Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Storie di vampiri

(532)

| Paperback | 9788879834179

Like Storie di vampiri ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Da Polidori a Stoker, da Maupassant a Conan Doyle, oltre settanta autori ci accompagnano alla scoperta di una delle figure più celebri che popolano da sempre l’immaginario collettivo.
Oltre agli autori elencati, sono presenti nell'antologia racconti Continue

Da Polidori a Stoker, da Maupassant a Conan Doyle, oltre settanta autori ci accompagnano alla scoperta di una delle figure più celebri che popolano da sempre l’immaginario collettivo.
Oltre agli autori elencati, sono presenti nell'antologia racconti di:
Clifford Ball, Jean Bouquet, Richard Stanley Breene, Peter Coleborn, Edward Everett Evans, Randall Garrett, James Hall, Tom Rawson Hilbourne, Charles Horn, Carl Richard Jacobi, Frank George Loring, Laurence Manning, Daniele Oberto Marrama, Peter Schuyler Miller, Hermann Mudgett, Rog Phillips, Thomas Preskett Prest, Victor Rowan, Robert Leonard Russell, George stroup, Clark Douglas Stuart, Ives Theriault, Frank Latimore Wallace, Donald Wandrei, Helen Weinbaum ed Everil Worrell.
Con il saggio: "Il Vampiro" e con le appendici:
1. Apollonio di Tiana e la Vampira
2. Relazione scientifica sui Vampiri
3. Dal "Dictionnaire Infernal, di Jacques Collin de Plancy
Inoltre filmografia, bibliografia, schede degli autori e prime pubblicazioni.

63 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    L’antologia è fatta veramente bene. La raccomando veramente per gli appassionati del genere – no, dei libretti degli scrittori odierni però! - . I vari racconti iniziano dall’Ottocento e delineano il passaggio dalla figura del vampiro “contadinesco” ...(continue)

    L’antologia è fatta veramente bene. La raccomando veramente per gli appassionati del genere – no, dei libretti degli scrittori odierni però! - . I vari racconti iniziano dall’Ottocento e delineano il passaggio dalla figura del vampiro “contadinesco” a quella del vampiro affascinante che vive in società fino alla figura del vampiro nel futuro (questi non li ho letti). C’è un periodo pre-Dracula ed un post. C’è una bella bibliografia e filmografia, e introduzioni fatte molto bene. Non l’ho finito perchè ho trovato il formato ebook e rimandato la lettura a quando ho più tempo libero per letture “ricreative” visto che voglio liberarmi del cartaceo che ho intorno.

    Is this helpful?

    Barbara ABP said on Jul 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tanti racconti noiosi e pochi davvero belli e geniali. Vale lo stesso una lettura sia per i pochi di cui sopra che per apendici e filmografia.

    Is this helpful?

    Ebisu said on Mar 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Parte I: ****
    menzione speciale per Carmilla

    Parte II: ****

    Parte III: non finito
    mezione speciale per I Vampiri di Henshawe

    Is this helpful?

    ☆Silvia☆ said on Feb 5, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Tutto sui vampiri (quelli veri!)

    Amanti dei vampiri di Twilight, vade retro da questo libro!
    In questo fantastico mattone da mille pagine, oltre settanta racconti sui vampiri, quelli veri, che tornano dalla tomba assetati di sangue..
    Ammetto di aver saltato una parte di uno dei racc ...(continue)

    Amanti dei vampiri di Twilight, vade retro da questo libro!
    In questo fantastico mattone da mille pagine, oltre settanta racconti sui vampiri, quelli veri, che tornano dalla tomba assetati di sangue..
    Ammetto di aver saltato una parte di uno dei raccconti (La città dei vampiri di Van Vogt) che mi è rimasto un po'indigesto e noioso.
    Per il resto, tutti decisamente scorrevoli e interessanti

    Is this helpful?

    Clau2088 said on Sep 28, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quella del vampiro è una figura antica, come antica è la consapevolezza dell'uomo relativa al suo sangue, cioè quella che questo vitale per l'uomo stesso.
    Come si sa comunemente, il vampiro beve il sangue dagli uomini: il vampiro si assicura la vita ...(continue)

    Quella del vampiro è una figura antica, come antica è la consapevolezza dell'uomo relativa al suo sangue, cioè quella che questo vitale per l'uomo stesso.
    Come si sa comunemente, il vampiro beve il sangue dagli uomini: il vampiro si assicura la vita levandola al malcapitato, che alcune volte è scelto appositamente, per continuare a camminare tra i vivi (ricordiamo che il vampiro è categorizzato come un non-morto). Lavando la vita, ottiene la vita.
    Confesso di essere anche io uno degli affascinati da questa figura .. e se ci penso non vi saprei spiegare il perchè! ma sicuramente non è perchè i vampiri sono belli e misteriosi e oscuri, forse è proprio perchè la figura è antica e si riveste di molti più significati di quanto si possa pensare. Dunque non sono uno degli affascinati da quei vampiri di ultima generazione: belli, coi sentimenti, anche caritatevoli volendo, molto coscienti e consapevoli.. insomma, per dirla in una parola, umanizzati1. Per me il vampiro costituisce un'incarnazione fantastica di alcuni aspetti dell'uomo, ma non per questo deve essere umanizzato, dato che questi aspetti, quello del predatore per esempio e dell'animale privo di coscienza e di senso di colpa, sono rappresentati nel vampiro ai loro estremi. Allora un uomo presentato nei suoi aspetti portati agli estremi, è da considerarsi ancora un uomo?
    Fatta questa piccola introduzione, veniamo al testo nello specifico. Questa raccolta consente di vedere queli sono stati i precursori e i sucessori di Stoker, il cui vampiro Dracula è
    da considerarsi il capostipite ideale di tutta quanta la genia vampiresca, ideale perchè è quello più famoso, ma non è
    presentato come il primo in senso genealogico. Si sarà capito dalle mie parole, che sono alquanto tradizionalista e quindi
    porto come esempio del vampiro vero proprio lui, Dracula, in quanto, dal mio punto di vista, si fa veramente portatore di tutti quei significati di cui parlavo prima. Leggere quindi di chi è venuto prima, e di chi è venuto dopo, è gradevole, anche se un pò stancante trattandosi di racconti, e quindi brevi, che non ti danno il tempo di creare un legame coi personaggi che già sono finiti. La raccolta è divisa in tre parti, cronologicamente ed idealmente riportate a Stoker, credo di aver letto le
    prima due parti. Ho rifiutato di leggere la terza perchè presentava il vampiro nel futuro.. ma proprio nel futuro, quando
    tutto sarà automatizzato e gli uomini vivranno sulla luna. Certo se il vampiro vive in eterno, se eterno sarà l'uomo da cui
    trae la vita, potrebbe essere carino sapere come si adatterà al futuro! ma io sono troppo legato alla figura classica per
    sopportare di vedere il vampiro nel futuro, anche perchè se il vampiro è figura negativa, non volevo accettare la negatività
    incarnata anche nel futuro.
    Leggendo tutti gli altri racconti della raccolta, potrete scoprire anche caratteristiche del vampiro che non conoscevate, se
    fermi alla lettura del romanzo di Stoker, e vedere inoltre come alcuni autori si siano dilettati a "giocare" con la figura del vampiro!

    Is this helpful?

    Rob Morra said on Jan 19, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (532)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 1040 Pages
  • ISBN-10: 8879834177
  • ISBN-13: 9788879834179
  • Publisher: Newton & Compton Editori
  • Publish date: 1994-05-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book