Sulla strada

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Oscar Bestsellers)

3.7
(12906)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 362 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Svedese , Portoghese , Catalano , Olandese , Polacco , Ceco , Giapponese

Isbn-10: 8804573503 | Isbn-13: 9788804573500 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Marisa Caramella ; Contributi: Fernanda Pivano

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Sulla strada?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dean e Sal (trasfigurazioni letterarie di Neal Cassady e Jack Kerouac) si mettono in viaggio, animati da una infinita ansia di vita e di esperienza, sulle interminabili 'highways' dell'America e del Messico. "Sulla strada" ne registra le tappe, le rivelazioni, gli incontri, regalandoci una storia di grande autenticità artistica ed esistenziale. Romanzo dell'amicizia e delle difficoltà dell'amore, della ricerca di sé, del desiderio di appartenenza e dell'impossibilità di rinunciare al desiderio e al bisogno di rivolta, narrazione dell'ansia di un andare senza fine che cancelli l'ombra della noia e quella più grande e cupa della morte, "Sulla strada" dà corpo a tutti i grandi miti dell'America. Ma è anche il romanzo della coscienza dell'oscurità, del silenzio insuperabile, dell'impossibilità della comunicazione, del ritorno ossessivo a cui ogni partire sembra ricondurre. Un'opera che, nei suoi valori compositivi, rivela una solidità di impianto splendidamente dissimulata dai ritmi tesi e coinvolgenti della prosa di uno dei grandi padri della Beat Generation; un libro dall'immenso valore storico-culturale, ben illustrato dalla nuova introduzione di Fernanda Pivano che accompagna questa edizione speciale in occasione del cinquantesimo anniversario della prima pubblicazione.
Ordina per
  • 5

    Dean Moriarty, ormai me lo vedo davanti agli occhi: seduto al volante di un'auto, a torso nudo, il viso ossuto e lo sguardo fisso davanti... oppure quando dice "Yass, yass"... il santo idiota.
    Nota be ...continua

    Dean Moriarty, ormai me lo vedo davanti agli occhi: seduto al volante di un'auto, a torso nudo, il viso ossuto e lo sguardo fisso davanti... oppure quando dice "Yass, yass"... il santo idiota.
    Nota bene: avevo iniziato a leggerlo nell'edizione mostrata, quella della collana di Repubblica; tuttavia ho trovato alcune espressioni o frasi molto curiose (es. "peperoni ardenti", "succhiarsi il palmo") e ne ho cercato la versione in originale, e lì quelle frasi volevano dire altro... per cui sono passato a leggerlo in versione originale. La traduzione di Repubblica è la prima fatta per Mondadori, che però ne ha rifatta una nel 2000, se ricordo bene.

    ha scritto il 

  • 5

    il mio libro preferito

    le descrizioni nelle pagine ti fanno entrare in quel mondo beat, sembra di sentire il caldo del Messico o il freddo attraversando le montagne. Lo rileggo almeno una volta all'anno.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro complesso sia da vivere che da giudicare. Composto da suoni e immagini e voci contrastanti, che si accalcano e superano raggiungendo l'esplosione; fatto di intere pagine di deliri, sonni, sog ...continua

    Un libro complesso sia da vivere che da giudicare. Composto da suoni e immagini e voci contrastanti, che si accalcano e superano raggiungendo l'esplosione; fatto di intere pagine di deliri, sonni, sogni, bevute, jazz, note, viaggi, individui strani, auto-stop, follie, un tunnel che sembra essere infinito ma che poi non lo è.

    Una di quelle avventure che, conclusa, ti lascia un vuoto sconcertante

    ha scritto il 

  • 0

    Sarà anche un must della letteratura di formazione, ma è così lungo e prolisso e zeppo di nomi/luoghi/personaggi inutili all'economia della storia che proprio non ce l'ho fatta a portarlo a termine... ...continua

    Sarà anche un must della letteratura di formazione, ma è così lungo e prolisso e zeppo di nomi/luoghi/personaggi inutili all'economia della storia che proprio non ce l'ho fatta a portarlo a termine.... peccato.

    ha scritto il 

Ordina per