
Di averne cura finché non nascerà il piccolo
Di insegnarle a volare
Zorba promette di prendersi cura del piccolo che sta per nascere. E così non solo cova l’uovo, ma con l’aiuto dei suoi amici gatti, Colonnello, Diderot e Segretario, alleva con tanto amore la piccola gabbianella e la protegge dai pericoli. Viene chiamata "Fortunata". Il problema nasce quando Zorba deve insegnare a volare a Fortunata , perché essendo un gatto non sa come insegnare a un gabbiano a volare. Dopo tanti inutili tentativi i gatti sono costretti a ricorrere all’aiuto “dell’uomo” e a rompere il tabù, cioè parlare agli umani nella loro lingua. L'uomo prescelto è un poeta, un uomo dall’animo sensibile, capace di capire e comprendere. E così Fortunata riuscirà a spiccare il suo primo volo e a librarsi nel cielo: il suo mondo.
Ordina per
  • 5

    Rileggere un libro della propria infanzia da adulti è davvero magnifico, questo è un libro che non puoi scordare ma è stato come leggerlo per la prima volta per le sensazioni che mi ha dato.
    La storia è semplice ma toccante e ha tanto da insegnare.

    ha scritto il 

  • 5

    La gabbianella...

    Grave mancanza, quella di aver letto solo ora questo piccolo capolavoro… In una manciata di pagine Sepulveda riesce a condensare tutti i valori che contano veramente nell’esistenza umana ed anche ad abbracciare tematiche moderne e molto sentite. Sono cose, per la verità, già dette e descritte in ...continua

    Grave mancanza, quella di aver letto solo ora questo piccolo capolavoro… In una manciata di pagine Sepulveda riesce a condensare tutti i valori che contano veramente nell’esistenza umana ed anche ad abbracciare tematiche moderne e molto sentite. Sono cose, per la verità, già dette e descritte in altri piccoli capolavori da altri autori, solo che in questo racconto viene usata la giusta miscela tra seriosità ed ironia che rendono la storia più godibile. Come dire, va bene raccontare le grandi verità sempre nascoste ai nostri occhi da qualcosa di più materiale, ma vale anche la raccomandazione che a prendersi troppo sul serio nel raccontarle si rischia di ottenere il contrario di quello che si vuole…

    ha scritto il 

  • 5

    Che dire, è semplicemente un libro stupendo, sotto ogni punto di vista.
    Toccante, commovente e stra-farcito di valori importantissimi che nella società di oggi sono lentamente dimenticati, la cui lettura dovrebbe essere d'obbligo nelle scuole elementari.

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero una lettura piacevole per ogni età. Temi universali come l'amicizia, l'incontro con il "diverso", la famiglia e la fantasia vengono trattati con semplicità da Sepulveda che riesce a non risultare banale.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, dolce, divertente. Una "favola" che ti riporta all'infanzia; che parla di amore, amicizia, fantasia e solidarietà.
    Non ho visto il cartone ma ne ricordo la colonna sonora...e merita tanto :))

    ha scritto il 

  • 4

    riscoprirsi piccoli

    Da piccolo non ho avuto modo di vedere il cartone né tantomento di leggere il libro.
    Sepulveda, con immagini ben delineate e caratterizzate, mi ha fatto sognare, mi ha fatto tornare bambino.
    Grande scoperta da ventenne!

    ha scritto il 

Ordina per