Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Sulla via dorata per Samarcanda

By Umberto Cecchi

(69)

| Others | 9788884270146

Like Sulla via dorata per Samarcanda ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Balk in Afganistan, Samarcanda e Buckhara in Uzbekistan, tre città millenarieche evocano storia e leggende. E da Samarcanda, con il suo bazar, la suamillenaria piazza del Registan, le mura dilavate dal sangue dei nemici e dallepiogge, le sue c Continue

Balk in Afganistan, Samarcanda e Buckhara in Uzbekistan, tre città millenarieche evocano storia e leggende. E da Samarcanda, con il suo bazar, la suamillenaria piazza del Registan, le mura dilavate dal sangue dei nemici e dallepiogge, le sue contraddizioni fra Islam, socialismo e modernismo, si arriva aNukus, capitale dimenticata del Karakalpakstan. E ancora su, fino allascoperta inquietante dell'agonia del Lago di Aral, avvelenato da pesticidi eda esperimenti nucleari e batteriologici. A inaugurare la nuova collanatascabile "Off the road", un testo sui luoghi mitici che il giornalistaUmberto Cecchi ha ripercorso assieme a un cultore dell'arte come VittorioSgarbi.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Samarcanda... chi ricorda le favole dell'infanzia e dell'adolescenza resta con l'amaro in bocca.
    Il libro ripercorre la Via della seta ai giorni nostri, dipingendo un Paese che non esiste più, cancellato dalle vicissitudini post belliche e da una Un ...(continue)

    Samarcanda... chi ricorda le favole dell'infanzia e dell'adolescenza resta con l'amaro in bocca.
    Il libro ripercorre la Via della seta ai giorni nostri, dipingendo un Paese che non esiste più, cancellato dalle vicissitudini post belliche e da una Unione Sovietica che ha spazzato via tutte le antiche tradizioni.
    Restano i ricordi di un paese da favola, con i suoi caravanserragli, i tappeti volanti e le babbucce con la punta all'insù.

    Is this helpful?

    Stefania said on Apr 10, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Forse il più bel libro di letteratura di viaggio che abbia mai letto. Scrive in modo preciso e coinvolgente, sembra di essere lì sul posto con lui

    Is this helpful?

    Piero said on Feb 29, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Bello, molto. Intenso e ben scritto.
    Eppure mi sento di consigliarlo solo a chi ha visitato quei luoghi, o intenda farlo a breve. Solo con l'esperienza diretta si può apprezzare appieno il libro, e con il libro in tasca l'esperienza acquisterà uno sp ...(continue)

    Bello, molto. Intenso e ben scritto.
    Eppure mi sento di consigliarlo solo a chi ha visitato quei luoghi, o intenda farlo a breve. Solo con l'esperienza diretta si può apprezzare appieno il libro, e con il libro in tasca l'esperienza acquisterà uno spessore e un'intensità diversa. Aiuterà a mettere a fuoco le sensazioni che tutti provano nel visitare luoghi dell'immaginario come Samarcanda o calcare il percorso della Via della Seta, ma che non tutti sanno dipanare.

    La penna di Cecchi fissa con rara lucidità l'Uzbekistan di oggi, il suo inevitabile rapporto col passato remoto e con quello recente - entrambi drammatici -, le sue tante contraddizioni, il suo lento cammino verso la modernità.

    Purtroppo dalla lettura emergerà anche la differenza tra un viaggio e il dieci giorni tutto compreso Khiva-Buchara-Samarcanda accessibile a noi turisti con le ferie in agosto. Ma non è detto che sia un male.

    Is this helpful?

    ghiribizzo said on Sep 12, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    quando l'ho comprato non avevo grandi aspettative e invece...
    e' un libro bello, colto, intellettuale e intellettualoide eppure lieve e a tratti poetico.

    La Samarcanda reale del disastro post sovietico, la Samarcanda del mito nel cuore di ...(continue)

    quando l'ho comprato non avevo grandi aspettative e invece...
    e' un libro bello, colto, intellettuale e intellettualoide eppure lieve e a tratti poetico.

    La Samarcanda reale del disastro post sovietico, la Samarcanda del mito nel cuore di tutti i viaggiatori e sognatori, il disastro dell'Aral e il miraggio di storie crudeli e poetiche che si perdono nella leggenda.

    Is this helpful?

    Saffron Moon said on Dec 19, 2008 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    Timor, la luna e la magia della via della seta

    Scesi dall'altopiano siamo arrivati a Samarcanda di notte. Un primo e via fuori in sette. La luna piena faceva brillare la cupola del mausoleo di Timor... Le ombre si muovevano nella piazza del Registan... Con 5 euro abbiamo corrotto un custode che h ...(continue)

    Scesi dall'altopiano siamo arrivati a Samarcanda di notte. Un primo e via fuori in sette. La luna piena faceva brillare la cupola del mausoleo di Timor... Le ombre si muovevano nella piazza del Registan... Con 5 euro abbiamo corrotto un custode che ha acceso le luci... ci siamo commossi. Nel libro l'autore racconta di aver giocato al pallone a Buckhara... noi eravamo distesi su una panchina a respirare la notte.

    Is this helpful?

    Oscar Montani said on May 27, 2008 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (69)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 352 Pages
  • ISBN-10: 8884270146
  • ISBN-13: 9788884270146
  • Publisher: Vallecchi
  • Publish date: 2005-01-01
Improve_data of this book