Straniero in terra straniera

Nord Cosmo Oro 28

Di

Editore: Nord (Cosmo Oro Classici Fantascienza)

4.1
(1127)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 445 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Spagnolo , Olandese , Giapponese , Polacco , Ceco

Isbn-10: A000089959 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Straniero in terra straniera?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Una rilettura che non mi ha dato lo stesso gusto

    Originale, certo. Volevo rileggerlo da diverso tempo, ma la rilettura ha deluso un pochino i miei ricordi. Un pk' troppo filosofico, sebbene riconosca che fa riflettere. Jubal è sempre il mio preferit ...continua

    Originale, certo. Volevo rileggerlo da diverso tempo, ma la rilettura ha deluso un pochino i miei ricordi. Un pk' troppo filosofico, sebbene riconosca che fa riflettere. Jubal è sempre il mio preferito, e il suo dolce cinismo è solo copertura di un grande animo. A qualcuno potrebbe sembrare discinto, troppo disinvolto. In realtà se si cerca di entrare nello spirito di intendere cosa voglia dire "grokkare", allora si coglie l'intendimento dell'autore, e la sua denuncia di un mondo che non vuole l'amore sulla terra. Da leggere .

    ha scritto il 

  • 0

    Nell' edizione italiana sono stati apportati alcuni ritocchi al testo originale, per non offendere il comune sentimento religioso (n. d. t.). Ora mi tocca cercare un'altra edizione.

    ha scritto il 

  • 3

    This is supposed to be an influential and controversial sci-fi novel. I guess in the 60s it would've been one, since the concepts were probably quite shocking to people at that time. I'm okay with the ...continua

    This is supposed to be an influential and controversial sci-fi novel. I guess in the 60s it would've been one, since the concepts were probably quite shocking to people at that time. I'm okay with the premise and the message (though it's still a bit hazy what the message is really about), but the way Robert Heinlein pads the book with inconsequential bantering between characters is really off-putting. It's mildly humorous, but when it just goes on and on I'm shouting inwardly, "Can we just MOVE ON??"

    I'm sorry to say it, but I won't be reading any of his other works soon.

    ha scritto il 

  • 3

    Del 1961.
    Parte come un divertente libro di fantascienza. Poi diventa "il mondo ideale secondo Heinlein". Ogni tanto didascalico, ripetitivo e prevedibile (= noiosino), ma affascinante e vitalistico.
    ...continua

    Del 1961.
    Parte come un divertente libro di fantascienza. Poi diventa "il mondo ideale secondo Heinlein". Ogni tanto didascalico, ripetitivo e prevedibile (= noiosino), ma affascinante e vitalistico.
    Bisogna anche pensare che nel 1961 ancora non c'erano stati i figli dei fiori e questo lo rende oggi forse più noioso di allora, ma anche più incredibilmente profetico.

    ha scritto il 

  • 2

    Di bello c'e' solo il titolo, per il resto una lunga serie di chiacchiere puerilmente filosofeggianti che rendono la lettura una noia mortale.
    Il fatto che questo sia uno dei "capolavori" della fantas ...continua

    Di bello c'e' solo il titolo, per il resto una lunga serie di chiacchiere puerilmente filosofeggianti che rendono la lettura una noia mortale.
    Il fatto che questo sia uno dei "capolavori" della fantascienza della seconda meta' del XX secolo la dice lunga sulla qualita' della produzione di genere dell'epoca.

    ha scritto il 

  • 4

    Gustoso

    Gustosissimo romanzo fantascientifico, la cui forza primaria risiede nel punto di vista originale e alieno di un protagonista marziano catapultato sulla Terra, situazione che offre a Heinlein un'inter ...continua

    Gustosissimo romanzo fantascientifico, la cui forza primaria risiede nel punto di vista originale e alieno di un protagonista marziano catapultato sulla Terra, situazione che offre a Heinlein un'interessante angolazione per affrontare tematiche quali sesso, proprietà, religione e Dio.
    Tra tutti i personaggi, Jubal è quello che vince il premio per la personalità più eclettica e dirompente.

    ha scritto il 

  • 5

    Splendido romanzo di Heinlein. Lungo, articolato, corposo, per quanto semplice di trama, ma affascinante, per quanto a tratti tenda a perdersi e divagare (soprattutto nella seconda metà dove le aggiun ...continua

    Splendido romanzo di Heinlein. Lungo, articolato, corposo, per quanto semplice di trama, ma affascinante, per quanto a tratti tenda a perdersi e divagare (soprattutto nella seconda metà dove le aggiunte della versione estesa a volte non arricchiscono particolarmente la storia o le riflessioni). Decisamente non per tutti i palati: denso di riflessioni sulla società civile, la filosofia, la religione e l'etica-morale. Consigliato a chi ama l'autore e la buona fantascienza, sconsigliato a chi muore davanti aun libro prevalentemente impostato sul dialogo e la speculazione-riflessione.

    ha scritto il 

  • 5

    Il romanzo, corposissimo, è un grande inno alla libertà e alla comprensione fra le persone. E' un manifesto contro i totalitarismi e i fanatismi religiosi, e al contempo esalta il divino a ogni pagina ...continua

    Il romanzo, corposissimo, è un grande inno alla libertà e alla comprensione fra le persone. E' un manifesto contro i totalitarismi e i fanatismi religiosi, e al contempo esalta il divino a ogni pagina. E' anche la proclamazione della libertà sessuale e del libero amore, benché sottotraccia vi sia un'ombra dei tempi in cui è stato scritto.
    La prima e l'ultima parte sono molto intense, in maniera diversa: la prima è un susseguirsi di colpi di scena, avventure e azione; la seconda è un climax spirituale, segnato da alcuni dialoghi fondamentali. Nel mezzo ogni tanto Heinlein, come Omero, sonnecchia, ma nel complesso tutte le 700 pagine si fanno leggere con grande piacere.
    Non voglio dire di più, per non spoilerare. Capisco però perché Francesco Dimitri considera questo un libro fondamentale. E adoro Jubal Harshaw in ogni singola pagina, sia quando mi fa ridere che quando mi fa piangere.
    Un capolavoro, sono felicissimo di averlo letto.

    ha scritto il 

  • 1

    Che delusione. Un libro che parte bene e poi diventa via via sempre più noioso cadendo nei luoghi comuni di Heinlein, Autore bravo quando vuole ma - in questo ed altri casi - decadente.
    Questo non è u ...continua

    Che delusione. Un libro che parte bene e poi diventa via via sempre più noioso cadendo nei luoghi comuni di Heinlein, Autore bravo quando vuole ma - in questo ed altri casi - decadente.
    Questo non è un romanzo ma una sorta di sit-com. Non c'è un vero contraddittorio nei dialoghi: c'è sempre chi ce la sa lunga e chi non sa niente del tutto. La trama dopo la prima parte diventa scontata.
    Forse è un libro così brillante e geniale che riuscirò a capirlo solo fra un paio di generazioni.

    ha scritto il 

Ordina per