Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Strategia oceano blu

Vincere senza competere

Di ,

Editore: Etas

4.0
(178)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 264 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845308480 | Isbn-13: 9788845308482 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Business & Economics

Ti piace Strategia oceano blu?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Attraverso uno studio condotto in oltre trenta settori Kim e Mauborgne hannoelaborato un modello sistematico, replicabile da qualsiasi impresa, perraggiungere alti livelli di crescita. Dal "Modello T" della Ford allo "iPod"di Apple, essi hanno identificato i principi e gli strumenti per neutralizzarela concorrenza e creare uno spazio di mercato incontestato, dalle possibilitàillimitate come quelle di un oceano blu. Strategia Oceano Blu porta unmessaggio carico di ispirazione: il successo non dipende dalla concorrenzaspietata né da costosi budget di marketing e R&S, ma da mosse strategichebrillanti, adatte a un uso sistematico da parte di tutte le imprese.
Ordina per
  • 4

    Mi era venuta un'idea da "oceano blu" e lo stavo leggendo con passione. Poi scopro che sono stato preceduto da un altro quasi sotto casa e l'idea da oceano blu si è trasformata in "oceano rosa": ho accantonato momentaneamente il libro, che di per sé è comunque una buona guida.

    ha scritto il 

  • 5

    Una forte esortazione a pensare fuori dagli schemi

    Un libro preceduto dalla sua fama, da cui ci si aspetta molto, e che -forse proprio per questo- può lasciare con qualche aspettativa disattesa.
    Un libro che, tuttavia, se lo si leggesse senza l’ingombrante viatico di una presentazione, ci lascerebbe inequivocabilmente con uno stato d’animo ...continua

    Un libro preceduto dalla sua fama, da cui ci si aspetta molto, e che -forse proprio per questo- può lasciare con qualche aspettativa disattesa.
    Un libro che, tuttavia, se lo si leggesse senza l’ingombrante viatico di una presentazione, ci lascerebbe inequivocabilmente con uno stato d’animo entusiasta e ricco di spunti per l’azione.
    Il mondo accademico e lavorativo è pieno di Soloni che non fanno altro che riproporre e codificare strade già percorse.
    Questo libro ci spiega che il successo di una iniziativa imprenditoriale è spesso altrove rispetto alle strade già battute e ci esorta quindi a non adagiarci negli schemi codificati per scriverne uno nuovo.
    È una sferzata ai grigi -e magari considerati brillanti- professionisti che rimasticano le situazioni note affossando le proposte creative e i loro promotori.
    Da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Da leggere, rileggere, rileggere

    Ci sono dei libri senza tempo, che bisogna leggere, anche nel mondo professionale. Ritengo Oceano Blu uno di quelli: http://goo.gl/CvByBD


    La forza di questo libro non è tanto la strategia di marketing di cui il titolo, ma l'approccio con cui il libro spiega i passaggi per elaborare una str ...continua

    Ci sono dei libri senza tempo, che bisogna leggere, anche nel mondo professionale. Ritengo Oceano Blu uno di quelli: http://goo.gl/CvByBD

    La forza di questo libro non è tanto la strategia di marketing di cui il titolo, ma l'approccio con cui il libro spiega i passaggi per elaborare una strategia di marketing.
    Sul filo rosso che accompagna il libro tante pillole di marketing puro, senza tempo, che possono supportare il cammino di chiunque lavori ad un piano strategico: da un piccolo progetto alla revisione totale di un'azienda.

    Difetti? Probabilmente alcuni concetti sono presentati con una semplicità tale che sembra quasi siano facilmente applicabili.

    ps: potrei cedere alla tentazione di avere anche il cartaceo

    ha scritto il 

  • 3

    Trovare nuove soluzioni

    Non male come libro.
    Ma forse un po' troppo "pushy" nella ricerca di codifiche da applicare per analizzare la crescita e la re-invenzione di determinate aziende/realtà prese in esame. Infatti, secondo me, il libro dà il meglio di sé quando racconta i "case historia": storie di ...continua

    Non male come libro.
    Ma forse un po' troppo "pushy" nella ricerca di codifiche da applicare per analizzare la crescita e la re-invenzione di determinate aziende/realtà prese in esame. Infatti, secondo me, il libro dà il meglio di sé quando racconta i "case historia": storie di realtà che - con intuizioni varie - sono state capaci di rivedere ed allargare i propri confini operativi.
    Ma l'ho trovato pesante (ed un po' "tirato per i capelli") quando traccia grafici (a volte un po' improbabili) che cercano di dare una giustificazione logico-matematica a processi che (magari) sono frutto di pura intuizione e che solo dopo sono stati codificati ed analizzati per verificarne la fattibilità.

    ha scritto il 

  • 0

    - Di cosa parla?
    Sin dagli albori dell'era industriale, le imprese hanno ingaggiato una battaglia senza quartiere per accaparrarsi un vantaggio nel sanguinante oceano rosso della competizione, colmo di rivali che lottano per un potenziale di profitti sempre più ridotto.
    Proviamo a imm ...continua

