Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Subsonica X15

15 anni, 15 canzoni, 15 storie

Di

Editore: Espress Edizioni

3.4
(42)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8897412408 | Isbn-13: 9788897412403 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Prefazione: Max Casacci

Genere: Biography , Entertainment , Musica

Ti piace Subsonica X15?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nell'estate del '96,tra il "fiume e i portici di Torino", prende vita un progetto musicale destinato a lasciare il segno negli anni a venire: i Subsonica. Nel giugno del 1997 usciva su etichetta Mescal, il primo album del gruppo. Da allora i cinque ragazzi di Torino hanno scalato le classifiche, riempito i palazzetti, conquistato prima l'Italia e poi l'Europa. Restando per tutti, "quelli dei Murazzi". Una band davvero "glocal", torinese e internazionale. A 15 anni di distanza i Subsonica sono ancora qui, portavoce non identificati di un momento e di un'umanità trasversale, anch'essa non identificabile, condividendo passione e rabbia, racchiuse nelle tante istantanee.
Ordina per
  • 4

    Flussi. Derive, Parole

    i Subsonica visti e raccontati da 15 scrittori per lo più torinesi.
    Torino, culla underground di una giovane band che fondendosi l'uno con l'altro inventa un nuovo linguaggio musicale.
    PS. consiglio di guardare il video di Corpo a corpo e di leggere il relativo racconto.

    ha scritto il 

  • 4

    "Perchè li ho scritti io, quei versi; cioè, è come se li avessi scritti io. Sono miei. Sono la mia vita. Loro me li hanno soltanto tirati fuori, rivendendomeli come roba loro. Ma non è un furto. E' quello che fanno i poeti. Vestono di parole i tuoi pensieri più segreti." (Gabriele Ferraris ...continua

    "Perchè li ho scritti io, quei versi; cioè, è come se li avessi scritti io. Sono miei. Sono la mia vita. Loro me li hanno soltanto tirati fuori, rivendendomeli come roba loro. Ma non è un furto. E' quello che fanno i poeti. Vestono di parole i tuoi pensieri più segreti." (Gabriele Ferraris, "Istrice")

    E' un libro per chi ama i Subsonica, ovviamente. Si tratta di una raccolta di autori ( ma non solo) torinesi, con testi ispirati a 15 delle loro canzoni più belle; è uscita insieme al tour per celebrare i 15 anni di attività. Li ho definiti testi perchè sono molto eterogenei: racconti, aneddoti sulla storia del gruppo, semplici riflessioni.
    Tra tutti spicca per bellezza quello di Ferraris (dal quale ho tratto la frase all'inizio), per il modo in cui ha saputo cogliere l'amore profondo e personalissimo per la musica, e per inutilità quello di Baricco, di ben 15 righe delle quali 13 sono il testo della canzone che da il nome al racconto.

    E' stata una piccola celebrazione anche per me questo libro, perchè mentre loro festeggiano i 15 anni insieme io ne festeggio 10 con loro. L'unica cosa che mi è dispiaciuta è che non ci sia nessun pezzo ispirato da canzoni dell'album "L'eclissi", un'assenza pesante data la sua bellezza e importanza.

    In conclusione:
    - se, come me, li amate e siete dei fan un pò nostalgico-collezionisti, vi piacerà
    - se vi piacciono e basta, potrebbe lasciarvi un pò d'amaro ( non è un capolavoro di letteratura)
    - se non vi piacciono, lasciate perdere (ma dubito che starete leggendo questa recensione :P) )
    - se vi incuriosiscono, invece di spendere 10 euro per questo libro spendetene 17, andateli a sentire in tour quest'estate e lasciatevi andare: loro sanno come farvi ballare, come irretirvi la mente, come farvi sentire vivi.. lo sanno fare molto bene, fidatevi di chi li ha visti più di 20 volte ;)

    ha scritto il 

  • 2

    Non sempre le buone idee...

    L'idea di base è molto suggestiva. Prendere 15 "letterati" torinesi e intrecciarli con le canzoni dei SubsOnica. Il problema è che alcuni ci riescono bene concentrando in poche pagine racconti di pregevole fattura, altri (Baricco in primis) molto meno. Il fatto che tutto il libro si possa leggere ...continua

    L'idea di base è molto suggestiva. Prendere 15 "letterati" torinesi e intrecciarli con le canzoni dei SubsOnica. Il problema è che alcuni ci riescono bene concentrando in poche pagine racconti di pregevole fattura, altri (Baricco in primis) molto meno. Il fatto che tutto il libro si possa leggere in una giornata non aiuta. Consigliato solo ai fans

    ha scritto il 

  • 5

    Prima di leggere questo libro, anch'io come tutti gli altri mi aspettavo qualcosa di completamente diverso, ma io, a differenza di tutti gli altri, non ne sono rimasta delusa, anzi. L'idea era quella di una raccolta di racconti, di pura narrativa, ispirata dai testi di alcune delle canzoni dei Su ...continua

    Prima di leggere questo libro, anch'io come tutti gli altri mi aspettavo qualcosa di completamente diverso, ma io, a differenza di tutti gli altri, non ne sono rimasta delusa, anzi. L'idea era quella di una raccolta di racconti, di pura narrativa, ispirata dai testi di alcune delle canzoni dei Subsonica. Quello che invece ho trovato, a parte due piccoli racconti di questo tipo, sono istantanee di momenti condivisi con alcuni di loro e aneddoti basati su una loro canzone. E questo tipo di racconti è, secondo me, il migliore e il più prezioso, perché ci rende partecipi di qualcosa che è accaduto veramente, un'esperienza o un evento che forse nessun'altro a parte chi l'ha vissuto conosceva, fino ad ora. Perciò vorrei ringraziare tutti gli scrittori che hanno partecipato a questo libro per aver condiviso con noi questi momenti speciali. In particolare, grazie a Gabriele Ferraris, che col suo racconto ispirato a Istrice ha tramutato in parole ciò che ribolle anche nel mio cuore e nella mia mente; grazie a Massimo Gramellini e a Luciana Littizzetto, per aver espresso in modo così bello quello che tutti noi pensiamo dei Subsonica, della loro musica e della voce di Samuel; grazie a Luca Pastore, per aver condiviso con noi la sua esperienza unica e averci coinvolti nella nascita di uno dei video più importanti della loro carriera (video che, tra l'altro, non avevo mai visto e che sono corsa a cercare subito dopo aver letto il suo racconto). Piccola delusione, invece, da parte di Alessandro Baricco: conoscendo la poesia che a volte riesce a creare mi aspettavo un vero gioiello, ma mi sono ritrovata con un pugno di mosche. Peccato.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo di piu

    All'inizio credevo fossero 15 racconti ispirati a canzoni dei Subs, pensavo a qualcosa di particolare tipo una storia pensata ad Aurora..
    In realtà ne ho trovati un paio così, gli altri un po a casaccio raccontano la loro esperienza con i Sub.
    Da Baricco mi aspettavo un bel racconto, ...continua

    All'inizio credevo fossero 15 racconti ispirati a canzoni dei Subs, pensavo a qualcosa di particolare tipo una storia pensata ad Aurora..
    In realtà ne ho trovati un paio così, gli altri un po a casaccio raccontano la loro esperienza con i Sub.
    Da Baricco mi aspettavo un bel racconto, non quello che ha scritto (che x amor di di spoiler non vi dico)

    ha scritto il 

Ordina per