Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Storytelling

La fabbrica delle storie

Di

Editore: Fazi

3.4
(84)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 214 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8881129612 | Isbn-13: 9788881129614 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Gasparri

Genere: Social Science

Ti piace Storytelling?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con Storytelling, che ha scalato le classifiche dei libri più venduti in Francia, Christian Salmon mostra gli ingranaggi della grande "macchina narrante" che ha rimpiazzato il ragionamento razionale, ben più pervasiva dell'iconografia orwelliana della società totalitaria. Questo nuovo ordine narrativo non è un semplice linguaggio mediatico: il soggetto che vuole influenzare è un individuo evoluto, immerso in un universo fittizio che ne filtra le percezioni, ne stimola le sensazioni, ne inquadra i comportamenti e le idee.
Christian Salmon sarà in Italia a presentare il libro a fine settembre, in occasione della sua presenza al Festival Torino Spiritualità.

L'arte di raccontare storie è nata quasi in contemporanea con la comparsa dell'uomo sulla terra e ha costituito un importante strumento di condivisione dei valori sociali. Ma, a partire dagli anni Novanta del Novecento, negli USA come in Europa, questa capacità narrativa è stata trasformata dai meccanismi dell'industria dei media e dal capitalismo globalizzato nel concetto di storytelling: una potentissima arma di persuasione nelle mani dei guru del marketing, del management, della comunicazione politica per plasmare le opinioni dei consumatori e dei cittadini. Dietro le più importanti campagne pubblicitarie - e ancor più dietro quelle elettorali vincenti (da Bush a Sarkozy) - si celano proprio le sofisticate tecniche dello storytelling management o del digital storytelling.
Questo è l'incredibile inganno ai danni dell'immaginario collettivo svelato da Christian Salmon nel suo libro, frutto di una lunga inchiesta dedicata alle applicazioni sempre più numerose del fenomeno: il marketing conta più sulla storia dei brand che sulla loro immagine, i manager si servono di aneddoti per motivare i propri dipendenti, i soldati in Iraq si allenano su videogiochi progettati da Hollywood, gli spin doctors descrivono la vita politica dei loro clienti come in un racconto.

Christian Salmon, saggista, ricercatore al CNRS (dove è entrato nel 1982 in qualità di assistente di Milan Kundera), è stato inoltre il fondatore e l'animatore (dal 1993 al 2003) del Parlamento internazionale degli scrittori, di cui hanno fatto parte, tra gli altri, Salman Rushdie, Jacques Derrida, Toni Morrison, Javier Marías e gli italiani Antonio Tabucchi, Claudio Magris, Vincenzo Consolo. Tra i suoi libri, ricordiamo Diventare minoritario. Per una nuova politica della letteratura (Bollati Boringhieri, 2005). Dopo l'uscita di Storytelling in Francia, a Salmon è stata affidata una rubrica settimanale sul quotidiano «Le Monde» per parlare del fenomeno descritto nel libro.
Ordina per
  • 0

    Ho trovato il libro di Salmon molto interessante e ispirato, non è un libro tecnico ma un testo che spiega un fenomeno sociale e come esso può essere utilizzato dai comunicatori di oggi e di ieri. L'unico amaro in bocca, è che non fa nessun riferimento all'Italia, se non un trafiletto nell'ultimo ...continua

    Ho trovato il libro di Salmon molto interessante e ispirato, non è un libro tecnico ma un testo che spiega un fenomeno sociale e come esso può essere utilizzato dai comunicatori di oggi e di ieri. L'unico amaro in bocca, è che non fa nessun riferimento all'Italia, se non un trafiletto nell'ultimo capitolo. Italia che è antesignana rispetto a tutte le sue descrizioni sullo story telling in Francia e in America

    ha scritto il 

  • 3

    Salmon non mi pare dica niente di nuovo sul potenziale della narrativa, del racconto nel persuadere le masse, il popolo, o il tuo collega di lavoro. Interessanti le pagine sui call-center indiani...

    ha scritto il 

  • 1

    Lo storytelling senza storytelling

    Confesso che l'ho preso così, senza conoscerlo, basandomi sul titolo. E ho sbagliato. Si tratta di un libro che mette insieme un sacco di nozioni senza spiegare cosa sia davvero lo storytelling. Dice che ci sono persone più o meno cattive che ci raccontano storie per distrarci, per farci comprare ...continua

    Confesso che l'ho preso così, senza conoscerlo, basandomi sul titolo. E ho sbagliato. Si tratta di un libro che mette insieme un sacco di nozioni senza spiegare cosa sia davvero lo storytelling. Dice che ci sono persone più o meno cattive che ci raccontano storie per distrarci, per farci comprare, per farci votare. Ma non dice come nascano queste storie. Un accozzaglia di punti di vista monotematici e ripetitivi, poco approfonditi. Brutto libro, che non consiglio.

    ha scritto il 

  • 5

    molto interessante, di attualità

    L'arte di "raccontare la storia" in riferimento a "prodotti da vendere", che siano leader politici oppure abbigliamento sportivo.
    I casi concreti sono davvero interessanti, e seppure di qualche anno fa, estremamente attuali.

    ha scritto il 

  • 4

    Che cos'è lo storytelling? Quanto è importante oggi negli ambiti più disparati: dal marketing alla propaganda politica, dall'economia alla guerra?
    Christian Salmon analizza in modo dettagliato come l'arte di raccontare storie stia influenzando sempre di più la vita quotidiana delle persone, ...continua

    Che cos'è lo storytelling? Quanto è importante oggi negli ambiti più disparati: dal marketing alla propaganda politica, dall'economia alla guerra?
    Christian Salmon analizza in modo dettagliato come l'arte di raccontare storie stia influenzando sempre di più la vita quotidiana delle persone, dei cittadini, dei consumatori, senza lasciarsi sfuggire le sue conseguenze più oscure (a questo proposito sono interessanti i capitoli dedicati alla politica e alla propoaganda).
    L'unica pecca è la marginalità dedicata ad esempi che riguardino nazioni altre dagli USA, che pur vengono trattati anche se troppo superficialmente.

    ha scritto il 

  • 1

    WM2 su Storytelling

    Buone intenzioni, premesse confuse, libro raffazzonato. Che il potere racconti storie è un'ovvietà, che noi si debba smettere di farlo è una scemenza.
    La recensione completa è qui:
    http://www.carmillaonline.com/archives/2008/10/002803.html

    ha scritto il 

  • 2

    Un saggio rigoroso che traccia l'ascesa al successo 'sociale' dello Storytelling. Il libro è sbilanciato verso l'America, il mondo politico e quello della guerra, ma tratta brevemente anche l'uso dello storytelling nelle aziende.
    Appunto, si tratta di un saggio: non presenta linee guida, ca ...continua

    Un saggio rigoroso che traccia l'ascesa al successo 'sociale' dello Storytelling. Il libro è sbilanciato verso l'America, il mondo politico e quello della guerra, ma tratta brevemente anche l'uso dello storytelling nelle aziende.
    Appunto, si tratta di un saggio: non presenta linee guida, cases, grafici e dati.

    ha scritto il