Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sugar Daddy

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar Bestsellers Emozioni)

4.1
(638)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 389 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale

Isbn-10: 8804572302 | Isbn-13: 9788804572305 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Teresa Albanese

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Sugar Daddy?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Saga Famiglia Travis - volume 1

Liberty Jones, quattordici anni, vive a Welcome, piccolo villaggio del Texas; il suo giovane e intraprendente cuore scalpita. Ai suoi occhi, solo l'amore per Hardy Cates da gioia a quel luogo privo di attrattiva. Per Hardy, invece, la ragazza rappresenta un ostacolo sulla strada verso la realizzazione dei suoi progetti, che vanno ben oltre il ristretto orizzonte di Welcomc. E quando Hardy se ne va, anche Liberty lascia Welcome per la grande città, decisa a conquistare un futuro migliore per sé e la sorellina a cui deve fare da madre. Gli anni passano e le cose cominciano ad andare per il verso giusto: Liberty conquista l'amore di un milionario, che sembra farle dimenticare quella disperata passione di gioventù. Ma un giorno Hardy ritorna...
Ordina per
  • 5

    Assolutamente favoloso! Storia un pò imprevedibile rispetto al genere, prima conosciamo Hardy e perdiamo la testa per lui e poi (molto poi), arriva Lui, Gage. Liberty è davvero una donna formidabile, non è una supereroina, è una donna fragile e forte allo stesso tempo. Ho divorato questo libro co ...continua

    Assolutamente favoloso! Storia un pò imprevedibile rispetto al genere, prima conosciamo Hardy e perdiamo la testa per lui e poi (molto poi), arriva Lui, Gage. Liberty è davvero una donna formidabile, non è una supereroina, è una donna fragile e forte allo stesso tempo. Ho divorato questo libro come non mi succedeva da tempo. Sto valutando sempre meglio questa autrice. Da leggere assolutamente.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi è piaciuto. Un pó mi vergogno, ma daró la colpa agli ormoni impazziti!!

    Nessuno giudicherebbe una donna in piena crisi ormonale. Un pó come i bambini quando sono malati: sono giustificabili per tutto!! State attente voi che lo leggete: è scontato come la pubblicità della coca cola a natale.


    Solo una domanda: perchè la scelta di una sinossi che arriva a raccont ...continua

    Nessuno giudicherebbe una donna in piena crisi ormonale. Un pó come i bambini quando sono malati: sono giustificabili per tutto!! State attente voi che lo leggete: è scontato come la pubblicità della coca cola a natale.

    Solo una domanda: perchè la scelta di una sinossi che arriva a raccontare in 10 righe almeno tre quarti di libro!!
    Perchè!?!? Cosa vi ha spinto a farmi girare così tanto le scatole!

    ha scritto il 

  • 4

    "Sugar Daddy" è la storia di Liberty Jones, dall'adolescenza, fino ai suoi venticinque anni. Parla del difficile rapporto con la madre, della difficoltà di crescere senza una figura paterna, del primo amore, della scuola, le amiche, il lavoro, il peso delle responsabilità, ma soprattutto dell'amo ...continua

    "Sugar Daddy" è la storia di Liberty Jones, dall'adolescenza, fino ai suoi venticinque anni. Parla del difficile rapporto con la madre, della difficoltà di crescere senza una figura paterna, del primo amore, della scuola, le amiche, il lavoro, il peso delle responsabilità, ma soprattutto dell'amore. Liberty cresce in Texas, in una casa mobile nella cittadina di Welcome. Con pochi soldi e ancor meno amici. Insomma poco di tutto. Sua madre è la classica bellezza americana: occhi blu, fisico prestante e capelli biondi. Liberty non ha niente che le assomigli. Ha ripreso da suo padre, un messicano, quindi ha folti capelli neri, pelle ambrata e occhi verdissimi. Nessuno la guarda, nessuno la pensa fino a che non conosce Hardy Cates, di poco più grande di lei. Lui è considerato un poco di buono, un rifiuto della società. Ma non è altro che un povero in canna come lei, costretto a crescere più in fretta per aiutare la numerosa famiglia a sfamarsi. Hardy comincia a considerarla qualcosa di più di una ragazzetta e le fa capire che sotto la scorza dell'adolescente bruttina, ci potrà essere una bellissima donna. Ma la sua intenzione è quella di lasciare per sempre Welcome, per cui Liberty non è considerata, non ha nemmeno una possibilità di decidere, perché Hardy non la considera un ostacolo insuperabile per ottenere quello che vuole. La vita con Liberty non è certo benevola, poco dopo la partenza di Hardy, sua madre muore, lasciandola sola con la sorellina da crescere. Così si ritrova carica di responsabilità e per di più sola. Ha il cuore spezzato e il brutto vizio di paragonare ogni uomo che incontra ad Hardy. Con un insperato colpo di fortuna riesce ad intraprendere la carriera di estetista. Nel negozio dove lavora conosce Churchill Travis, un magnate texano, che come un padre benevolo l'ascolta e la consiglia senza pretendere nulla da lei, se non essere a sua volta ascoltato. Churchill la convince a diventare la sua assistente personale dopo un incidente a cavallo, che lo terrà per parecchio tempo ancorato ad una sedia a rotelle. Così Liberty cambia vita e va a vivere con la sorellina Carrington, nella grande casa di Churchill. Qui conosce Gage, il maggiore dei figli di Churchill che la crede un'arrivista che vuole approfittarsi di suo padre. Gage è arrogante e dispostico, quanto affascinante. E' un bastardo insolente, riservatissimo e con una corazza difficile da scalfire. Eppure è l'unico che riesce ad infiammarla come faceva Hardy. Quando le cose sembra andare per il verso giusto e la sua relazione con Gage assume un aspetto duraturo, Hardy ricompare nella sua vita, come un fulmine a ciel sereno, portando scompiglio e insicurezza. Ma Hardy giocherà male le sue carte. Pretenderà di avere tutto e rimarrà, per ora, con le mani sporche dei suoi giochetti d'affari, ma vuole dell'amore di Liberty, che gli preferirà Gage, e la sua rassicurante protezione. Un romance di buon livello questo della Kleypas, che con il suo modo fluido di raccontare le cose e le sue improvvise espressioni colorite, da una sfumatura alle parole. I personaggi sono ben delineati, ognuno con le proprie caratteristiche. Da Churchill che è il padre che tutti vorrebbero a Marva la saggia vicina di casa, a Carrington che nonostante i problemi è per Liberty una fonte di gioia costante, alla madre Diana, che non è nata, sicuramente, per vincere il premio genitrice dell'anno. Fino ad arrivare ad Hardy e Gage, così simili eppure così diversi. Voto: 6,5

    ha scritto il 

  • 4

    Mi piace la Kleypas, tutti i libri che ho letto di questa autrice mi sono piaciuti. Mi piace il suo modo di scrivere. La storia della protagonista che all'età di 18 anni si trova a far fronte a una situazione più grande di lei!!! Ci piace apertamente questa storia!!!!

    ha scritto il 

  • 3

    così così

    La trama svela troppo, tutto! Mi ha tolto la bellezza della scoperta e troppo poco spazio è dedicato alla scelta!
    La recensione completa sul mil blog
    http://libroperamico.blogspot.it/2014/03/recensione-82014-sugar-daddy-di-lisa.html

    ha scritto il 

  • 5

    Il precedente libro che ho letto della Kleypas non mi era piaciuto molto, ma con questo mi ha del tutto conquistata! I personaggi sono ben delineati e l'autrice li pone in situazioni molto difficili della vita, ma è capace di farti innamorare di loro in un solo istante...come è capace di farteli ...continua

    Il precedente libro che ho letto della Kleypas non mi era piaciuto molto, ma con questo mi ha del tutto conquistata! I personaggi sono ben delineati e l'autrice li pone in situazioni molto difficili della vita, ma è capace di farti innamorare di loro in un solo istante...come è capace di farteli odiare. Fino alla fine non si sa chi Liberty sceglierà e, fino a poco prima, io stessa non sapevo da quale parte stare. Questo non mi è mai capitato!!!!! Comunque non vi svelo il finale ma vi lascio la frase che mi ha fatto emozionare più di tutte:

