Superluminal

Di

Editore: Armenia

3.3
(12)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8834421655 | Isbn-13: 9788834421659 | Data di pubblicazione: 

Curatore: S. Proietti

Genere: Rosa , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Superluminal?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In Superluminal, si intrecciano le vite di tre personaggi: una pilota di astronave che si è fatta impiantare un cuore artificiale per sopravvivere al viaggio più veloce della luce, un colono di un tormentato pianeta alieno che scopre di possedere straordinarie capacità, una "tuffatrice" che divide il suo tempo fra il cosmo e e le profondità marine, e che fa parte di una comunità di individui adattati geneticamente alla vita sottomarina, che comprende anche delle balene. Il loro incontro, sullo sfondo di una guerra, è legato a un viaggio spaziale, alla scoperta di un messaggio enigmatico, che chiama in gioco le più avanzate teorie sull'universo.
Ordina per
  • 3

    Ultimamente i libri mi deludono sul finale, e questo non fa eccezione.
    Siamo in un futuro più o meno lontano in cui grazie alle caratteristiche di alcune persone è possibile viaggiare tra sistemi molt ...continua

    Ultimamente i libri mi deludono sul finale, e questo non fa eccezione.
    Siamo in un futuro più o meno lontano in cui grazie alle caratteristiche di alcune persone è possibile viaggiare tra sistemi molto distanti tra loro e colonizzare quindi altri pianeti. Inoltre alcune persone, chiamate tuffatori, hanno deciso volontariamente di ricombinare il loro DNA per avvicinarsi ai mammiferi marini. I protagonisti sono un colono, un pilota ed una tuffatrice, tre figure che non potrebbero essere più diverse tra loro, ma che si trovano legate da un mistero che potrebbe sconvolgere l'attuale ordine sociale. La storia è avvincente e scorre bene, ma il finale come detto mi ha deluso perché pur essendo un bel finale non è propriamente un finale conclusivo ed ultimamente non sopporto i finali che lasciano troppe porte aperte.

    ha scritto il 

  • 3

    Da:

    http://www.webalice.it/michele.castellano/SF_Fantasy/mese/Ottobre2008.html

    Anche se pubblicato solo ora in Italia, Superluminal e' un romanzo di 25 anni fa, di una scrittrice che mi aveva lasciato ...continua

    Da:

    http://www.webalice.it/michele.castellano/SF_Fantasy/mese/Ottobre2008.html

    Anche se pubblicato solo ora in Italia, Superluminal e' un romanzo di 25 anni fa, di una scrittrice che mi aveva lasciato allora una profonda impressione con Il Serpente dell'Oblio, di cinque anni precedente.Dopo aver letto Superluminal sono andato a riprendere Il Serpente dell'Oblio, che non rileggevo da almeno una quindicina d'anni, ritrovandovi le sensazioni che mi ricordavo. Il romanzo non ha perso il suo vigore nonostante il tempo passato, per lui e per me.
    Vonda McIntyre non ha scritto molti romanzi indipendenti, dedicandosi nel seguito piu' a sceneggiare serie televisive, ma ha rappresentato, nel mondo della SF, la seconda generazione femminile, quella piu' consapevole della propria specificita', o forse semplicemente con maggiore possibilita' che questa specificita' potessere trovare il gradimento del pubblico. Il suo femminismo, piu' evidente di quello estremamente delicato della Le Guin, ma meno esplicito rispetto ad altre scrittrici di quell'epoca, come Joanna Russ o la Sargent, segue piu' il percorso aperto dalla Le Guin stessa sulla consapevolezza del corpo e di se stesso da parte dell'individuo, maschio o femmina che sia, piuttosto che una contrapposizione tra generi, e risulta quindi forse piu' efficace, perche' non cerca di identificare e rafforzare il contrasto, ma chiarisce e rende empaticamente positivi i problemi di convivenza visti dalla parte femminile.
    Anche la McIntyre introduce pesantemente la biologia nei suoi romanzi, tema tipico della SF femminile del tempo, ma lo fa da vera esperta con estrapolazioni del tutto credibili anche ora, che della biologia e delle sue possibilita' di manipolazione sappiamo cosi' tanto di piu'.
    In Superluminal vi e' una chiara "pulsione" verso un passaggio trascendente, verso una umanita' superiore, che non e' il classico "Superuomo" onniscente e onnipotente che ha spesso fatto la sua comparsa nella SF precedente, ma e' molto piu' simile al passaggio della "divergenza" di Vinge, cosi' ben illustrata anche da Stross. Seppure basata solo su metologie biologiche, e non sull'interconnessione con Intelligenze Artificiali, e' una transizione che pone gli stessi dubbi e le stesse incognite, a significare che lo sviluppo tecnico e/o scientifico possono far diventare realistica una ipotesi inizialmente basata piu' su illusioni che realta' concrete, ma non modifica sostanzialmente il quadro problematico.
    E' ovvio che Superluminal non puo' non risentire in parte dei 25 anni passati dalla sua scrittura, ed alcune soluzioni prospettate ci possono ormai sembrare obsolete o dimostratamente false, ma rimane una lettura piacevole e stimolante. C'e' da chiedersi perche' ci sia stato bisogno di tanto tempo per presentarlo ai lettori italiani, durante il qual tempo sono apparsi in Italia miriadi di romanzi di qualita' estremamente inferiore.

    ha scritto il 

  • 5

    Biotecnologie, conflitti sociali, nuovi mezzi di comunicazione e nuove lingue, come la vera lingua parlata dai tuffatori o la stupefacente lingua di mezzo che condividono con i cetacei. E ancora ocean ...continua

    Biotecnologie, conflitti sociali, nuovi mezzi di comunicazione e nuove lingue, come la vera lingua parlata dai tuffatori o la stupefacente lingua di mezzo che condividono con i cetacei. E ancora oceanografia e lampi di matematica. Tutto questo e molto altro ancora è possibile trovare in Superluminal, un romanzo dalla vocazione universale (mimetica, diremmo oggi, capace di infrangere le barriere dei generi coniugando storia d'amore, avventura e fantascienza) e al contempo sorprendentemente in anticipo sui tempi. Un libro che fonde space opera e romance, cogliendo nel panorama del futuro scorci delle suggestioni postumaniste che sarebbero maturate venti anni più tardi.

    http://www.fantascienza.com/magazine/libri/11799/superluminal/

    ha scritto il 

  • 3

    Di Vonda McIntyre avevo letto il bellissimo "Il serpente dell'oblio" e con questo libro speravo di ritrovare le stesse atmosfere. Purtroppo non è neanche lontanamente simile, anche se ci sono degli as ...continua

    Di Vonda McIntyre avevo letto il bellissimo "Il serpente dell'oblio" e con questo libro speravo di ritrovare le stesse atmosfere. Purtroppo non è neanche lontanamente simile, anche se ci sono degli aspetti degni di nota (i tuffatori, il cuore artificiale, ecc.).

    ha scritto il