Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Long Goodbye

By Raymond Chandler

(4)

| Paperback | 9780345321329

Like The Long Goodbye ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Marlowe befriends a down-on-his-luck war veteran with the scars to prove it. Then he finds out that Terry Lennox has a very wealthy nymphomaniac wife, who he's divorced and re-married and who ends up dead. Now Lennox is on the lam and the cops -- and Continue

Marlowe befriends a down-on-his-luck war veteran with the scars to prove it. Then he finds out that Terry Lennox has a very wealthy nymphomaniac wife, who he's divorced and re-married and who ends up dead. Now Lennox is on the lam and the cops -- and a crazy gangster -- are after Marlowe.

"Raymond Chandler is a master."
   THE NEW YORK TIMES

"[Chandler] wrote as if pain hurt and life mattered."
   THE NEW YORKER

"Chandler seems to have created the culminating American hero: wised up, hopeful, thoughtful, adventurous, sentimental, cynical and rebellious."
   ROBERT B. PARKER, THE NEW YORK TIMES BOOK REVIEW

"Philip Marlowe remains the quintessential urban private eye."
   LOS ANGELES TIMES

"Nobody can write like Chandler on his home turf, not even Faulkner.... An original.... A great artist."
   THE BOSTON BOOK REVIEW

"Raymond Chandler was one of the finest prose writers of the twentieth century.... Age does not wither Chandler's prose.... He wrote like an angel."
   LITERARY REVIEW

"[T]he prose rises to heights of unselfconscious eloquence, and we realize with a jolt of excitement that we are in the presence of not a mere action tale teller, but a stylist, a writer with a vision."
   JOYCE CAROL OATES, THE NEW YORK REVIEW OF BOOKS

"Chandler wrote like a slumming angel and invested the sun-blinded streets of Los Angeles with a romantic presence."
   ROSS MACDONALD

"Raymond Chandler invented a new way of talking about America, and America has never looked the same to us since."
   PAUL AUSTER

"[Chandler]'s the perfect novelist for our times. He takes us into a different world, a world that's like ours, but isn't. "
   CAROLYN SEE

"A serious rereading of the Marlowe novels and stories yields more surprises than a rereading of Hemingway."
   RICHARD RUSSO, AUTHOR OF EMPIRE FALLS

211 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 9 people find this helpful

    "Delicious coffee break, Mr. Chandler !!!"

    Leggere finalmente questo libro è stato per me davvero un bel intermezzo.
    Tutto incomincia con un incontro e un’ amicizia iniziata per caso tra Philip Marlowe e Terry Lennox. La storia seppur ricca di avvenimenti, colpi di scena, presunti suicidi e t ...(continue)

    Leggere finalmente questo libro è stato per me davvero un bel intermezzo.
    Tutto incomincia con un incontro e un’ amicizia iniziata per caso tra Philip Marlowe e Terry Lennox. La storia seppur ricca di avvenimenti, colpi di scena, presunti suicidi e tradimenti alla fine mi è sembrata tutto sommato semplice, lineare e scritta meravigliosamente bene. Ciò che mi è piaciuto di più è la figura dell’investigatore Marlowe, duro, talvolta cinico, ma dai principi morali inflessibili. Dedito all'alcol ( come il suo autore), al fumo e apparentemente disinteressato al denaro… Quasi un “classico” direi … tosto, anche in alcuni casi tostissimo ma al tempo stesso malinconico. Ciò lo rende semplicemente umano (e questo suo lato è ciò che mi è piaciuto di più!). Alla faccia di chi pensa che l’essere “macio” non possa coincidere anche con l’essere “micio” ….

    Trovo molto interessanti le parole dello stesso Chandler in una lettera a Bemice Baumgarten del 14 maggio 1942 :
    “Ti mando oggi l'abbozzo di una storia che ho intitolato The Long Good-Bye ….
    Per qualche tempo mi è stato chiaro che la cosa noiosa nei romanzi polizieschi, almeno sul piano letterario, è che i personaggi si perdono per strada - almeno un terzo di loro. Spesso l'apertura, la mise en scène, l'ambientazione, sono molto buoni. Poi la trama si complica, e i personaggi diventano semplici nomi. Bene, che si può fare per evitarlo? Si può scrivere una storia di azione costante, e, se diverte, va benissimo. Ma, ahimè, si diventa grandi, si diventa complicati e insicuri, i dilemmi morali cominciano a interessarci più di quanto ci interessi sapere chi ha dato una botta sulla testa a chi. E a questo punto forse uno si dovrebbe ritirare e lasciare il campo ai più giovani, ai più semplici. Non dico necessariamente a scrittori di fumettacci, tipo Mike Spillane.
    Comunque ho scritto questa cosa come volevo, perché ormai posso farlo. Non m'importava se l'enigma non sussisteva, m'importava della gente, di questo strano mondo corrotto in cui viviamo, e del fatto che ogni uomo che cerchi di essere onesto appare in fondo o sentimentale o semplicemente sciocco ...”

    Una lettura facile e davvero deliziosa, come un buon caffè :)

    Is this helpful?

    KatieLaRochejaquelein said on Jul 11, 2014 | 8 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    翻譯太差強人意了,我無法理解這部作品的美好之處......

    Is this helpful?

    Otokookimo said on Jun 24, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Con Chandler oltre al noir...

    Un romanzo che si allontana dai canoni del noir tradizionale ma che nello stesso tempo li incarna in una maniera singolare, come se l'atmosfera trasognata e onirica, i temi principali, il costrutto quasi ipnotico riuscissero a dare luce agli archetip ...(continue)

    Un romanzo che si allontana dai canoni del noir tradizionale ma che nello stesso tempo li incarna in una maniera singolare, come se l'atmosfera trasognata e onirica, i temi principali, il costrutto quasi ipnotico riuscissero a dare luce agli archetipi del genere, senza tuttavia impoverirli di un'aria tanto unica quanto suggestiva come quella che circonda Marlowe in questa storia. Sembra infatti ruotare tutto attorno all'amicizia casuale tra Terry Lennox e l'ispettore, un rapporto che si complica e si intesse con l'aggiungersi di persone dai ruoli tutt'altro che casuali e che richiedono uno sforzo da parte del lettore, per collegare o comunque riempire alcuni vuoti apparenti di questo quadro a tinte fosche, in cui, parallelo al racconto vi è il punto di vista stesso di Marlowe e quindi del suo creatore nella forma più matura della sua esistenza. Alle prese con il mondo ricco e decadente delle apparenze, l'ispettore rimane fedele idealista, “romantico” come lui stesso si definisce, all'ambiente da dove proviene, quella metropoli delle zone più oscure e meno sicure che rappresenta però anche l'esistenza di un codice d'onore, una legge non scritta ma comunque osservata, un ambiente complesso e pericoloso ma, secondo gli occhi di chi lo vive, meno infido di quello patinato e artificioso dei quartieri più ricchi della costa...resta quindi uno dei punti più interessanti del romanzo proprio la figura di Marlowe, il suo meditare sui valori convenzionali del sogno americano e l'istinto che lo porta a diffidarne, senza però aver chiaro in mente cosa di meglio ci sia. E' così quindi che si crea qual fatalismo, quel modo così rude ed essenziale di esprimere i sentimenti, propri del personaggio di Chandler, il quale comunque non si confonde e non confonde quando si tratta di descrivere l'ambivalenza amicizia-solitudine: una fusione apparentemente incongrua che intesse di malinconia e rimpianto tutto il romanzo. E' quindi la condanna dei solitari del sottobosco chandleriano, alla ricerca di conferme leali, di ricchezze interiori, in un mondo in cui “ La maggior parte della gente vive consumando metà della sua energia nel tentativo di proteggere una dignità che non hanno mai posseduto...” non si tratta quindi di mondi diversi e di incomunicabilità tra persone differenti ma forse, in maniera sottile, del vacuo tentativo di rapporti completamente vuoti: nessuno comunica con nessuno perchè son tutti fin troppo simili coloro che, nel tentativo di sopravvivenza, rendono ogni approccio totalmente sterile, nella negazione del rapporto e condizionato dalla logica della vacuità e dell'interesse a breve termine; concetti che non riescono così lontani da una lettura del presente di questo bellissimo romanzo che sembra appartenere sia ad un noir metafisico come ad un'opera di realismo non tanto discosta dai grandi dell'epoca come Fitzgerald o West o Cain.
    E' certo l'abile incastro di Chandler a creare un'atmosfera onirica, dove ritornano certi quadri surrealisti di Dalì, e con la descrizione realistica dei suoi personaggi, da richiamarsi nuovamente all'arte pittorica, ma questa volta al “ sospeso” iperrealismo di Hopper...incantato tanto nei tratti fedeli alla realtà, quanto nella loro conturbante perfezione...ironia e lirismo puro quindi sono un continuo di quest'opera raffinata, dove alla trama poliziesca subentra l'analisi psicologica, in cui gran gioco lo fanno la coscienza e l'inconscio con cui Chandler ci fa conoscere l'essere umano al di la delle definizioni obbligate del genere; oltre a colpevole ed innocente vi è ne “Il lungo addio”una sfilza di uomini e donne con i loro sentimenti, gli umori, le debolezze:qui l'autore, grazie al suo alter ego Marlowe, si serve di uno stile davvero personale per rendere incisive e non pedanti le sue storie, in cui la nevrosi come malattia moderna si divide la trama con la scelta delle parole, formando periodi descrittivi davvero preziosi, in cui la morale chandleriana è ciò che ne vien fuori. Uno sguardo realistico dell'uomo occidentale, condannato e consapevole di esserlo, ad un ingranaggio formale, ad un labirinto senza via d'uscita in cui la coscienza fin da subito ne resta ferita...Chandler osserva dentro a questa ferita, per cercare anche bagliori di luce...magari poca cosa ma da non trascurare, nel deserto esistenziale dell'America anni'50. Qui tra le pagine di un poliziesco anomalo si muove quella variegata umanità della costa californiana, dove Marlowe, ex agente assicurativo, ex investigatore, ex di molti rimpianti sussurrati, comincia dal suo studio, per finire più o meno sempre da quella stanza spoglia lungo l'Hollywood Boulevard, magari citando Zola o Eliot, magari semplicemente con un ricordo: “Non vidi mai più nessuno di loro...eccettuati i poliziotti. Il sistema per dir loro addio non è stato ancora inventato”...Un romanzo che è entrato da tempo nel mio mondo interiore e che spesso quasi mi costringe ad aprire una pagina a caso, per cogliere un momento di questa storia d'amicizia, dai pesi e dalle misure diverse, proprio perchè nel bene e nel male, si è spesso e volentieri in due, piuttosto che da soli, anche nel malinconico sguardo di Raymond Chandler.

