Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storie ancora più impreviste

Di

Editore: Longanesi & C.

3.9
(216)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 150 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8830409626 | Isbn-13: 9788830409620 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Attilio Veraldi

Genere: Fiction & Literature , Humor

Ti piace Storie ancora più impreviste?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Segno seguito del primo"Storie impreviste"; fantasia, humor e originalità ne fanno una letture distensiva e divertente. Tra i vari racconto una menzione merita "genesi e catastrofe(una storia vera)!

    ha scritto il 

  • 5

    ****1/2 Vecchi gentiluomini con segreti singolari, macchine che permettono di ascoltare suoni incredibili, ometti insignificanti che trovano la loro ragione di vita in un sogno. Tutto questo e molto altro in questi racconti di Roald Dahl: piacevoli, scorrevoli, immediati, spiazzanti e innaffiati ...continua

    ****1/2 Vecchi gentiluomini con segreti singolari, macchine che permettono di ascoltare suoni incredibili, ometti insignificanti che trovano la loro ragione di vita in un sogno. Tutto questo e molto altro in questi racconti di Roald Dahl: piacevoli, scorrevoli, immediati, spiazzanti e innaffiati di humour nero. Particolarmente sublimi: "Caro padre", "Mr Botibol" e "Il Maggiordomo".

    ha scritto il 

  • 4

    spezzatino agrodolce!

    sarà che lo amo assai, il rutilante sciabordare di aggettivi in quarta di cop. mi pare eccessivo, ne sarebbe bastato uno, in corpo 36 da lasciar senza parole il possibile lettore: prendere o lasciare!

    ha scritto il 

  • 3

    Quando ci siede attorno al fuoco, magari in una sera fredda e nevosa, una storia imprevista è quello che ci vuole. Ci si trova improvvisamente in un’Inghilterra perduta, quella di una settantina di anni fa, con maggiordomi saputelli, giovanotti senza arte né parte che inventano società commercial ...continua

    Quando ci siede attorno al fuoco, magari in una sera fredda e nevosa, una storia imprevista è quello che ci vuole. Ci si trova improvvisamente in un’Inghilterra perduta, quella di una settantina di anni fa, con maggiordomi saputelli, giovanotti senza arte né parte che inventano società commerciali bislacche, insomma storie che non sai come vanno a finire. E stare ad ascoltarle è il meglio che ci possa essere, magari abbracciate ad un peluche morbido e consumato.

    ha scritto il 

  • 3

    Innanzitutto lo shock quando ho scoperto che questo non era un libro per ragazzi.. O.O
    Sono partita prevenuta, perché per me Dahl è l'autore de "La fabbrica di cioccolata", "Danny il campione del mondo", "Le streghe" e via dicendo. Lo vedo troppo bene in quel ruolo, mentre qui.. Mmm.. Un po ...continua

    Innanzitutto lo shock quando ho scoperto che questo non era un libro per ragazzi.. O.O
    Sono partita prevenuta, perché per me Dahl è l'autore de "La fabbrica di cioccolata", "Danny il campione del mondo", "Le streghe" e via dicendo. Lo vedo troppo bene in quel ruolo, mentre qui.. Mmm.. Un po' meno, ecco.
    Anzi, se proprio devo essere sincera, alcuni racconti mi hanno addirittura disturbato..
    Mi è piaciuta moltissimo la storia dell'ombrello, quasi qausi la metto in pratica anche io!!! :D

    Detto ciò, non me la sento esattamente di promuoverlo.. Rimandato u.u

    ha scritto il 

  • 5

    Sorprendenti invenzioni 2

    Racconti a sorpresa di tutto rispetto.
    Storie più o meno misteriose con finale ad effetto che lascia il lettore a bocca aperta.
    Molte storie di questo libro sono state usate per la serie tv "Alfred Hitchcock presenta" e, non per niente, sono le migliori!
    Gran bella scoperta ques ...continua

    Racconti a sorpresa di tutto rispetto.
    Storie più o meno misteriose con finale ad effetto che lascia il lettore a bocca aperta.
    Molte storie di questo libro sono state usate per la serie tv "Alfred Hitchcock presenta" e, non per niente, sono le migliori!
    Gran bella scoperta questo Dahl!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Forse non bello come il primo, ma sempre gradevole.
    C’è un po’ di tutto …. Dal terrore di una morte orribile se un serpente velenoso ti dorme sulla pancia all’inventore di una macchina che traduce i suoni inudibili dall’orecchio umano (forse il più famoso). Dal complesso infantile, mai supe ...continua

    Forse non bello come il primo, ma sempre gradevole.
    C’è un po’ di tutto …. Dal terrore di una morte orribile se un serpente velenoso ti dorme sulla pancia all’inventore di una macchina che traduce i suoni inudibili dall’orecchio umano (forse il più famoso). Dal complesso infantile, mai superato, di aver visto una coniglia mangiare il suo piccolo, alla “tragica” storia di una madre che partorisce il quarto figlio dopo averne visti morire tre (e sarebbe meglio morisse anche il quarto). Dal divertente passaggio offerto ad uno autostoppista particolare, alla piccola ma ingegnosa truffa di un gentiluomo ubriacone. Dal patetico ma poetico gioco di due solitari musicofili all’invenzione di un nuovo lavoro “il vendicatore di vittime di giornalisti troppo velenosi”.
    Veloci, stringati, spassosi.

    ha scritto il