Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Survivor

A Novel

By

Publisher: WW Norton & Co

3.9
(3972)

Language:English | Number of Pages: 289 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , German , French , Portuguese

Isbn-10: 039333807X | Isbn-13: 9780393338072 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled , Audio CD , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Do you like Survivor ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tender Branson last surviving member of the Creedish Death Cult is dictating his life story into Flight 2039 s recorder. He is all alone in the airplane, which will crash shortly into the vast Australian outback. But before it does, he will unfold the tale of his journey from an obedient Creedish child to an ultra-buffed, steroid- and collagen-packed media messiah. Unpredictable and unforgettable, Survivor is Chuck Palahniuk at his deadpan peak: a mesmerizing, unnerving, and hilarious satire on the wages of fame and the bedrock lunacy of the modern world.
Sorting by
  • 3

    6

    Primer libro de este escritor, me recuerda a una mezcla entre Irvine Welsh y Don Winslow pero con temas mezclados con fantasias y con criticas directas a varios temas centrales de la novela, con alguna frases al estilo Reservoir Dogs pero sin un final y una trama clara y carente de sentido. ...continue

    Primer libro de este escritor, me recuerda a una mezcla entre Irvine Welsh y Don Winslow pero con temas mezclados con fantasias y con criticas directas a varios temas centrales de la novela, con alguna frases al estilo Reservoir Dogs pero sin un final y una trama clara y carente de sentido.

    said on 

  • 3

    3 stelline stanno per "buono" ed è così che voglio valutare questo libro. Dissacrante, folle, surreale...come tutti i libri di Palahniuk del resto. Non è stato il mio preferito ma l'ho letto con piacere perchè amo la sua saccenza ed il suo sarcasmo smisurato.

    said on 

  • 1

    Prima volta e forse l'ultima

    Che leggo un libro di questo scrittore, eppure le premesse erano buone le prime pagine anticipavano un seguito interessante, ma almeno per me non è stato così, con il susseguirsi della lettura (abbandonata dopo una cinquantina di pagine) mi sono scontrato con argomenti senza senso scollegati di i ...continue

    Che leggo un libro di questo scrittore, eppure le premesse erano buone le prime pagine anticipavano un seguito interessante, ma almeno per me non è stato così, con il susseguirsi della lettura (abbandonata dopo una cinquantina di pagine) mi sono scontrato con argomenti senza senso scollegati di inutilità unica pagine e pagine su aragoste e fiori e altre cose prive di logica e interesse, speriamo sia uno dei suoi peggiori lavori

    said on 

  • 3

    Letto un Pala, letti tutti?
    Non so. Certamente nella narrativa di Chuck c´é questo filo conduttore fatto di provocazioni, critica alle ossessioni americane o forse semplicemente contemporanee (denaro, avidità, credulonitá, ricerca dei 5 minuti di notorietà), linguaggio martellante, invenzio ...continue

    Letto un Pala, letti tutti?
    Non so. Certamente nella narrativa di Chuck c´é questo filo conduttore fatto di provocazioni, critica alle ossessioni americane o forse semplicemente contemporanee (denaro, avidità, credulonitá, ricerca dei 5 minuti di notorietà), linguaggio martellante, invenzioni spesso pirotecniche, battute che vanno a segno, tormentoni.

    Certamente i primi Pala che leggi (per me Soffocare e Fight Club) fanno l´impressione di pugni nello stomaco, poi un po´di assuefazione si fa strada. Anche se a parte la schifezzuola Pigmeo, anche Ninna Nanna prima di questo, e ora Survivor mi hanno convinto. E magari se li avessi letti per primi, sarebbero loro i pugni nello stomaco.

    Survivor ha questa invenzione (tutto sommato ininfluente ai fini della buona riuscita) di far scorrere i capitoli e le pagine a ritroso, come a dare l´impressione di un enorme countdown. É una storia di sette, di ricerca ossessiva della notorietà, di ordinarie disperazioni e raggiunge le sue vette di umorismo e inventiva nel descrivere tutto l´apparato di Marketing che a un certo punto ruota attorno al protagonista.

    É un libro che si legge rapidamente e con una certa soddisfazione. Ogni tanto nelle battute di Pala si celano delle amare verità su ciò che ci circonda, nei sensi che ho provato a riassumere sopra. Dopo 5 romanzi suoi letti o comunque tenuti in mano (Pigmeo l´ho interrotto) si fa strada la sensazione che Chuck scriva un po´sempre lo stesso libro (e non é il solo) ma finché é ispirato (o quando lo é) va anche bene cosi.

    said on 

  • 4

    In relatà sono stata indecisa se conferire 3 stelline o 4, ma non essendoci via di mezzo opto per le 4 perchè merita un buon giudizio per la trovate geniali, la storia inconsueta, lo stile scorrevole.
    Un che fa sorridere e riflettere insieme.
    Per voi che lo leggerete, sappiate che ini ...continue

    In relatà sono stata indecisa se conferire 3 stelline o 4, ma non essendoci via di mezzo opto per le 4 perchè merita un buon giudizio per la trovate geniali, la storia inconsueta, lo stile scorrevole.
    Un che fa sorridere e riflettere insieme.
    Per voi che lo leggerete, sappiate che inizia dalla fine (nel il primo capitolo): Tender Branson si trova da solo alla "guida" di un boing dirottato che presto si schianterà, una volta esaurito il carburante, nel nulla. Tender Branson, ultimo dei sopravvissuti della setta Creedish, racconta alla scatola nera, la storia di cosa è andato storto.
    Non scoraggiatevi dall'assurdo del 2° e 3° capitolo, dove non si capisce bene dove voglia arrivare l'autore raccontandoci dettagli di una vita apperentemente inutile e insignificante: tutto poi avrà un senso.
    Le 3,5 stelline (quindi un lieve declassamento) per via delle lungaggini che in un paio di casi di trovano nella narrazione: l'idugiare sugli aneddoti della pulizia o la ripetitività delle scene nella parte della fuga finale che portano il lettore a saltare qualche riga decisamente di troppo.
    Per il resto, comunque, questo autore s sempre sorprendere, far sorridere e ridere, ma anche riflettere.

    said on 

  • 5

    Una grande scoperta

    Curiosità. Questo mi spinse ad acquistare Survivor, con quella sua copertina così coinvolgente, così criptica. Chiunque si approcci a quest'opera deve sapere una cosa: va letto con estrema calma e attenzione, assaporando ogni frase, cogliendone ogni significato, anche il più sottile. Perché quasi ...continue

    Curiosità. Questo mi spinse ad acquistare Survivor, con quella sua copertina così coinvolgente, così criptica. Chiunque si approcci a quest'opera deve sapere una cosa: va letto con estrema calma e attenzione, assaporando ogni frase, cogliendone ogni significato, anche il più sottile. Perché quasi ogni frase di questo libro si presta a mille interpretazioni: dalla società (americana in questo caso, ma non solo) preda dell'inutile e del futile, della sua adorazione dell'apparenza, che viene distrutta con ironia pungente; alla predeterminazione della vita, all'assenza di novità, al come si possa facilmente costringere gli altri a vivere un'esistenza continuamente inserita in schemi ben precisi, da cui il protagonista non riesce ad uscire fuori. Insomma, dovete immergervi in questa lettura, lasciarvi andare, chiudere il mondo esterno fuori, per riuscire a cogliere l'intera essenza di un'opera magistrale.

    said on 

Sorting by