Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storia generale dei pirati

Di

Editore: Cavallo di Ferro

4.2
(50)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 421 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8879070150 | Isbn-13: 9788879070157 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Ubezio

Disponibile anche come: Altri

Ti piace Storia generale dei pirati?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel Cinquecento il Portogallo e la Spagna si erano divisi il mondodiventandone i padroni. L'oro del Brasile, l'argento del restante Nuovo Mondoe le spezie d'Oriente arricchirono immensamente queste due nazioni. Il loropotere durò così a lungo da scatenare l'invidia degli altri paesi e ildesiderio di saccheggio dei pirati. Questo è il primo grande racconto sullevite degli sparvieri di mare. Ladri, nobili esiliati, politici frustrati, ipirati costituirono l'incarnazione di un certo spirito di libertà. Le lorovite sono brevi ma movimentate, una continua avventura, piena di peripezie,vissuta in un'epoca in cui il mondo era giovane e il mare, molto spesso, ilgrande sconosciuto. Tra realtà e finzione si raccontano i fatti dei piùterribili e pericolosi pirati di cui si abbia memoria. Nomi come Capitano Kiddo Barbanera irrompono come fantasmi in queste pagine, facendone uno dei piùemozionanti racconti sull'era dell'oro, della pirateria e dei filibustieri.Chi era questo Capitano Johnson? Sarà il famoso autore di Robinson Crusoe comeè stato detto per molto tempo? Conoscitore di termini marittimi e dellatecnica della navigazione, di episodi che fino a pochi anni primaappartenevano all'archivio segreto della marina britannica, le più recentiteorie sull'identità di Charles Johnson ci fanno credere che si trattasse nondi uno scrittore, bensì di un autentico pirata...
Ordina per
  • 4

    La migliore edizione è quella di Cavallo di Ferro, ormai purtroppo praticamente introvabile sul web e nelle librerie: tuttavia è la più accurata, illustrata ed è chiosata a margine con note esplicative del testo. È una lettura fondamentale per chi vuole conoscere la stori ...continua

    La migliore edizione è quella di Cavallo di Ferro, ormai purtroppo praticamente introvabile sul web e nelle librerie: tuttavia è la più accurata, illustrata ed è chiosata a margine con note esplicative del testo. È una lettura fondamentale per chi vuole conoscere la storia della pirateria inglese del XVIII secolo. Ovviamente l'autore si concentra solo sulla pirateria delle indie occidentali, con qualche richiamo alla pirateria berbera e antica, trascurando il fenomeno dei pirati del 1600, ugualmente importante.
    Comunque lo consiglio vivamente, è chiaro e leggibile da chiunque.


    ha scritto il 

  • 0

    Nel Cinquecento il Portogallo e la Spagna si erano divisi il mondo diventandone i padroni. L’oro del Brasile, l’argento del restante Nuovo Mondo e le spezie d’Oriente arricchirono immensamente queste due nazioni. Il loro potere durò così a lungo da scatenare l’invidia degli altri Paesi e il desid ...continua

    Nel Cinquecento il Portogallo e la Spagna si erano divisi il mondo diventandone i padroni. L’oro del Brasile, l’argento del restante Nuovo Mondo e le spezie d’Oriente arricchirono immensamente queste due nazioni. Il loro potere durò così a lungo da scatenare l’invidia degli altri Paesi e il desiderio di saccheggio dei pirati.
    Questo è il primo grande racconto sulle vite degli sparvieri di mare. Ladri, nobili esiliati, politici frustrati, i pirati costituirono l’incarnazione di un certo spirito di libertà. Le loro vite sono brevi ma movimentate, una continua avventura, piena di peripezie, vissuta in un’epoca in cui il mon­do era giovane e il mare, molto spes­so, il grande sconosciuto. Tra realtà e finzione si raccontano i fatti dei più terribili e pericolosi pirati di cui si abbia memoria.
    Nomi come Capitan Kidd o Barba Nera irrompono come fantasmi in queste pagine, facendone uno dei più emozionanti racconti sull’era dell’oro, della pirateria e dei filibustieri.

    ha scritto il 

  • 4

    Il meglio, per chi vuole conoscere la storia dei pirati!

    In questo libro, oltre ad alcune informazioni inerenti la pirateria in generale ed a molteplici illustrazioni, potrete trovare la biografia di molti tra i più celebri pirati in un misto di realtà e leggenda; Dal crudele Edward Teach all'intrepida Mary Read e molti, molti altri filibustieri tutti ...continua

    In questo libro, oltre ad alcune informazioni inerenti la pirateria in generale ed a molteplici illustrazioni, potrete trovare la biografia di molti tra i più celebri pirati in un misto di realtà e leggenda; Dal crudele Edward Teach all'intrepida Mary Read e molti, molti altri filibustieri tutti accomunati da vite brevi ma incredibili. Peraltro non ci sono proprio tutti, mi viene in mente l'assenza di Francesco Nau L'Olonese...

    Si ritiene che il libro NON sia stato scritto da Daniel Defoe, teoria oramai confutata, il quale al limite ha ritoccato qualche passo della quarta edizione, bensì da questo fantomatico Capitano Johnson, il quale evidentemente era un vero pirata, fatto dimostrato dall'essere lui in possesso di notizie confidenziali della Marina Britannica all'epoca segrete e addirittura di notizie non conosciute all'epoca da alcuno dato che sono emerse solo oggi dopo il ritrovamento di relitti sommersi, oltre che in forza di una conoscenza della meccanica e linguaggio marinaresco ineccepibile.

    ha scritto il