Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Streghe

Macàre, maghi e guaritori del salento

Di

Editore: Libellula Edizioni

3.0
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 130 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8895975324 | Isbn-13: 9788895975320 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Streghe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Un melting-pot di generi letterari non ben dominati racchiusi in un pessimo tentativo di saggistica. Oltre a refusi a go-go, gravissimi errori di ortografia e di grammatica infestano l'intero testo: le incudini maschili ("un incudine arrugginito") si alternano all'incapacità di usare il congiunti ...continua

    Un melting-pot di generi letterari non ben dominati racchiusi in un pessimo tentativo di saggistica. Oltre a refusi a go-go, gravissimi errori di ortografia e di grammatica infestano l'intero testo: le incudini maschili ("un incudine arrugginito") si alternano all'incapacità di usare il congiuntivo ("quando questo si sarebbe arrugginito"). Inoltre l'uso inconsapevole della punteggiatura è causa di divisioni inaccettabili tra soggetti e verbi, nonché tra elementi di elenchi e congiunzioni coordinanti. L'intero "saggio" sembra essere scritto di getto, senza pensare alla forma e alla corretta costruzione del testo: un insieme non ben definito in cui si mescolano male storie-leggende di tradizione (e credenza) popolare e tentativi di ricondurre tutto a uno pseudo-studio programmatico, senza riuscire tuttavia né a narrare in maniera consona questi racconti popolari, né a estrapolare da essi un minimo regolarizzazione. Infine, la lingua italiana con cui si suppone questo libro sia stato scritto è fortemente carente, si ha l'impressione che si tratti quasi di un italiano popolare, sembra quasi di leggere un involontario "Io speriamo che me la cavo".

    ha scritto il