Strade blu

Un viaggio dentro l'America

Voto medio di 723
| 163 contributi totali di cui 136 recensioni , 27 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Un tempo, sulle vecchie cartine d'America, le strade principali erano segnate in rosso e quelle secondarie in blu. È sulle strade blu che si svolge il viaggio di tre mesi di un solitario mezzo pellerossa, che, rimasto privo del suo lavoro e della ... Continua
Ha scritto il 16/09/17
Girando l'America nelle strade secondarie
William è un professore di inglese di origini indiane il quale, all'inizio della primavera del 1978, si ritrova licenziato e con la moglie che lo ha scaricato. E prende una decisione: racimola tutti i suoi risparmi e parte per un viaggio on the ..." Continua...
Ha scritto il 23/06/17
Le strade blu..strade secondarie e ormai dimenticate dall'incalzante fretta delle autostrade: percorrerle è una (ri)scoperta del proprio paese. Qualunque esso sia.
Una buona lettura che ti lascia la voglia di metterti in viaggio.
Ha scritto il 19/09/16
Emozionante.
Un resoconto dolce e semplice, un viaggio che segna e cambia una vita intera, che le dà un senso e una direzione, inevitabilmente, come tutti i veri viaggi riescono a fare nelle menti aperte e non rassegnate. E' anche grazie a questi capolavori che ..." Continua...
  • 4 mi piace
Ha scritto il 16/03/16
Una classico della letteratura di viaggio
http://www.wakeupnews.eu/lo-scaffale-dimenticato-strade-blu-william-least-heat-moon/
Ha scritto il 15/02/16
Voglia di Viaggiare
Da Viaggiatore backpacker, un libro che non può mancare.
  • 2 mi piace

Ha scritto il Jun 09, 2012, 17:50
Devo ammettere che il mattino dopo, in quella Morristown grigia di fumo, mi chiesi seriamente che diavolo stesse avvenendo: una settimana di viaggio, una settimana di nuvole, pioggia e freddo. E adesso anche la neve. Zero gradi all'interno del ... Continua...
Pag. 48
Ha scritto il Jun 09, 2012, 17:48
La strada tornò a immergersi nell'oscurità degli alberi e attraversò il punto esatto in cui erano scomparse le colonie inglesi, lasciandosi dietro con l'ultimo gruppo, incisa sul tronco di una palizzata, la più famosa parola occulta d'America: ... Continua...
Pag. 68
Ha scritto il Jun 09, 2012, 16:41
La mia rotta prevedeva di toccare quei piccoli centri che, quando va bene, sono segnati sulle carte stradali solo perché al cartografo è rimasto uno spazio vuoto da riempire: Remote, Oregon; Simplicity, Virginia; New Freedom, Pennsylvania; New Hope, ... Continua...
Pag. 8
Ha scritto il Jun 09, 2012, 16:38
In Kentucky c'erano paesi con nomi eleganti come Boreing, Bear Wallow, Decoy, Subtle, Mud Lick, Mummie, Neon; sulla strada per Mouthcard si trovava Belcher, e Minnie era a solo dieci miglia da Mousie.Passai al Tennessee: a otto miglia da Ducktwon ... Continua...
Pag. 34
Ha scritto il Aug 15, 2011, 18:47
Versi di un canto Navajo

Poi gli dissero:
Tutto quello che hai visto, ricordalo,
Perché tutto quello che dimentichi
Ritorna a volare nel vento.
Pag. 494

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi