Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Swim-Two-Birds

By ,

Editeur: Belles Lettres

3.7
(240)

Language:Français | Number of pages: 300 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian

Isbn-10: 2251442197 | Isbn-13: 9782251442198 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Swim-Two-Birds ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Along with one or two books by James Joyce, Flann O'Brien's At Swim-Two-Birds is the most famous (and infamous) of Irish novels published in the twentieth century. Or to put it as Dylan Thomas did: "It establishes Mr. O'Brien in the forefront of contemporary writing. . . . This is just the book to give your sister if she's a loud, dirty, boozy girl!"

The story of an Irish college student whohalf to amuse himself and half to avoid workwrites an irreverent novel about the figures of Irish myth and legend in which characters come to life and riot against their author, At Swim is a wildly comic send-up of Irish literature and culture which had a major influence on writers coming after O'Brien, including Anthony Burgess, Gilbert Sorrentino, and William H. Gass (who has written an introduction for this edition).

O'Brien opened up a whole new world of possibilities for fiction as subsequent novelists have played with his zany ideas, chief among them being the idea that characters in fiction have earned the right to be "recycled"after all, they've proven their reliability as characters!not put out to pasture once their stories are finished.

Sorting by
  • 0

    Ricordo che questo libro fu consigliato da Niccolò Ammaniti e Sandro Veronesi (insieme allo splendido Canada di R.Ford) in un incontro-intervista a cui ho assistito. Mi informo e scopro che è un ...continuer

    Ricordo che questo libro fu consigliato da Niccolò Ammaniti e Sandro Veronesi (insieme allo splendido Canada di R.Ford) in un incontro-intervista a cui ho assistito. Mi informo e scopro che è un piccolo Joyce. Leggo e poi dirò di più. Forse. Per ora posso solo dire che mi piace la scrittura e che lo trovo originale. Mica poco!

    dit le 

  • 3

    Libro molto complesso e di non facile lettura: implica una notevole cultura generale, non solo letteraria, pena la perdita di moltissime citazioni e numerosi doppi sensi che celano significati non ...continuer

    Libro molto complesso e di non facile lettura: implica una notevole cultura generale, non solo letteraria, pena la perdita di moltissime citazioni e numerosi doppi sensi che celano significati non così espliciti. Un testo per pochi, raffinatissimi lettori.

    dit le 

  • 1

    O io e lo humor irlandese non siamo compatibili oppure ho iniziato questo libro nel momento sbagliato, il risultato comunque non cambia: ho arrancato sbadigliando fino a pag. 45 e poi mi sono arresa. ...continuer

    O io e lo humor irlandese non siamo compatibili oppure ho iniziato questo libro nel momento sbagliato, il risultato comunque non cambia: ho arrancato sbadigliando fino a pag. 45 e poi mi sono arresa.

    dit le 

  • 5

    Antiromanzo con antieroe (consigliato da un amico/scrittore)

    Accidenti!!! Questo “romanzo” o meglio antiromanzo richiede proprio una giocosa disponibilità alla ginnastica mentale, invita a frequenti riordini e riorganizzazioni, sempre mentali, con aiuti ...continuer

    Accidenti!!! Questo “romanzo” o meglio antiromanzo richiede proprio una giocosa disponibilità alla ginnastica mentale, invita a frequenti riordini e riorganizzazioni, sempre mentali, con aiuti di sinossi, spiegazioni e ripetizioni dello stesso autore. Certo che tutto questo lavorio mentale non esclude la necessità di un vita salubre e una leggera e allo stesso tempo energetica alimentazione....

    Quindi “mens sana in corpore sano”, come dicono tutti e lo ricorda anche Flann in qualche parte del romanzo, fra i numerosi altri consigli e insegnamenti... fantasiosamente e magistralmente impartiti.

    Nonostante non abbia la linearità dei romanzi, c'è, ci sono dei finali che non dirò per non spoilerare, anche se ne avrei la tentazione proprio perchè in questa originale, spettacolare e sorprendente lettura mi ha interessato il finale, cosa per me solitamente secondaria rispetto al racconto. Perchè? perchè in questo finale c'è la conclusione del percorso di un antieroe, con stupendi tratti eroici, come ogni persona che sa vivere normalmente, possiede (mia profonda convinzione). Vedi anche http://alicemate.wordpress.com/2012/08/02/una-pinta-irlandese/

    dit le 

  • 4

    Tortuoso

    Ricevuto in regalo, iniziato, interrotto, ricominciato, prestato, mai restituito, cercato, comprato, nuovamente iniziato, terminato a fatica ma. La storia "di" questo libro per me è come la storia ...continuer

    Ricevuto in regalo, iniziato, interrotto, ricominciato, prestato, mai restituito, cercato, comprato, nuovamente iniziato, terminato a fatica ma. La storia "di" questo libro per me è come la storia "in" questo libro, tortuosa. Non è facile da leggere perchè l'intreccio è intrecciatissimo, più storie vivono a livelli paralleli, poi si intersecano, poi si dividono, si sovrappongono, ti portano a spasso e poi ti fermano. Un libro, se mi si perdona il paragone urbano, un po' come Venezia. Un posto in cui perdersi, a volte con la sensazione che sia impossibile avere una visione di insieme, fino a quando, girata la pagina, si scopre nella bellezza di un paragrafo che possederla è assolutamente superfluo.

    dit le 

  • 3

    L'abuso di Guinness può provocare, in soggetti intellettualmente predisposti, stati allucinatori meglio noti come "pirandellismo irlandese".

    dit le 

  • 5

    autostima...

    la totale mancanza di autostima di questo uomo non ha senso. il libro è bellissimo, divertente ed è scritto molto bene. purtroppo del tutto sconosciuto. purtroppo unico. il racconto è semplice, i ...continuer

    la totale mancanza di autostima di questo uomo non ha senso. il libro è bellissimo, divertente ed è scritto molto bene. purtroppo del tutto sconosciuto. purtroppo unico. il racconto è semplice, i protagonisti di una storia letteraria si ribellano allo scrittore. buona lettura.

    dit le 

  • 0

    traduzione rodolfo j. wilcock

    copertina: max ernst, _c'est le chapeau qui fait l'homme_ (part.), collage, 1920, new york, museum of modern art

    dit le