Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Superclan

Chi comanda l'economia mondiale?

Di ,

Editore: Feltrinelli

3.8
(70)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 135 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807710102 | Isbn-13: 9788807710100 | Data di pubblicazione: 

Genere: Business & Economics , History , Political

Ti piace Superclan?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
E' a Wall Street che si decide gran parte del nostro futuro e del nostrotenore di vita. Oggi più che mai, per il lento decadere della capacità degliStati nazionali di produrre politiche in grado di rappresentare l'interessegenerale, Wall Street è il paradigma del nostro mondo globalizzato, il cuorepulsante dell'Impero. Wall Street e i media sono diventati un binomiocruciale: è la loro compenetrazione a dare il ritmo alla crescita economicainternazionale, a determinare gli orientamenti politici, e - attraverso lacomunicazione - a stabilire ciò che è giusto, ciò che è "occidentale" e ciòche è contro il nostro sistema.
Ordina per
  • 5

    "Il punto cruciale è proprio questo: massimo d'insicurezza per la maggior parte delle popolazioni, massimo di sicurezza per la superclasse. E' facile essere flessibili, cambiare lavoro, affrontare crisi d'impresa o di Borsa quando si hanno milioni di dollari in tasca...."

    ha scritto il 

  • 4

    Un'interessante guida per capire il mondo di oggi: quali sono i poteri che governano la nostra vita, come la globalizzazione ha spostato il potere dai governi ai consigli di amministrazione delle multinazionali. Da leggere.

    ha scritto il 

  • 3

    Di solito apprezzo Giulietto Chiesa, ma qui sembra un po' troppo ipocondriaco e complottista, per quanto probabilmente abbia ragione: alla guide della società c'è troppa gente che forma una cupola quasi mafiosa che con la democrazia non c'entra niente. Il cinismo, però, non aiuta...

    ha scritto il