Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sulla strada

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar, 103)

3.7
(12707)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 379 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Svedese , Portoghese , Catalano , Olandese , Polacco , Ceco , Giapponese

Isbn-10: A000220583 | Data di pubblicazione:  | Edizione 7

Traduttore: Magda de Cristofaro ; Prefazione: Fernanda Pivano

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Biography , Fiction & Literature , Travel

Ti piace Sulla strada?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Divenuto vangelo della "beat generation" Sulla strada è la storia di un lungo vagabondaggio. i cui protagonisti appaiono impegnati in un'avventura morale ancora prima che fisica. Inquieti, tormentati, in preda a una esaltazione mistica, essi percorrono gli U.S.A. sperimentando se stessi e il mondo circostante alla ricerca di una realtà trascendente in cui poter credere.
Ordina per
  • 1

    Scritto in poco più di due settimane, vero è che secondo alcuni bastò la metà per creare il mondo, ma in ben più tempo non sono riuscito a superare pagina 50.
    Confuso, sgraziato, indigesto. ...continua

    Scritto in poco più di due settimane, vero è che secondo alcuni bastò la metà per creare il mondo, ma in ben più tempo non sono riuscito a superare pagina 50.
    Confuso, sgraziato, indigesto.

    ha scritto il 

  • 3

    Jack Kerouac, Sulla strada

    Romanzo autobiografico dello statunitense Kerouac scritto nel 1951 (in poche settimane) e pubblicato, per la prima volta nel 1957. E' considerato il simbolo della Beat Generation.
    Ambientato alla fine ...continua

    Romanzo autobiografico dello statunitense Kerouac scritto nel 1951 (in poche settimane) e pubblicato, per la prima volta nel 1957. E' considerato il simbolo della Beat Generation.
    Ambientato alla fine degli anni Quaranta, narra una serie di viaggi in autostop o con mezzi di fortuna, compiuti dal protagonista solo o in compagnia di amici. I viaggi lo portano a percorrere gli Stati Uniti in lungo e in largo.
    E' una continua ricerca, un continuo confronto/scontro con se stesso, con la società, ma anche con tutti i cambiamenti del periodo. La musica vi domina sovrana.
    Lettura interessante, anche se non mi ha entusiasmato.

    ha scritto il 

  • 0

    “Se lasciate cadere una rosa nella misteriosa sorgente dello Hudson pensate a tutti i posti che toccherà nel suo cammino prima di perdersi per sempre nel mare”.

    Un periplo nelle autostrade degli States, dove ogni cunetta, rialzo o rettilineo suscitano ingannevoli desideri, dattiloscritto in tempi record in romanzo. I protagonisti di “On the road” sono giovani ...continua

    Un periplo nelle autostrade degli States, dove ogni cunetta, rialzo o rettilineo suscitano ingannevoli desideri, dattiloscritto in tempi record in romanzo. I protagonisti di “On the road” sono giovani, ubriachi, squattrinati, arruffati, avidi di pane, sesso e amore che si spingono oltre la muraglia di emozioni anchilosate. Se l’asfalto ribolle di aspirazioni praticabili e fatue speranze, un solo imperativo categorico conta: andare e ricercare l’intangibile, un nulla che può diventare opportunità conoscitiva, mistica e forse mai realmente fuga. Irrilevante che il plot sia sfilacciato e la stesura sgangherata, è prosa spontanea, epidermica e non potrebbe essere altrimenti. Anni fa, al primo incontro persi l’occasione, stavolta non ne potei fare a meno.

    “E così in America quando il sole tramonta e me ne sto seduto sul vecchio molo diroccato del fiume a guardare i lunghi lunghi cieli sopra il New Jersey e sento tutta quella terra nuda che si srotola in un'unica incredibile enorme massa fino alla costa occidentale, e a tutta quella strada che corre, e a tutta quella gente che sogna nella sua immensità…penso a Dean Moriarty”

    (https://www.youtube.com/watch?v=thSfGPZGmnQ)

    ha scritto il 

  • 4

    "A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all'altra finché non precipito. Questa è la notte e quel che ti combina. Non avevo niente da offrire a nessuno eccetto la mia stessa confusione."

    Affascinante, folle, rivelatore. I tre viaggi descritti nel romanzo di Kerouac sono stati veramente compiuti dall'autore e tutti i personaggi che vi compaiono sono realmente esistiti (ad esempio Dean ...continua

    Affascinante, folle, rivelatore. I tre viaggi descritti nel romanzo di Kerouac sono stati veramente compiuti dall'autore e tutti i personaggi che vi compaiono sono realmente esistiti (ad esempio Dean Moriarty è Neal Cassady).
    Un viaggio, oltre che per l'immenso continente americano, anche nella beat generation: l'insaziabile senso di libertà che si accompagna ad una sorta di senso di insoddisfazione perpetua, l'incoscienza, gli eccessi, il richiamo della strada, la ricerca di una spiritualità e di un senso di armonia con il mondo e la natura... L' indimenticabile affresco di una moltitudine di realtà che lo scrittore ha sperimentato durante i suoi vagabondaggi.

    ha scritto il 

  • 5

    - Dobbiamo andare - Dove, amico? - Non lo so, ma dobbiamo andare

    Recensione pubblicata anche qui: http://sfogliandolibri.blogspot.it/2015/04/dobbiamo-andare-sal-dove-amico-non-lo.html

