Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storie del tempo e dello spazio

Urania Collezione 083

Di

Editore: A. Mondadori (Urania Collezione)

3.3
(54)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 263 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000086535 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Maria Barbara Piccioli

Disponibile anche come: Altri

Genere: Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Storie del tempo e dello spazio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un venusiano affascinato dalla semplicità di una donna terrestre; una macchina del tempo che permette a un assassinato di farsi vedere ancora in vita; un risultato elettorale cambiato in modo imprevedibile; un uomo che esige di essere maledetto e non immagina le conseguenze assurde del suo gesto; una razza di terribile creature che si annida nel deserto. Queste e altre avventure ci vengono offerte, su un piatto d’argento, da Anthony Boucher, uno dei grandi specialisti della fantascienza a sorpresa. Non solo ogni caso possiede la lucidità, l’inventiva e il rigore stilistico che sono il suo contrassegno, ma ogni finale è un colpo di scena. Boucher è un maestro oggi annoverato nell’Olimpo che comprende scrittori come Knight, Sheckley, Brown e Kuttner.
Ordina per
  • 3

    Poca fantascienza, molto soprannaturale/fantasy

    Alcuni racconti sono noiosi, come 'Balaam', altri sono sufficienti. Valgono l'acquisto 'Altroquando' (viaggio nel tempo), 'Sriberdegibit' (evocazione di un demone), e 'Snulbug' (entrambe le due ...continua

    Alcuni racconti sono noiosi, come 'Balaam', altri sono sufficienti. Valgono l'acquisto 'Altroquando' (viaggio nel tempo), 'Sriberdegibit' (evocazione di un demone), e 'Snulbug' (entrambe le due tematiche).

    ha scritto il 

  • 3

    una serie di racconti brevi riconducibili al filone "ai confini della realtà". Sebbene alcuni di questi racconti (ad esempio i due incentrati sull'evocazione di un diavoletto e di un folletto) siano ...continua

    una serie di racconti brevi riconducibili al filone "ai confini della realtà". Sebbene alcuni di questi racconti (ad esempio i due incentrati sull'evocazione di un diavoletto e di un folletto) siano godibili, temo che sul medio periodo non ricorderò di questo libro nulla, forse anche di averlo letto. Un libro quindi consigliato per una lettura pomeridiana quando per qualunque motivo non ci sia molto altro da fare.

    ha scritto il 

  • 4

    racconti dal sapore un po' retro ma gustosi (e non solo perché due parlano di cucina). non propriamente (o solamente) fantascienza, ma un fantastico in senso più ampio, con abbondanza demonietti e ...continua

    racconti dal sapore un po' retro ma gustosi (e non solo perché due parlano di cucina). non propriamente (o solamente) fantascienza, ma un fantastico in senso più ampio, con abbondanza demonietti e macchine del tempo fatte in casa. non è la base scientifica/speculativa all'origine dei racconti, quanto un problema o un mistero che vengono proposti e di cui si deve trovare la soluzione. personaggi fortemente morali, forse derivati dal perbenismo dell'america anni 50, ma tutto sommato simpatici.

    ha scritto il 

  • 3

    Quando incappo in una di queste antologie di racconti anni '50 mi sembra sempre di ritrovare un vecchio amico. Sarà che la mia esperienza di lettore di fantascienza si è formata su testi scritti in ...continua

    Quando incappo in una di queste antologie di racconti anni '50 mi sembra sempre di ritrovare un vecchio amico. Sarà che la mia esperienza di lettore di fantascienza si è formata su testi scritti in quegli anni, ma per me leggere dei turbamenti più o meno inquietanti, più o meno fantastici della comodo vita conformista a stelleestrisce che si ritrova con una preoccupante frequenza nei racconti fantascientifici di quegli anni è una specie di ritorno a casa. Nello specifico questi racconti di Anthony Boucher hanno tutti quel sapore di sigaro e scotch e moglie di là a preparare la cena che per me è ormai sinonimo di buona lettura nostalgica. Illuminante, forse più qui e ora che non laggiù e allora, e sempre piacevole.

    http://iguanajo.blogspot.com/2010/02/letture-gennaio-2010.html

    ha scritto il 

  • 4

    "Storie del tempo e dello spazio" è una raccolta di undici racconti che spaziano tra la fantascienza, il giallo e l'horror. Ritmo sostenuto in molti racconti e stile senza tanti orpelli. Segnalo in ...continua

    "Storie del tempo e dello spazio" è una raccolta di undici racconti che spaziano tra la fantascienza, il giallo e l'horror. Ritmo sostenuto in molti racconti e stile senza tanti orpelli. Segnalo in particolare "Sriberdegibit", "Altroquando", "Snulbug" e "L'altro regime".

    ha scritto il 

  • 4

    scrittore colto, versatile, politicamente impegnato e pure fervente cattolico, boucher fu popolare ma non commerciale. da segnalare in questa raccolta l'horror "mordono", che regge ancora molto bene. ...continua

    scrittore colto, versatile, politicamente impegnato e pure fervente cattolico, boucher fu popolare ma non commerciale. da segnalare in questa raccolta l'horror "mordono", che regge ancora molto bene.

    ha scritto il 

  • 3

    Bella raccolta

    Undici racconti classici che vanno dal poliziesco con risvolti soprannaturali alla fantascienza. Lo stile elegante e senza fronzoli non risente "dell'età" (la raccolta è del '55) e i finali sono ...continua

    Undici racconti classici che vanno dal poliziesco con risvolti soprannaturali alla fantascienza. Lo stile elegante e senza fronzoli non risente "dell'età" (la raccolta è del '55) e i finali sono arguti e ben congegnati. Il mio racconto preferito è "La sposa delle stelle". Lettura consigliata!

    ha scritto il 

  • 0

    http://www.booksblog.it/post/5541/urania-dicembre-il-quinto-principio-di-vittorio-catani-storie-del-tempo-e-dello-spazio-di-anthony-boucher-rivelazione-2-di-alastair-reynolds

    ha scritto il