Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sunset park

Di

Editore: Einaudi (Supercoralli)

3.8
(1111)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 222 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Basco , Chi tradizionale , Portoghese , Tedesco , Francese

Isbn-10: 8806203827 | Isbn-13: 9788806203825 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Massimo Bocchiola ; Prefazione: Paul Auster

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Sunset park?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Miles Heller ha ventotto anni e vive in Florida. Ha poco, eppure ha tutto: l'amore di un'adorabile ragazza di origini cubane, la passione trasmessagli dal padre per il baseball con le sue storie fatte di destino e casualità, e i libri, "una malattia da cui non vuole essere curato". Il lavoro non è un granché, d'accordo, ma lui sembra farlo come se in quell'attività intuisse un misterioso legame con la sua esistenza: affinché le banche possano rimetterle in vendita, deve entrare nelle abitazioni abbandonate e fotografare gli oggetti che gli inquilini vi hanno lasciato. Ma Miles ha una vita precedente da cui negli ultimi sette anni è fuggito. E continuerebbe a farlo se il destino (o il caso) non si mettesse in mezzo: Pilar, la sua ragazza, è orfana e vive con le sorelle maggiori. Ed è minorenne. Così quando decide di trasferirsi da Miles, lui deve avere il loro consenso che ottiene corrompendo la più grande. Ma dopo qualche mese, Angela Sanchez inizia a ricattarlo. A Miles non resta che cambiare aria per un po': in fondo Pilar sarà presto maggiorenne e nulla potrà separarli. Si rivolge all'unico amico con cui è rimasto in contatto, Bing, che insieme ad altri tre ragazzi vive a Brooklyn, in una casa occupata in una zona chiamata Sunset Park. Tornare a New York, la sua città natale, significa fare i conti con i motivi che l'hanno spinto ad andarsene di casa, significa chiarire definitivamente i motivi che hanno determinato la morte del fratello Bobby.
Ordina per
  • 5

    grazie alla sua capacità di ideare personaggi e situazioni abbastanza originali, auster riesce a rendere la narrazione avvincente anche se, a ben guardare, non è che accada granché. l'aspetto che mi ha convinto meno è il finale, ma gli do lo stesso 5 stelle.

    ha scritto il 

  • 4

    Il mio secondo Auster.
    Si legge bene, non c'è niente da dire. Mi ha fatto sorridere leggere questo suo che ha scritto mentre teneva una corrispondenza con J.M.Coetzee (corrispondenza che ha prodotto il libro "Qui e Ora" che ho letto proprio prima di questo), perchè ci ho ritrovato delle fisse su ...continua

    Il mio secondo Auster. Si legge bene, non c'è niente da dire. Mi ha fatto sorridere leggere questo suo che ha scritto mentre teneva una corrispondenza con J.M.Coetzee (corrispondenza che ha prodotto il libro "Qui e Ora" che ho letto proprio prima di questo), perchè ci ho ritrovato delle fisse sue personali (baseball-cinema) e qualche accadimento che fa riferimento alla sua vita reale (riportato appunto in Qui e Ora). A tratti mi è parso un po' forzato, quasi volesse imitare il suo amico Philip Roth, in ogni caso sicuramente una piacevole lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Sunset Park è un bel libro appartenente al filone di Follie a Brooklyn e non ha, fortunatamente, lo stile di Invisibile o Trilogia di New York che, a mio avviso, tranne i bellissimi titoli, non hanno niente di entusiasmante da annoverare. Ma Sunset Park è anche un quartiere a sud di Brooklyn abi ...continua

    Sunset Park è un bel libro appartenente al filone di Follie a Brooklyn e non ha, fortunatamente, lo stile di Invisibile o Trilogia di New York che, a mio avviso, tranne i bellissimi titoli, non hanno niente di entusiasmante da annoverare. Ma Sunset Park è anche un quartiere a sud di Brooklyn abitato da una moltitudine di etnie, dove, come scrive Auster, non ci sono librerie ma solo negozi etnici e fast food. Le strade sono ampie e densamente popolate e nella stessa via si possono vedere da un lato ampi condomini, le cui altezze scimmiottano quelle dei grattacieli di Manhattan e, specularmente dall'altro lato, vecchie e decadenti villette unifamiliari, stile Old Pennsylvania, caratteristiche e inusuali in quel panorama urbano. In questo dicotomico luogo è ambientata la bella storia di crescita e maturazione dei personaggi, sia dei più giovani che dei più vecchi, anch'essi costretti ad affrontare le opposte condizioni economiche dalle quali provengono, lottando con sé stessi e con il sistema per farcela, accendendo il riflettore su una realtà contemporanea, che apparentemente è caratteristica americana, ma in realtà appartiene all'uomo contemporaneo in quanto tale. Sofferenza, maturazione, introspezione, espiazione e amore, contornano la vita di un corollario di personaggi, ognuno preso dal proprio dilemma. L'interrogativo su cui riflettere alla fine del libro è: si compiono errori gravi nella propria vita perché non si è capito come si debba affrontare il percorso, avendo comunque la possibilità di “redimersi” faticosamente e cambiare rotta, o un errore grave, anche se compiuto in giovane età, condiziona irreparabilmente il destino di chi l'ha commesso?