    Leggendo “Sulla strada” si intuisce che essere “on the road” è per molti ragazzi ...continua

    Recensione pubblicata anche qui: http://sfogliandolibri.blogspot.it/2015/04/dobbiamo-andare-sal-dove-amico-non-lo.html

    Leggendo “Sulla strada” si intuisce che essere “on the road” è per molti ragazzi sinonimo di massima, anzi assoluta, felicità. Dean, infatti, dice ricorrentemente “siamo tutti insieme” e “noi sentiamo il tempo” e “dobbiamo andare”. Già, strada è sinonimo di felicità, la quale a sua volta trova accordo e sinonimo con il cognome di Sal: Paradise – paradiso. Il mondo reale non coincide con alcun eden, è estraneo, è fasullo e ingiusto, e allora bisogna rimediare, bisogna andare, prendere la sacca e camminare sulla strada. La fuga naturalmente è un che di illusorio, è solo una scorciatoia per credere che la bellezza esiste, e i ragazzi in fondo lo sanno. Sal in particolar modo.

    In questo romanzo pieno di colori, che simboleggiano prevalentemente la gioia, ci sono anche tantissime ombre che delineano in maniera pressoché perfetta la nostalgia, che è tipica della giovane età. Tuttavia non muore mai, nel romanzo, il bisogno di cercare “qualcosa”, un po’ come non muore mai la speranza; Dean spesso ripete: “dobbiamo trovare QUELLA COSA”. Che, poi, “trovare quella cosa” significa cercare il significato nascosto nei verbi “vivere”, “diventare”, “morire” e “scoprire”.

    Insomma, è un romanzo caotico, prima calmo poi agitato per arrivare ad appiattirsi in un mare pacifico e tornare a essere talmente alto da possedere tutto ma tutto non è sufficiente. E allora, forse, basta conoscere il “tempo”, sentirlo, tenerlo tra le mani e viverlo, correre dietro il ticchettio irrequieto della vita che separa gli attimi di romantica follia da quelli di cupa disperazione, un tempo che semina e, poi, chi raccoglie il frutto non può sceglierne la quantità né, ancor peggio, la qualità. È il tempo che decreta.

    Jack, caro mio Jack, scrivi bene (continuo a parlare al presente, ripeto: non riesco a parlare di lui al passato, neanche volendolo), sfrutti al meglio la riflessione e la punteggiatura è qualcosa che mette freschezza e non toglie il fiato – come capita con altri autori. Le descrizioni scorrono limpidamente formando un flusso colorato di emozioni, un fluido di ossigeno rigenerante, una massa di parole piacevoli da divorare.

    “Sulla strada”, per me, è stato e continua a essere un punto di riferimento grazie al quale posso navigare meglio nelle acque della letteratura americana; ho come l’impressione che leggendo Kerouac è possibile leggere, al contempo, tantissimi altri scrittori. Probabilmente perché Jack è stato un’icona che ha dato speranza, bellezza e, ovviamente, ispirazione a quella parte del mondo che l’ha ascoltato (e letto).

    In conclusione, nel romanzo non succede niente di particolarmente avvincente o memorabile, tuttavia credo che questo non sia uno svantaggio. Credo, piuttosto, che col passare degli anni, con i costanti cambiamenti che avvengono all’interno della società, questo romanzo abbia perso la brillante patina originaria che le conferiva il potere e il fascino adatti; probabilmente è anche dovuto al fatto che la beat generation, oggi, non è più un movimento socio-culturale ma qualcosa di altri tempi.

    Chi, oggigiorno, rinnega la borghesia (di cui TUTTI, chi più chi meno, ne facciamo parte), la dimora fissa, il lavoro decente?

    ha scritto il 

  • 3

    Poteva andare meglio.

    Il romanzo in sé non è male. Mi sono subito affezionata al protagonista e lo stile di scrittura mi è piaciuto. Pensavo che mi avrebbe annoiata per via della trama, perché è uno di quei romanzi che sem ...continua

    Il romanzo in sé non è male. Mi sono subito affezionata al protagonista e lo stile di scrittura mi è piaciuto. Pensavo che mi avrebbe annoiata per via della trama, perché è uno di quei romanzi che semplicemente parla della vita, senza colpi di scena o particolari avvenimenti sconvolgenti, invece mi ha tenuta incollata alle pagine... o almeno alle prime 200. Il problema? Ne ha quasi 400.
    Amo il tema del viaggio e ogni tanto mi piace leggere questo genere di romanzi, ma penso che sia eccessivamente lungo. Si tratta di un uomo alla ricerca di se stesso, che viaggia per gli Stati Uniti con l'amico. Ora, se per le prime 150/200 pagine la loro storia è coinvolgente, nella seconda parte la noia inizia a farsi sentire. Il romanzo diventa monotono e l'avventura del protagonista non è più interessante, ma estremamente ripetitiva.
    Due mesi per leggere un libro di 400 pagine sono un po' troppi, non credete? Eppure è stato così, tanto che ho temuto di avere il blocco del lettore. Normalmente ad un libro del genere darei 2 stelline, ma mi sono affezionata talmente tanto al protagonista e alla sua storia che ho preferito darne 3.

    ha scritto il 

Ordina per