Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

TODOS TIENEN RAZON

By

3.6
(2851)

Language:Español | Number of Pages: | Format: Others | In other languages: (other languages) Italian , French

Isbn-10: 8433975714 | Isbn-13: 9788433975713 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like TODOS TIENEN RAZON ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    hanno tutti ragione

    iniziato, lasciato e ripreso più volte, a tre quarti ho gettato la spugna. Penso che Sorrentino dovrebbe dedicarsi a quello che sa fare meglio: il cinema!

    said on 

  • 5

    Un grandissimo libro italiano!

    Si stavolta ci hanno beccato a dire che è il caso letterario(in Italia) degli ultimi anni.
    Insieme a qualche libro di Giuseppe Genna, è uno dei pochi casi di autori italiani che al giorno d'oggi mi fanno pensare riflettere, o comunque che mi impressionano, non è la solita pubblicità a un li ...continue

    Si stavolta ci hanno beccato a dire che è il caso letterario(in Italia) degli ultimi anni.
    Insieme a qualche libro di Giuseppe Genna, è uno dei pochi casi di autori italiani che al giorno d'oggi mi fanno pensare riflettere, o comunque che mi impressionano, non è la solita pubblicità a un libro di merdas tipo bestseller.
    E se non vi piacciono i monologhi infarciti di voli pindarici, CAZZI VOSTRI, io libri come questo me li tengo ben stretti in questa Italietta di merda.
    Qui c'è di tutto, biografia, perle di saggezza, merda, violenza, amore, droga, sesso sesso e ancora sesso, e poi ancora amore e dolcezza.
    Sorrentino dimostra di conoscere bene la musica sperimentale, i grandi classici e lo sperimentalismo di alcuni classici, la fantascienza e le avanguardie letterarie.
    Un grande scrittore oltre a essere al giorno d'oggi l'unico grande regista italiano fra le nuove leve.

    said on 

  • 4

    Si inizia odiando il personaggio di Tony Pagoda, che appare antipatico, strafottente e sopra le righe. Ma poi si capisce che, sotto la corazza da duro, batte un cuore pieno di sentimenti, anche se nascosti perchè troppo difficile mostrarli. Peccato per il finale troppo breve che lascia un buco ne ...continue

    Si inizia odiando il personaggio di Tony Pagoda, che appare antipatico, strafottente e sopra le righe. Ma poi si capisce che, sotto la corazza da duro, batte un cuore pieno di sentimenti, anche se nascosti perchè troppo difficile mostrarli. Peccato per il finale troppo breve che lascia un buco negli avvenimenti del nostro personaggio

    said on 

  • 4

    Ma veramente stiamo facendo?

    Tony, cantante melodico napoletano, è un personaggio dannatamente sopra le righe, ma ti spiazza con citazioni e strizzatine d’occhio da … terzo livello, e ti sciorina riflessioni che … nemmanco Cacciari!
    Se rileggi alcune pagine e leggi tra le righe, allora quelle pagin ...continue

    Tony, cantante melodico napoletano, è un personaggio dannatamente sopra le righe, ma ti spiazza con citazioni e strizzatine d’occhio da … terzo livello, e ti sciorina riflessioni che … nemmanco Cacciari!
    Se rileggi alcune pagine e leggi tra le righe, allora quelle pagine diventano una lezione di alfabetizzazione alla vita che … neanche Alberto Manzi …
    «La porca verità è che capisci cosa significa avere la vita davanti quando quella si è posizionata tutta dietro. Semplice come la sete. E allora l’uomo si moltiplica, diventa una folla di rimpianti. Ma questo non smuove le vite, le svaluta solo un altro poco. Le accompagna, con una lieve, elegante spinta di una mano da maggiordomo, verso il cimitero affollato di cadaveri esperti.»
    Ma che te lo dico a fare? ...
    Non ho mai amato le vignette di Volinski, sin dai tempi di Linus. Alcune vignette di Hebdo, alla faccia della libertà di stampa e di espressione, mi sono sembrate (dal mio osservatorio piccolo borghese) di cattivo gusto. Ma oggi … JE SUIS CHARLIE. Sempre e comunque. Au revoir les enfants
    E oggi … anche se vi credete assolti … siete lo stesso coinvolti …

    said on 

  • 0

    Personaggi per film non libri

    Il protagonista è così irritante che non sono riuscita a finire il libro; sarebbe sicuramente stato un bel film, ma come libro non ci siamo proprio!!!