    - Di cosa parla?
    Sin dagli albori dell'era industriale, le imprese hanno ingaggiato una battaglia senza quartiere per accaparrarsi un vantaggio nel sanguinante oceano rosso della competizione, colmo di rivali che lottano per un potenziale di profitti sempre più ridotto.
    Proviamo a immaginare le prospettive di crescita che avrebbero se, invece, potessero operare senza alcuna concorrenza! (questo significa mettere in discussione tutto ciò che pensavamo di sapere in materia di strategia…).
    Attraverso uno studio condotto in oltre trenta settori, su un arco di tempo che varca il secolo, Kim e Mauborgne hanno elaborato un modello sistematico, replicabile da qualsiasi impresa, per raggiungere alti livelli di crescita.
    Dal "Modello T" della Ford allo "iPod" di Apple, essi hanno identificato i principi e gli strumenti per neutralizzare la concorrenza e creare uno spazio di mercato incontestato, dalle possibilità illimitate come quelle di un oceano blu.
    Nell'oceano rosso, i confini di settore sono definiti e accettati da tutti, i prezzi tendono verso il basso e le regole del gioco sono note. Ma lo spazio di mercato si affolla e le prospettive di crescita e profitto declinano.
    Nell'oceano blu l'approccio è opposto: le aziende devono darsi da sé delle regole capaci di aprire mercati incontrastati, in cui la crescita è garantita.
    Nell'oceano rosso, le imprese cercano clienti nel mercato già esistente. Nell'oceano blu guardano ai non-clienti.
    Nell'oceano rosso si chiedono come facciano i clienti a scegliere tra i diversi concorrenti di uno stesso settore. Nell'oceano blu, invece, sanno che i clienti compiono le loro scelte guardando al di là dei confini di settore.
    Nell'oceano rosso creano mercati di nicchia, segmentando la clientela. Nell'oceano blu cercano i punti in comune tra tutti i clienti, come base per creare una domanda di massa e ingenti profitti.
    Strategia Oceano Blu porta un messaggio carico di ispirazione: il successo non dipende dalla concorrenza spietata né da costosi budget di marketing e R&S, ma da mosse strategiche brillanti, adatte a un uso sistematico da parte di tutte le imprese.

    - In quali situazioni/per cosa può essere utile?
    Strategia, innovazione.

    - Un piccolo estratto/alcuni punti tratti dal testo:
    ‘Il focus della Strategia Oceano Blu non è sull'offerta di un output limitato ad un prezzo alto, ma piuttosto sulla creazione di una nuova domanda aggregata tramite un aumento significativo di valore, offerto agli acquirenti ad un prezzo accessibile.
    Non si applica quindi la comune regola di un prezzo alto all'inizio per poi abbassarlo nel tempo. Infatti ciò crea un forte incentivo non solo a ridurre i costi a livello più basso possibile fin dall'inizio, ma anche a mantenerli altrettanto bassi nel tempo per scoraggiare gli imitatori. In conclusione quindi si raggiunge un aumento significativo di valore di cui godono i clienti, l'azienda e la società in genere.’

    ha scritto il 

  • 4

    In molti mi hanno sconsigliato questo libro definendo i suoi contenuti scontati e banali.
    Dopo averlo letto, e averlo trovato molto interessante e tutt'altro che banale, posso solo pensare che i critici lo abbiano al massimo sfogliato o letto parzialmente.

    ha scritto il 

  • 4

    Il mio approccio a questi argomenti, quindi da assoluto profano l'ho trovato interessantissimo. Ovviamente non è tutto così semplice come sembra leggendo il libro, altrimenti vivremmo in un modo ben diverso. Mettere in pratica le idee del libro, forse specialmente in Italia, forse specialmente in ...continua

    Il mio approccio a questi argomenti, quindi da assoluto profano l'ho trovato interessantissimo. Ovviamente non è tutto così semplice come sembra leggendo il libro, altrimenti vivremmo in un modo ben diverso. Mettere in pratica le idee del libro, forse specialmente in Italia, forse specialmente in questo periodaccio è davvero complicato. Di certo mi pare che non ci si provi proprio neanche un po'! Questo si può imputare assolutamente agli strateghi aziendali!

    ha scritto il 

  • 0

    Il Cirque du Soleil e la Strategia Oceano Blu

    Avreste mai pensato che il Cirque du Soleil venisse citato come un esempio di azienda di successo e di tecniche manageriali in uno dei più importanti libri di management pubblicati negli ultimi anni?


    Ve lo dico io: no e vi spiego perché. Non l’avremmo mai detto perché siamo abituati a rag ...continua

    Avreste mai pensato che il Cirque du Soleil venisse citato come un esempio di azienda di successo e di tecniche manageriali in uno dei più importanti libri di management pubblicati negli ultimi anni?

    Ve lo dico io: no e vi spiego perché. Non l’avremmo mai detto perché siamo abituati a ragionare in termini di Oceani rossi.

    La recensione completa del libro sul mio blog "Letture per Manager": http://letturepermanager.blogspot.com/2011/10/il-cirque-du-soleil-e-la-strategia.html

    ha scritto il