Sulle punte

Di

Editore: Corbaccio

4.0
(36)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 367 | Formato: Altri

Isbn-10: 8879726722 | Isbn-13: 9788879726726 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: L. Pignatti

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Sulle punte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Già molto tempo prima di nascere, Dominika apparve in sogno a sua madre, cosìquando arrivò veramente fu accolta con grandi aspettative e molto affetto. Ma,figlia di dissidenti legati alla fallita rivolta della Primavera di Praga,Dominika ha avuto una vita tutt'altro che rosea. Sua madre è stata diseredatadai genitori, appartenenti all'élite del Partito. Suo padre, un inventore,costretto per motivi politici a fare il tassista. Alla periferia di Praga, travicini, spie, simpatiche "nonnine", e i tipici pregiudizi di provincia,Dominika impara ad andare dritta per la sua strada, circondata da una famigliaaffettuosa, orgogliosa e, in fondo, buffa.
Ordina per
  • 3

    Un'interessante autobiografia (un po' troppo romanzata, credo) dell'infanzia dell'autrice. Sono rimasta un po' delusa però, mi aspettavo di leggere di più sulla danza trattandosi dell'autobiografia di ...continua

    Un'interessante autobiografia (un po' troppo romanzata, credo) dell'infanzia dell'autrice. Sono rimasta un po' delusa però, mi aspettavo di leggere di più sulla danza trattandosi dell'autobiografia di una ballerina.
    Mi rimane un grande dubbio: nel libro il cognome dell'autrice è Furman, non capisco come mai in copertina sia Dery.

    ha scritto il 

  • 3

    "Verso la metà degli anni '80, il comunismo era come un vecchio drago che ogni tanto usciva dalla sua tana e divorava qualcuno. Finché non eri tu a essere divorato, potevi anche sopportare le grida in ...continua

    "Verso la metà degli anni '80, il comunismo era come un vecchio drago che ogni tanto usciva dalla sua tana e divorava qualcuno. Finché non eri tu a essere divorato, potevi anche sopportare le grida in lontananza." (p. 15)

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro che è stato una sorpresa! Scovato per caso a pochi euro su una bancarella, mi ha colpito la copertina.
    L'ho iniziato a leggere senza troppe pretese e mi ha appassionato fin da subito: narra l ...continua

    Un libro che è stato una sorpresa! Scovato per caso a pochi euro su una bancarella, mi ha colpito la copertina.
    L'ho iniziato a leggere senza troppe pretese e mi ha appassionato fin da subito: narra le vicende di una bambina nelle difficili condizioni della Praga degli anni settanta/ottanta. E' l'autobiografia dell'autrice.
    Peccato solo che il racconto si interrompi quando Dominika non è ancora cresciuta, sarebbe interessante sapere anche quello che è successo dopo.

    ha scritto il 

  • 4

    Tra babà al cognac e cannoli.

    Da divorare se amate le torte, la genuinità dei bimbi, le luci e le ombre della periferia di un'indimenticabile Praga anni '70.

    ha scritto il 

  • 5

    L'infanzia di una mia quasi coetanea vissuta in un clima (il regime a Praga) che la rende distantissima.
    Attraverso i suoi occhi di bimba viviamo il suo amore per la danza, ma anche la difficoltà di ra ...continua

    L'infanzia di una mia quasi coetanea vissuta in un clima (il regime a Praga) che la rende distantissima.
    Attraverso i suoi occhi di bimba viviamo il suo amore per la danza, ma anche la difficoltà di rapportarsi agli altri e soprattutto un pezzo di storia rossa.
    Bello davvero, spero ci sia un seguito.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    interessantisima autobiografia del periodo dell'infanzia in un praga degli anni 70 (sotto il regime sovieteico) cupa, pericolosa , ma anche vivace e sorprendente!

    ha scritto il 

  • 2

    Ogni tanto avverto la sensazione di "non comprare" quel libro e invece mi lascio tentare.
    Volevo il balletto, le difficoltà di chi desidera realizzare i suoi propri vivendo negli anni settanta in Cecos ...continua

    Ogni tanto avverto la sensazione di "non comprare" quel libro e invece mi lascio tentare.
    Volevo il balletto, le difficoltà di chi desidera realizzare i suoi propri vivendo negli anni settanta in Cecoslovacchia, sotto il potere russo!
    Invece mi sono ritrovata a vivere le fasi di vita di questa bambina che un giorno diventerà ballerina ma questo ci è dato di sapere alla fine del libro; sappiamo che lei e la sua famiglia ce la faranno ma....a noi immaginarlo. Anche la scrittura, sebbene semplice e chiara, non è arrivata a me per altre vie; se non è il libro che mi aspettavo, che almeno si presenti sotto un altra luce in grado di stupirmi; invece non è andata così!!
    E' anche questo il bello dei libri.

    ha scritto il