    "A cosa pensi?" chiede "Penso a quanto mi sento riconoscente per tutto," dico "anche le cose brutte. Ogni notte insonne, ogni istante di solitudine, ogni volta che si è rotta la macchina, ogni gomma da masticare sulla suola, le bollette pagate in ritardo, i biglietti perdenti della lotteria, le stoviglie rotte e i toast bruciati." la sua voce è dolcissima "Perché amore mio?" "Perché tutto è servito a portarmi fino a te"

    ha scritto il 

  • 4

    Ho sempre letto commenti positivi su Sugar daddy, ma considerato che alcuni libri di Lisa Kleypas sono stati pubblicati da Harmony (non mi piacciono le loro copertine, i titoli e le storie), non mi è mai venuta voglia di leggerne uno. Quando ho visto che Sugar daddy non rientrava nella categoria ...continua

    Ho sempre letto commenti positivi su Sugar daddy, ma considerato che alcuni libri di Lisa Kleypas sono stati pubblicati da Harmony (non mi piacciono le loro copertine, i titoli e le storie), non mi è mai venuta voglia di leggerne uno. Quando ho visto che Sugar daddy non rientrava nella categoria harmony, ho deciso di leggerlo.
    Mi è piaciuto molto, soprattutto perché ha superato le mie aspettative e non si è dimostrato il libro che immaginavo.
    I personaggi, è vero, rappresentano i soliti cliché, almeno all'inizio della storia: Liberty è la ragazzina che nessuno guarda, dolce e indifesa che, dopo una visita dal parrucchiere, comincia a ricevere diverse attenzioni; Hardy, il bello e dannato, con la corazza dura ma dolce e rassicurante; e Gage che quando entra in scena sembra già di conoscerlo per quanto è uguale a tanti altri personaggi, affascinante, ricchissimo, arrogante.
    Infatti non è tanto per i personaggi in sé che il libro mi è piaciuto, ma quanto per come interagiscono e per come crescono.
    Liberty ha 14 anni all'inizio della storia e 25 al termine, è il personaggio che cresce maggiormente e si dimostra tutto meno che un cliché. È forte e non si arrende di fronte alle avversità, inoltre non prende mai la strada più semplice. è fedele a se stessa e capace di capire cosa è giusto fare.
    Hardy è il personaggio che ho preferito perché ammette tutto senza vergogna e non illude mai Liberty, anche se la ferisce. Si prende cura della famiglia e decide di andarsene solo quando i suoi fratelli non avranno più bisogno di lui. Per raggiungere i suoi obiettivi, deve rinunciare alla cosa che desidera di più. Cosi compie un gesto che potrebbe essere visto come da egoisti, ma che in quel momento e in quelle condizioni è l'unico possibile, altrimenti avrebbe condotto lui, la sua famiglia e Liberty all'infelicità.
    Gage è capace di arrivare a metà della storia, fare la parte dell'Altro e a farsi comunque adorare perché il suo modo di prendersi cura di Liberty e di sua sorella è molto dolce.
    Poi ci sono tanti altri personaggi: la signorina Marva, Churchill, Gretchen e Carrington tutti ben caratterizzati e adorabili.
    La storia è narrata in prima persona da Liberty, che non arriva mai a essere irritante o dimostrarsi superficiale. Il rapporto paterno che si instaura tra Liberty e Churchill è molto tenero mentre quello con Hardy è commovente in alcuni punti, disperato in altri e sempre molto forte. Quello con Gage è più maturo, dolce e stabile. Quindi quando Hardy ritorna, è difficile decidere per chi dei due tifare.
    Anche se è un romanzo rosa, non è affatto sdolcinato e per quasi tutto il tempo mette in mostra l’amore sofferto e le difficoltà di essere lasciati soli.

    Spoiler:
    Le uniche pecche sono l’epilogo che nella traduzione italiana è narrato al presente e stona tantissimo con tutta la storia raccontata al passato (non so se sia così anche in lingua originale) e l’evoluzione di Hardy quando torna nella vita di Liberty. Nonostante il suo lato ambizioso, è sempre stato un buono, per questo quando sfrutta le informazioni ricevute da Liberty sembra in realtà un modo per spingere lei e i lettori a capire che l’uomo è giusto è Gage, quando in realtà, a parte i soldi, Gage e Hardy potrebbero essere intercambiabili. Hanno lo stesso modo di trattare Liberty, quindi non si nota molto la loro differenza. È un peccato che a Hardy venga poi affibbiato la parte del cattivo e traditore, perché non coincide affatto con tutta la storia.

    ha scritto il 

Ordina per