Suite Française

By

Publisher: Knopf Canada

4.2
(3802)

Language: English | Number of Pages: 416 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , Spanish , Italian , German , Catalan , Chi traditional , Chi simplified , Portuguese , Basque

Isbn-10: 0676977707 | Isbn-13: 9780676977707 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Sandra Smith

Also available as: Paperback , Audio CD , Others , Softcover and Stapled , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Suite Française ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Suite Française is both a brilliant novel of wartime and an extraordinary historical document. An unmatched evocation of the exodus from Paris after the German invasion of 1940, and of life under the Nazi occupation, it was written by the esteemed French novelist Irène Némirovsky as events unfolded around her. This haunting masterpiece has been hailed by European critics as a War and Peace for the Second World War.Though she conceived the book as a five-part work (based on the form of Beethoven’s Fifth Symphony), Irène Némirovsky was able to write only the first two parts, Storm in June and Dolce, before she was arrested in July 1942. She died in Auschwitz the following month. The manuscript was saved by her young daughter Denise; it was only decades later that Denise learned that what she had imagined was her mother’s journal was in fact an invaluable work of art.Storm in June takes place in the tumult of the evacuation from Paris in 1940, just before the arrival of the invading German army. It moves vividly between different levels of society–from the wealthy Péricand family, whose servants pack up their possessions for them, to a group of orphans from the 16th arrondissement escaping in a military truck. Némirovsky’s immense canvas includes deserting soldiers and terrified secretaries, cynical bank directors and hapless priests, egotistical writers and hardscrabble prostitutes–all thrown together in a chaotic attempt to escape the capital. Moving between them chapter by chapter, this thrilling novel describes a journey hampered and in some cases abandoned because of confusion, shelling, rumour, lack of supplies, bad luck and ordinary human weakness. Cars break down or are stolen; relatives are forgotten; friends are divided; but there are also moments of love and charity. Throughout, whether depicting saintly forbearance or the basest selfishness, Storm in June neither sweetens nor demonizes its characters; unsentimentally, with stunning perceptiveness, Némirovsky shows the complexities that mean no-one is simply a hero or villain. The second volume, Dolce, is set in the German-occupied village of Bussy. Again, Némirovsky switches seamlessly between social strata, from tenant farmers to the local aristocracy. The focus, however, is on the delicate, secret love affair between a German soldier and the French woman in whose house he has been billeted; the passion, doubts and deceits of their burgeoning relationship echo the complex mixture of hostility and acceptance felt by the occupied community as a whole. Némirovsky is amazingly sensitive in her depiction of changing, often contradictory emotions, but her attention to the personal is matched by her sharp-eyed discussion of small-town life and the politics of occupation. In this myth-dissolving book, the French villagers see the Germans as oppressive warriors, but also as handsome young men, and occupation does nothing to remedy the condescension and envy that bedevil relations between rich and poor. Quite apart from the astonishing story of its survival, Suite Française is a novel of genius and lasting artistic value. Subtle, often fiercely ironic, and deeply compassionate, it is both a piercing record of its time and a humane, profoundly moving novel.
Sorting by
  • 3

    02-2016

    SUite Francese è il primo libro che leggo di Irene Nemirovsky. Narra quasi in presa diretta dell'occupazione nazista della Francia nel 40-41, descrivendo magistralmente l'abbandono di Parigi da parte ...continue

    SUite Francese è il primo libro che leggo di Irene Nemirovsky. Narra quasi in presa diretta dell'occupazione nazista della Francia nel 40-41, descrivendo magistralmente l'abbandono di Parigi da parte di molti cittadini, e la successiva convivenza con l'esercito occupante tedesco. C'è spazio anche per una storia d'amore pressoché impossibile tra un ufficiale tedesco e una giovane francese.
    Quel che colpisce però non è il romanzo in sè, quando la biografia della Nemirovsky, che visse in prima persona le vicende narrate, minimizzando i rischi dell'invasione nazista e sicuramente certa che tutto sarebbe finito presto. Irene Nemirovsky venne arrestata nel luglio 1942 e internata ad Auschwitz, dove morì un mese dopo, a soli 39 anni.
    Suite Francese venne ritrovato e ripubblicato solo nel 2004, dando via alla riscoperta di tutti i lavori di questa autrice francese.

    said on 

  • 4

    Per tutto il romanzo si ha la triste consapevolezza che questa storia non avrà una fine. Questa cosa rende ogni frase è ogni capitolo dolorosamente magico. La scrittrice ha una delicatezza, una sensib ...continue

    Per tutto il romanzo si ha la triste consapevolezza che questa storia non avrà una fine. Questa cosa rende ogni frase è ogni capitolo dolorosamente magico. La scrittrice ha una delicatezza, una sensibilità è una conoscenza dell'animo umano che ti viene da pensare alle tante meravigliose opere che avrebbe potuto scrivere se non fosse mancata. Suite francese è un racconto non conclusivo, ma che bisogna leggere ugualmente. La sua forza è nella mancanza di quel finale che la storia sciagurata degli uomini ha scippato a tutti noi.