    said on 

  • 2

    Aggettivi e critica alle catalogazioni e generalizzazioni di qualsiasi tipo perchè noncuranti delle fondamentali e intrascurabili sfumature.
    Il punto è che non c'è trama: è un lungo monologo idealmente divisibile in una prima eccessiva e seducente parte del tony pagoda "migliore" e una seco ...continue

    Aggettivi e critica alle catalogazioni e generalizzazioni di qualsiasi tipo perchè noncuranti delle fondamentali e intrascurabili sfumature.
    Il punto è che non c'è trama: è un lungo monologo idealmente divisibile in una prima eccessiva e seducente parte del tony pagoda "migliore" e una seconda, lenta e deludente, in cui il cantante è l' alter ego preciso e sputato di Gambardella della Grande Bellezza, solo venuto peggio.
    Detto ciò Sorrentino mi piace un sacco e anche qui la sua scrittura mi cattura.
    Il però è che senza l'interpretazione di Servillo il testo non rende nemmeno la metà del suo potenziale.

    per come la vedo io l'esito del giudizio, positivo o meno, dipende esclusivamente dalle modalità con cui si decide di relazionarsi al romanzo.

    said on 

  • 5

    Tony Pagoda pensa e parla con ritmo serrato e linguaggio arzigogolato e a volte barocco. La sua personalità si arricchisce mano a mano nella lettura, eppure riesce sempre a sorprendere, non c'è pagina che non strappi una riflessione o un sorriso. Non c'è un momento nella lettura che lasci spazio ...continue

    Tony Pagoda pensa e parla con ritmo serrato e linguaggio arzigogolato e a volte barocco. La sua personalità si arricchisce mano a mano nella lettura, eppure riesce sempre a sorprendere, non c'è pagina che non strappi una riflessione o un sorriso. Non c'è un momento nella lettura che lasci spazio alla distrazione, tanto incalzante si fanno il fare e il dire di Tony e la sua capacità di tenerci incastrati nella lettura dei suoi pensieri.
    E' un personaggio che si fa vivo al punto tale che si ha l'impressione di poterlo realmente conoscere pur riconoscendo l'incapacità di prevederne ogni mossa. La sua costante incoerenza, la sua mancata aderenza ad ogni tipo di valore non riescono comunque ad impedire una sorta di affezione e di tenerezza. Gli si vuole bene, alla fine.
    Ci sono pagine che andrebbero lette e rilette solo per il piacere di farlo.

    said on 

  • 4

    Il protagonista, Tony Pagoda, è un personaggio detestabile, cocainomane, sesso dipendente, cinico, egoista fino all'estremo. Ma allo stesso tempo è capace di riflessioni profonde e persino di slanci poetici. Alcune pagine sono un capolavoro (scena del ragazzo appena maggiorenne che decide di mol ...continue

    Il protagonista, Tony Pagoda, è un personaggio detestabile, cocainomane, sesso dipendente, cinico, egoista fino all'estremo. Ma allo stesso tempo è capace di riflessioni profonde e persino di slanci poetici. Alcune pagine sono un capolavoro (scena del ragazzo appena maggiorenne che decide di mollare tutto per fare il torero in Spagna). Un po' di stanchezza nel finale, insieme ai primi sprazzi di La Grande bellezza. Comincia da qui il viaggio nella decadenza apparentemente inarrestabile di luoghi e persone. Sorrentino è davvero un narratore di talento.

    said on 

  • 5

    Inaspettatamente bello.

    Ho iniziato a leggere il libro pieno di preconcetti, non credevo che potesse interessarmi la vita di un neomelodico napoletano ed invece mi sono ricreduto già dopo le prime pagine.
    Toni P. è un personaggio che si odia e si ama, contemporaneamente.
    Lo si odia per i suoi difetti: cocain ...continue

    Ho iniziato a leggere il libro pieno di preconcetti, non credevo che potesse interessarmi la vita di un neomelodico napoletano ed invece mi sono ricreduto già dopo le prime pagine.
    Toni P. è un personaggio che si odia e si ama, contemporaneamente.
    Lo si odia per i suoi difetti: cocainomane, puttaniere, egocentrico, a volte cattivo e cinico.
    Lo si ama perché è un cofanetto pieno zeppo di perle di saggezza frutto di una vita vissuta intensamente.

    said on 

Sorting by