    ha scritto il 

  • 4

    C'è sempre molta ricchezza e spessore nella scrittura di Paul Auster, anche in un romanzo che fin dall'inizio può sembrare meno riuscito degli altri... Sempre qualche gemma preziosa, come gli aneddoti parabolici sul tema del "caso", ricorrente in Auster (e qui sfruttato raccontando le surreali v ...continua

    C'è sempre molta ricchezza e spessore nella scrittura di Paul Auster, anche in un romanzo che fin dall'inizio può sembrare meno riuscito degli altri... Sempre qualche gemma preziosa, come gli aneddoti parabolici sul tema del "caso", ricorrente in Auster (e qui sfruttato raccontando le surreali vite di alcuni giocatori di baseball), o come un personaggio inaspettato, che con la propria vita interiore, segna in modo forte, quasi una pugnalata nelle viscere, la mia storia di lettrice.

    ha scritto il 

  • 0

    E' il primo romanzo di Auster che leggo e l'ho trovata una lettura molto piacevole. La scrittura "corale" è giostrata molto bene e i personaggi sono interessanti, vorrei quasi un seguito per poterli capire meglio.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    傷,是生命非常重要的一環,人除非受過某種創傷,否則無法長大成人~

    接連讀了好幾本保羅.奧斯特的小說
    之前覺得作品風格太類似
    幾乎都混淆不清
    到了這一本反而漸入佳境
    四個人物串連成一個故事
    讓我想到<靈魂代筆>的九個故事串連
    或許這是我喜愛閱讀的形式之一吧


    "他二十八歲了,完全不知道自己有什麼報負可言
    總之,沒有野心勃勃的志向
    也不明白為了打造貌似合理的未來可能必須承擔什麼
    ...她安於維持現狀,不去考慮未來...
    換言之,就是沒有渴望或希望,滿足於命運
    接受世界在一次又一次日初時的施捨
    過著慾望極低的生活,
    低到只要滿足做人的起碼需求就好"pg.12~13
    這是邁爾司的人物側寫
    一個活在當下.不求突破的被動男子
    過著寡慾自制的 ...continua

    接連讀了好幾本保羅.奧斯特的小說 之前覺得作品風格太類似 幾乎都混淆不清 到了這一本反而漸入佳境 四個人物串連成一個故事 讓我想到<靈魂代筆>的九個故事串連 或許這是我喜愛閱讀的形式之一吧

    "他二十八歲了,完全不知道自己有什麼報負可言 總之,沒有野心勃勃的志向 也不明白為了打造貌似合理的未來可能必須承擔什麼 ...她安於維持現狀,不去考慮未來... 換言之,就是沒有渴望或希望,滿足於命運 接受世界在一次又一次日初時的施捨 過著慾望極低的生活, 低到只要滿足做人的起碼需求就好"pg.12~13 這是邁爾司的人物側寫 一個活在當下.不求突破的被動男子 過著寡慾自制的苦行生活 在佛州狡詐偽善的陽光之下,真的有新鮮事發生了 他遇見了琵拉.桑契斯~他認定的十七歲摯愛女友

    "關於自己的事,他幾乎沒跟她提過... 如此對她說謊 他便無需在不安之中談論多年來竭力躲避的事 他不希望她知道... 這些事情與琵拉無關,是他的私事 除非找到過去七年來他所受困的幽域出口 否則他不會告訴任何人這些事情"pg.21~22 邁爾斯不願意起到自己出生六個月就被母親拋棄 不願意想起自己離開付親與繼母的漫長七年 更不願意分享繼兄波筆因車禍意外死亡的陰霾 那一天發生的意外是自己造成的 並且因為自責而開始封閉自己的心 間接讓整個家庭陷入分裂 念完大三的暑假,他留下一封信,選擇離開...

    "因而,當他談起世界,他指的是自己的世界 是自身生活中有限的範疇,而非整體而言的世界 ...他專注再尋常事物獨特而幾乎不可見的局部細節 他都在小事上做決定,小歸小 卻不見得代表這個決定是無關痛癢的 他日復一日苦苦恪守自己那套殃殃不平的根本原則 反對事物現狀,全面抵抗現勢..."pg.68 這是賓的人物側寫 一個破銅爛鐵維修廠的老闆 專業維修幾乎已從地球表面消逝之年代的物品 他身愛著邁爾斯,對他比家人還好 他也是邁爾斯與父親莫里斯之間唯一的聯繫 也因為賓,邁爾斯住進了日落公園旁的荒廢公寓

    我喜歡這本小說的溫度 雖然故事裡的人物總事故作冷酷 卻更顯出他們各自內心脆弱的情感 在每一段對話中流露出人性的純真 閱讀起來感覺格外溫暖與認同 ~4科星

    其他註記頁數: pg.82~83,96~97,152~153,154~159 216~217,240~241

    ha scritto il 

Ordina per