Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Summer blonde

Di

Editore: Coconino Press (Coconino cult)

4.1
(136)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8888063560 | Isbn-13: 9788888063560 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Elena Fattoretto

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace Summer blonde?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il volume raccoglie quattro racconti che ci parlano della vita moderna con un respiro più ampio rispetto a quello che si trovava nel precedente libro di Tomine, "Sonnambulo". I protagonisti che popolano il volume sono eroi quotidiani che, dopo una descrizione di superficie, vengono ritratti nei loro movimenti interiori. Schegge di racconto che si autoconcludono, vere e proprie perle narrative a volte autobiografiche ed intimiste altre raccontate come cronache oggettive ma sentite.
Ordina per
  • 5

    Siamo diventati così insensibili, vacui e irrispettosi del prossimo ? questi racconti di vita di periferie, luoghi marginali dalle città che sono i fulcri seminali dei rapporti inter-personali, lo descrivono talmente bene che ci toccano dentro tanto, il contagio si è sparso fino là fuori, e i pro ...continua

    Siamo diventati così insensibili, vacui e irrispettosi del prossimo ? questi racconti di vita di periferie, luoghi marginali dalle città che sono i fulcri seminali dei rapporti inter-personali, lo descrivono talmente bene che ci toccano dentro tanto, il contagio si è sparso fino là fuori, e i protagonisti sono persone comuni ma indifferenti a tutto. Un b/n essenziale ma d'effetto e i dialoghi ti scivolano vìa come l'acqua.

    ha scritto il 

  • 5

    e' amore

    io che ho sempre "snobbato" i fumetti. alla fine questi racconti brevi, brevissimi, per immagini mi hanno incantato, alle volte innervosito, altre fatto eccitare. Li chiamo racconti perche' non ho altro vocabolario. sono minimali. piccoli spostamenti del cuore o del raziocinio. La giovane ragazza ...continua

    io che ho sempre "snobbato" i fumetti. alla fine questi racconti brevi, brevissimi, per immagini mi hanno incantato, alle volte innervosito, altre fatto eccitare. Li chiamo racconti perche' non ho altro vocabolario. sono minimali. piccoli spostamenti del cuore o del raziocinio. La giovane ragazza carina che sul lavoro finge di aiutare il cliente cieco e poi lo evita accuratamente in strada, il ragazzino nerds isolato dal gruppo di coetanei che non si accorge dell'amore gay dell'amico del cuore e lo tradisce appena gli si presenta l'occasione, la figlia di un ex-hippie che pensa che la sorella abbia bisogno di aiuto e che alla fine si rende conto che in realtà e' lei quella bisognosa... insomma spesso c'e' lo spiazzamento di ovvietà che si ribaltano con toni pacati, non urlati o eccessivi. Mi piace proprio questo. Paesaggi periferici, vuoti, dove passano improvvise vite giovani, dirette non si sa bene dove. 5 stelle piene.

    ha scritto il 

  • 5

    Letteratura minimalista a fumetti

    una delle prove più riuscite lungo il percorso che oramai da almeno un ventennio il fumetto ha intrapreso stabilmente attraverso la modalità generalmente definita “grafic novel” (romanzo grafico, narrativa disegnata o comunque si voglia tradurre in un modo che lasci intuire che non intende tratta ...continua

    una delle prove più riuscite lungo il percorso che oramai da almeno un ventennio il fumetto ha intrapreso stabilmente attraverso la modalità generalmente definita “grafic novel” (romanzo grafico, narrativa disegnata o comunque si voglia tradurre in un modo che lasci intuire che non intende trattarsi di puro e facile diletto senza contenuto ma di qualcosa che a suo modo può vedersi accordata la dignità di letteratura);
    e lo è perché di rado si incontra un autore in grado di esprimere certi livelli di testo e disegno contemporaneamente e così armoniosamente; se infatti le storie aderiscono (nei temi e nella qualità dello sguardo) al filone letterario del minimalismo americano, a sua volta lo stile delle vignette è perfetto nel tradurne la poetica in immagini;
    e allora i racconti, in alcuni passaggi con qualità veramente e sorprendentemente alta, riescono in questa nuova forma a parlarci, con tono scarno e freddo, apparentemente distaccato, eppure così tagliente e profondo, dell’angoscia grigia dell’uomo occidentale contemporaneo la quale, facendoci appena un po’ caso, erompe da ogni momento, anche apparentemente il più privo di significato, di una quotidianità che è pregna di solitudine e disperazione; e riguarda tutti e ciascuno;
    questa è la realtà, non tutta, ma una parte cospicua e verissima sì; anche il “fumetto” sembra aver raggiunto quella maturità necessaria per potercene parlare come in narrativa cominciò splendidamente a fare l’ineguagliato Carver;

    ha scritto il 

  • 5

    Tomine ha la capacità di far parlare ogni vignetta. I suoi dialoghi essenziali sono perfettamente integrati dal disegno molto dettagliato.
    Non sono storie felici, piuttosto le definirei comuni, di una vita piatta, senza sogni, ambizioni e illusioni.

    ha scritto il 

  • 5

    Tomine si conferma bravissimo nel raccontare, attraverso la descrizione delle piccole cose e dei momenti più comuni, le frustrazioni intime dei suoi personaggi, che sono plausibili, normali, autentici e sempre sull'orlo di una deriva emotiva senza possibilità di recupero.

    ha scritto il 

  • 0

    Se proprio devo dare un voto: 8

    Questo fumetto invece mi ha fatto ricordare tutte le volte che mi sono sentito, mi sento, mi sentirò "sospeso". Io non so mica se riesco a spiegare quella condizione esistenziale di chi è a volte "sospeso". E infatti non ci provo. Però questo è. Non altro. Sentirsi sospesi in modi e tempi e conte ...continua

    Questo fumetto invece mi ha fatto ricordare tutte le volte che mi sono sentito, mi sento, mi sentirò "sospeso". Io non so mica se riesco a spiegare quella condizione esistenziale di chi è a volte "sospeso". E infatti non ci provo. Però questo è. Non altro. Sentirsi sospesi in modi e tempi e contesti che valgono diversamente per ognuno. Summer blonde restituisce perfettamente quella sensazione.

    ha scritto il