Survival in Auschwitz

Average vote of 13946
| 21 total contributions of which 17 reviews , 4 quotes , 0 images , 0 notes , 0 video

In 1943, Primo Levi, a twenty-five-year-old chemist and "Italian citizen of Jewish race," was arrested by Italian fascists and deported from his native Turin to Auschwitz. Survival in Auschwitz is Levi's classic account of his ten months in the G

In 1943, Primo Levi, a twenty-five-year-old chemist and "Italian citizen of Jewish race," was arrested by Italian fascists and deported from his native Turin to Auschwitz. Survival in Auschwitz is Levi's classic account of his ten months in the German death camp, a harrowing story of systematic cruelty and miraculous endurance. Remarkable for its simplicity, restraint, compassion, and even wit, Survival in Auschwitz remains a lasting testament to the indestructibility of the human spirit. Included in this new edition is an illuminating conversation between Philip Roth and Primo Levi never before published in book form. ...Continua

Ha scritto il 31/12/15
Come mai tutto questo entusiasmo?
L'ho letto per la scuola e non mi è piaciuto per niente:Levi scrive in un modo poco chiaro,risulta assai ripetitivo e utilizza le stesse frasi all'infinito.Io,sinceramente,in questo libro non vedo alcun capolavoro.
  • 2 mi piace
  • 3 commenti
Ha scritto il 01/11/15
Razionale agghiacciante
Rilettura da adulto, complimenti a Primo Levi, un saggio scrittore con equilibrio invidiabile al giorno d'oggi (in effetti il testo ha 70 anni di vita). Notevole soprattutto l'analisi della natura umana in condizioni limite negative.
  • 1 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 24/08/15
"Mi pare superfluo aggiungere che nessuno dei fatti è inventato". Non si può raccontarlo, né spiegarlo...... Lo si deve leggere per capire.
  • 3 mi piace
Ha scritto il 31/07/15
una lacuna che sono felice di aver colmato. come dico spesso: ogni libro ha il suo momento giusto per essere letto.
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 11/05/15
Questo libro descrive la vita dei prigionieri del Lager (se di vita si può parlare): un luogo di annientamento di tutto ciò che rende umani. È una testimonianza storica, che tutti dovrebbero leggere almeno una volta. Leggendo questo libro viene da ch ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jul 12, 2013, 05:04
Occorre dunque essere diffidenti con chi cerca di convincerci con strumenti diversi dalla ragione, ossia con i capi carismatici: dobbiamo essere cauti nel delegare agli altri il nostro giudizio e la nostra volontà. Poiché è difficile distinguere i pr ...Continua
Pag. 257
Ha scritto il Feb 15, 2009, 19:04
necessario..
Ha scritto il Sep 16, 2008, 15:09
...Quest'anno è passato presto. L'anno scorso a quest'ora io ero un uomo libero: fuori legge ma libero, avevo un nome e una famiglia, possedevo una mente avida e inquieta e un corpo agile e sano. Pensavo a molte lontanissime cose: al mio lavoro, alla ...Continua
Pag. 127
Ha scritto il Sep 16, 2008, 15:02
Noi giacevamo in un mondo di morti e di larve. L'ultima traccia di civiltà era sparita intorno a noi e dentro di noi. L'opera di bestializzazione , intrapresa dai tedeschi trionfanti, era stata portata a compimento dai tedeschi disfatti.
E' uomo
...Continua
Pag. 152

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi