Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storia sociale dell'arte. Volume secondo

Rococò, Neoclassicismo, Romanticismo, Arte moderna e contemporanea

Di

Editore: Einaudi

4.2
(36)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 505 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000058078 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Art, Architecture & Photography

Ti piace Storia sociale dell'arte. Volume secondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Lettura faticosa ma utile (faticosa forse perché tradotta a fatica?). La necessità di un approccio "sociale" all'arte prescinde dall'appartenenza o meno a scuole di derivazione marxista: è un'esigenza oggettiva. Il catalogo Einaudi, diffuso com'è (o com'era) offre (offriva) in questi due volumi u ...continua

    Lettura faticosa ma utile (faticosa forse perché tradotta a fatica?). La necessità di un approccio "sociale" all'arte prescinde dall'appartenenza o meno a scuole di derivazione marxista: è un'esigenza oggettiva. Il catalogo Einaudi, diffuso com'è (o com'era) offre (offriva) in questi due volumi una prima chiave d'accesso alla storia sociale dell'arte; per alcuni è stata l'unica, per i più curiosi solo la prima. I testi, purtroppo, sono stati spesso adottati all'università e trasformati in letture obbligatorie. Chi li ha ancora (e non se li è venduti per le mille lire del momento) provi a dargli un'altra occhiata.

    ha scritto il 

  • 5

    detto anche l' Hauser, in un gergo tra il familiare e il settario che, giovani intellettuali con la puzzetta sotto il naso, usavamo per riferirci a una delle nostre pietre miliari. Se l'affabulatore Gombrich (senza articolo) ci raccontava storie affascinanti di uomini che riuscivano a parl ...continua

    detto anche l' Hauser, in un gergo tra il familiare e il settario che, giovani intellettuali con la puzzetta sotto il naso, usavamo per riferirci a una delle nostre pietre miliari. Se l'affabulatore Gombrich (senza articolo) ci raccontava storie affascinanti di uomini che riuscivano a parlare con noi da lontananze soprendenti l'Hauser, più severo, ci introduceva alla dimensione sociale della produzione artistica, altra folgorazione che gli studi scolastici non ci avevano lasciato sospettare. Ma si sa, erano tempi in cui la parola sociale pervadeva le nostre vite e le nostre coscienze...

    ha scritto il