Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Summer

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.5
(87)

Language:English | Number of Pages: 224 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , German

Isbn-10: 0140186794 | Isbn-13: 9780140186796 | Publish date:  | Edition New

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Softcover and Stapled , Library Binding , Audio CD , Audio Cassette , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Summer ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A tale of forbidden sexual passion and thwarted dreams played out against the lush, summer backdrop of the Massachusetts Berkshires Edith Wharton called "Summer" her 'hot Ethan'. In their rural settings and their poor, uneducated protagonists, "Summer" (1916) and "Ethan Frome" represent a sharp departure from Wharton's familiar depictions of the urban upper class. Charity Royall lives unhappily with her hard-drinking adoptive father in an isolated village, until a visiting architect awakens her sexual passion and the hope for escape. Exploring Charity's relation to her father and her lover, Wharton delves into dark cultural territory: repressed sexuality, small-town prejudice, and, in subtle hints, incest.
Sorting by
  • 4

    Consiglio di lettura di maggio

    Estate, pubblicato nel 1917, è un romanzo breve e semplice ma che nella sua epoca fece scalpore per la scelta della protagonista di vivere liberamente la sua passione.

    Nella vasta produzione dell'autr ...continue

    Estate, pubblicato nel 1917, è un romanzo breve e semplice ma che nella sua epoca fece scalpore per la scelta della protagonista di vivere liberamente la sua passione.

    Nella vasta produzione dell'autrice americana il mio interesse si è posato su questo volume, di cui non conoscevo prima l'esistenza e trovato per caso su Bookmooch, proprio per il richiamo alla stagione che stiamo affrontando: la scena si apre infatti in un pomeriggio di giugno nella campagna assolata del New England. North Dormer, così si chiama il paesino dove si svolgono i fatti, è una di quelle lande mezze desolate, i cui paesani sono vicini di casa impiccioni e sempre a conoscenza dei fatti altrui e dove la biblioteca, la chiesa (non mancano mai!) e una montagna alle spalle di tanto verde costituiscono l'intero paesaggio.
    A dir la verità l'ambiente mi ha ricordato molto il posto in cui mi sono trasferita da poco, un paesino di 130 abitanti immerso nel nulla ma dove la campagna ha per me un suo fascino, ed è così anche per quella descritta, davvero molto bene, dalla Wharton che nei momenti descrittivi mi ha ricordato la Von arnim.

    La protagonista, Charity, ha una storia velata di mistero: da piccina infatti venne adottata dall'avvocato del paese che la prese con sé e la portò giù da quella montagna così oscura e pericolosa che circonda North Dormer. Charity è una ragazza insoddisfatta della sua vita: vive con un tutore che dalla morte della moglie ha atteggiamenti ambigui, lavora nella biblioteca del paese senza provare però passione o amore per la carta o semplicemente curiosità, non si adatta alla mentalità delle persone che la circondano e l'unico svago, o momento felice, della giornata è rappresentato da lunghe passeggiate e momenti di calma immersi nel verde della campagna americana.
    E' una protagonista che difficilmente colpisce in positivo, io personalmente litigo un po' con le donne "whartoniane" ma in questo caso sono quasi certa che molti lettori abbiano provato fastidio nei confronti di una ragazza priva di cultura e modestia e spesso sciocca.

    Il romanzo, come si può immaginare, tratta di una passione estiva per un ragazzo che viene da fuori e che cattura Charity proprio per la sua diversità e per la sua apertura mentale; sarà una passione fugace che durerà meno delle sue aspettative ma che segnerà la ragazza per tutta la vita. Personalmente Lucius Harney, lo studente innamorato, non mi ha fatto impazzire come personaggio e credo che un pochino più di caratterizzazione sarebbe stata apprezzata.
    Ci sono altri particolari che non hanno funzionato a dovere: penso ad un finale sì originale ma un po' troppo tirato e veloce e alla questione della montagna che viene liquidata in fretta e non è per niente convincente.

    Nonostante il romanzo sia stato scritto solo tre anni prima de L'età dell'innocenza la diversità tra i due si nota sensibilmente: è una Wharton che come sempre condanna la moralità del tempo ed è moderna e "rivoluzionaria" ma qui concentra la sua penna molto di più sul paesaggio e sulle sensazioni scaturite dal contatto con la natura; Estate è un buon romanzo, l'ho apprezzato e mi ha fatto scoprire nuove sfumature dell'autrice americana.

    said on 

  • 3

    libro figlio della sua epoca

    Il romanzo racconta la storia di una giovane ragazza di campagna che incontra l'amore in un ragazzo venuto da fuori, vive la sua estate di passione con relative conseguenze. E proprio sulla gestione d ...continue

    Il romanzo racconta la storia di una giovane ragazza di campagna che incontra l'amore in un ragazzo venuto da fuori, vive la sua estate di passione con relative conseguenze. E proprio sulla gestione delle conseguenze salta fuori la sorpresa, amara come una medicina cattiva.
    Il libro e' figlio dei suoi tempi, ci sono passaggi soprattutto nel finale che sono quasi incomprensibili per la mentalità moderna. Vale come documento storico di un'epoca che per fortuna è finita!

    said on 

  • 4

    Estate, forse perchè le immagini evocate dal titolo diano un po' di conforto al gelo che ti scende dentro leggendo questo libro. Per tutte le donne così stupide da credere ai sogni e alle illusioni. P ...continue

    Estate, forse perchè le immagini evocate dal titolo diano un po' di conforto al gelo che ti scende dentro leggendo questo libro. Per tutte le donne così stupide da credere ai sogni e alle illusioni. Per tutte le donne, quindi.

    said on 

  • 0

    Estate

    Mah...
    Pensavo fosse molto meglio di quello che si è rivelato.
    Bella l'ambientazione, il periodo storico, i personaggi, ma poi la storia non si è evoluta come speravo e come il libro lasciava ...continue

    Estate

    Mah...
    Pensavo fosse molto meglio di quello che si è rivelato.
    Bella l'ambientazione, il periodo storico, i personaggi, ma poi la storia non si è evoluta come speravo e come il libro lasciava supporre.
    Una storia d'amore che la Wharton, con la sua prosa, avrebbe potuto raccontare in modo più emozionante.
    Ecco cosa è mancata, l'emozione.
    L'autrice si è persa (splendidamente) nella descrizione dei paesaggi, delle stagioni, del trascorrere del tempo nel New England, con tutte le sfumature cromatiche di un'estate che muore in un autunno sfolgorante, ma, secondo me, si è soffermata poco sulla storia personale dei personaggi, facendoli svanire a poco a poco senza approffondire le loro storie e lasciando molti dubbi sulla loro sorte.
    Anche il finale non mi è piaciuto un granchè, anche se forse è la parte migliore dal punto di vista umano.
    Niente di scontato e niente happy end.

    said on