    said on 

  • 4

    Un libro pieno di disperata speranza, molto bello nelle descrizioni soprattutto in 'Tempesta di giugno' dove la Nemirovsky descrive con un ritmo incalzante la fuga dei cittadini parigini dalla loro ci ...continue

    Un libro pieno di disperata speranza, molto bello nelle descrizioni soprattutto in 'Tempesta di giugno' dove la Nemirovsky descrive con un ritmo incalzante la fuga dei cittadini parigini dalla loro città, i bombardamenti, la fame, la disperazione, l'invasione del nemico. La seconda parte cambia tono e contesto, una guerra di cui si avverte l'eco e che si combatte a suon di sguardi e tensioni silenziose tra l'invasore e i cittadini vittime dell'occupazione tedesca. Peccato sia rimasto incompiuto, chissà l'autrice cosa aveva in mente. Francamente trovo una mera operazione commerciale trarne un film, non ha senso su una storia d'amore che non sappiamo realmente come sarebbe dovuta finire, la trovo quasi una mancanza di rispetto.

    said on 

  • 5

    Bravissima Irène Némirovsky

    Bellissimo libro dove l'autrice racconta con semplicità gli orrori della seconda Guerra Mondiale, dove si intrecciano le storie sia della popolazione francese che quelle dei soldati tedeschi, i quali ...continue

    Bellissimo libro dove l'autrice racconta con semplicità gli orrori della seconda Guerra Mondiale, dove si intrecciano le storie sia della popolazione francese che quelle dei soldati tedeschi, i quali convivono forzatamente insieme e dove si creerà insaspettivamente un legame tra entrambi i popoli sia di odio che di amore.
    Questo romanzo è già così un capolavoro, peccato che sia rimasto incompiuto dove nell'intenzioni dell'autrice sarebbe dovuto essere composto in cinque movimenti.
    Questo romanzo fa riflettere tanto sulla stupidà degli uomini, i quali se guardassero cosa hanno causato le tantissime guerre, non ripeterebberro sempre gli stessi errori.

    said on 

  • 4

    E' un dipinto.

    La prima parte è come un grande quadro. Non sto più leggendo ma sono in una galleria d'arte e sto osservando una serie di bellissimi dipinti, ricchi di particolari e di colori. Ognuno mi racconta una ...continue

    La prima parte è come un grande quadro. Non sto più leggendo ma sono in una galleria d'arte e sto osservando una serie di bellissimi dipinti, ricchi di particolari e di colori. Ognuno mi racconta una storia.
    La seconda parte è profonda, scava nelle anime dei personaggi.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    DELUDENTE

    non che sia un cattivo romanzo...ma probabilmente ingannata dal fatto che sia stato fatto un film (non visto) mi aspettavo di più..la storia è un po' superficiale e non riesci a conoscere bene i perso ...continue

    non che sia un cattivo romanzo...ma probabilmente ingannata dal fatto che sia stato fatto un film (non visto) mi aspettavo di più..la storia è un po' superficiale e non riesci a conoscere bene i personaggi.. sulla copertina della versione letta c'è scritto: la più bella storia d'amore mai raccontata..mi sono chiesta alla fine: ma dove sta questa storia d'amore?????il massimo che succede tra i due sono dei banali scambi di sguardi!!

    said on 

  • 5

    Un libro di grande intensità e drammaticità. Le parole della Nemirovski ti catapultano nella coda di persone che cercano di fuggire dalla guerra. Vorresti che si salvassero. Alcune. Di altre ti colpis ...continue

    Un libro di grande intensità e drammaticità. Le parole della Nemirovski ti catapultano nella coda di persone che cercano di fuggire dalla guerra. Vorresti che si salvassero. Alcune. Di altre ti colpisce la codardia e l'avidità. Non certo nei poveri e nei miserabili che nei momenti più bui si sostengono con la loro solidarietà.
    Nella storia d'amore ciò che colpisce è la passione degli sguardi, dei pensieri. Nessuna fisicità. Solo sguardi e pensieri che si incontrano e si scontrano. Solo in apparenza è un'amore impossibile. Solo nella testa esisto le barriere geografiche e le brutture della guerra. Nel cuore solo una distesa aperta

    said on 

  • 4

    La tristezza del finale incompiuto è' la tristezza di una vita spezzata .... L'ultima parte del libro abbandona il dramma della guerra e fa rinascere l'umanità dei vinti e dei vincitori.... Opera pie ...continue

    La tristezza del finale incompiuto è' la tristezza di una vita spezzata .... L'ultima parte del libro abbandona il dramma della guerra e fa rinascere l'umanità dei vinti e dei vincitori.... Opera piena e completa... Disperata ma piena di speranza . Lo stile puntuale e scorrevole fa del libro un racconto quasi autobiografico ... Nascosto nelle storie dei vari personaggi. Un omaggio a chi . Ha narrato del suo nemico con uno sguardo pieno di pace al futuro .

    said on 

Sorting by
Sorting by