    Is this helpful?

    LucBon71(de una Luna o una sangre o un beso al cabo) said on Jun 10, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Disillusioni metropolitane

    La disillusione di Marlowe, il suo sguardo alla società che lo circonda, qualche bicchierino di troppo, l'ironia rarefatta, omicidi sospetti, suicidi sospetti, gente sospetta, il tutto permeato di un'atmosfera che si pianta in mezzo all'attenzione di ...(continue)

    La disillusione di Marlowe, il suo sguardo alla società che lo circonda, qualche bicchierino di troppo, l'ironia rarefatta, omicidi sospetti, suicidi sospetti, gente sospetta, il tutto permeato di un'atmosfera che si pianta in mezzo all'attenzione di chi legge.
    Chandler fa un bel centro con questo romanzo, il cui soggetto verrà poi recuperato da Altman per farne un film diverso dal finale diverso; da vedere, anche per il malinconico leitmotiv, costante umorale di tutta le pellicola.

    Is this helpful?

    byAx said on Jun 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Classico giallo

    Credevo anche meglio in realtà, però bello.
    Un giallo classicone: mentre lo leggevo mi pareva di ritrovarmi in quei fumetti tipo dick tracy (ma anche Calvin quando fa l'investigatore), con bianchi e neri molto netti, l'investigatore con bavero rialza ...(continue)

    Credevo anche meglio in realtà, però bello.
    Un giallo classicone: mentre lo leggevo mi pareva di ritrovarmi in quei fumetti tipo dick tracy (ma anche Calvin quando fa l'investigatore), con bianchi e neri molto netti, l'investigatore con bavero rialzato e cappello in testa, fumo sempre!
    Comunque bello da leggere e ottima l'invenzione del finale. Sulla quarta di copertina si mette l'accento sulla "celebrazione dell'amicizia virile" fra Marlowe e Lennox: mah, non mi pare proprio. Consiglio la lettura.

    Is this helpful?

    Lorenzo Amadei said on Jun 2, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Il grande sonno di Chandler mi aveva annoiato e mi aveva prevenuto sull'autore, con questo libro ho ribaltato totalmente il giudizio, noir ben congegnato senza troppi spargimenti di sangue inutili, qualche riflessione sulla morale dell'epoca e una 'v ...(continue)

    Il grande sonno di Chandler mi aveva annoiato e mi aveva prevenuto sull'autore, con questo libro ho ribaltato totalmente il giudizio, noir ben congegnato senza troppi spargimenti di sangue inutili, qualche riflessione sulla morale dell'epoca e una 'visività' pazzesca :)

    8+/10

    Is this helpful?

    Marta said on Apr 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book