Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

TOWARDS ZERO

By

Publisher: Pocket

3.8
(551)

Language:English | Number of Pages: | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , Chi simplified , Italian , German

Isbn-10: 067160256X | Isbn-13: 9780671602567 | Publish date: 

Also available as: Audio Cassette , Audio CD , Mass Market Paperback , Hardcover , eBook , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like TOWARDS ZERO ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Mystery's #1 bestseller . . . second to none!

A Christie classic, featuring Superintendent Battle of Scotland Yard. . . . It's murder most foul when someone at the Gull's Point guesthouse kills Mr. Treves, leaving Superintendent Battle of Scotland Yard with a number of suspects--and zero evidence...
Sorting by
  • 4

    Convergere VERSO L’ORA ZERO

    Un gruppo raccolto attorno al caminetto è composto da avvocati e uomini di legge.
    “Gli esseri umani … Ce ne sono di tutti i generi, di tutte le qualità, di tutte le forme, alcuni hanno cervello, molti ...continue

    Un gruppo raccolto attorno al caminetto è composto da avvocati e uomini di legge.
    “Gli esseri umani … Ce ne sono di tutti i generi, di tutte le qualità, di tutte le forme, alcuni hanno cervello, molti ne sono privi …”
    Tutti sono attenti a seguire l’evolversi degli eventi che hanno portato ad un delitto le cui dinamiche sono avvolte nel mistero. Peccato solo che manchi Hercule Poirot a indagare!
    Resta comunque un romanzo di Agatha Christie e, di conseguenza, è un’interessantissima lettura.

    “Mi piacciono le belle storie gialle ma, come sapete, cominciano sempre dal punto sbagliato. Cioè cominciano con il delitto. Ma il delitto è la FINE. La storia inizia molto prima, a volte anni prima, con tutte le cause e gli eventi che portano certa gente in un certo posto a una certa ora di un certo giorno. […] Tutto sembra convergere verso un punto prestabilito. E poi quando arriva il momento ecco … L’ORA ZERO. Sì, tutta questa gente si è trovata a convergere verso l’ora zero …”

    Una citazione importante che svela non solo le dinamiche del delitto, ma anche la psicologia che sta dietro un atto delittuoso e Agatha Christie ci insegna quella che è l’ideologia alla basa sia delle vicende umane sia delle sue strategie narrative.
    La trama è presto detta: come sempre c’è chi si ingegna per organizzare il delitto perfetto, trovando il modo di rimanere impunito. Infatti, occorre pianificare in anticipo tutte le mosse che porteranno al risultato finale.
    Invece, in VERSO L’ORA ZERO, quando avviene l'assassinio di Camilla Tressilian, austera nobildonna uccisa nella sua villa in Cornovaglia, risulta subito chiaro che è stato organizzato nel modo peggiore. Il killer ha lasciato davvero troppi indizi e tutti puntano in un’unica direzione, cioè mirano a incolpare Nevile Strange, il quale, guarda caso, è l'erede universale della vittima.
    Non c’è Hercule Poirot, maI il sovrintendente Battle, il quale è però convinto che quell'omicidio non sia che la prima mossa di un piano, più astuto e macchinoso, per sopprimere un’altra vittima …
    Scritto scorrevolmente, le indagini vengono approfondite, in maniera costante, da indizi, dettagli e colpi di scena, mentre i tanti personaggi di questo racconto si avvicendano, in primo piano sulla scena, nella villa della Cornovaglia, scelta come meta di vacanza.
    Avvincente ed enigmatico, tiene viva l’attenzione del lettore, grazie alla costruzione tipica dei romanzi gialli di Agatha Christie, ossia la frequenza dei dialoghi, nei quali risiedono sia il dubbio, ma anche la soluzione e l’univoca verità che porta al delitto.

    said on 

  • 4

    Non si è maestri a caso...

    Recensire un libro di Agatha Christie è davvero imbarazzante. Cosa puoi dire? La scelta può variare al massimo tra bello e bellissimo. Lei è nata per scrivere gialli e anche quando non ti imbatti in P ...continue

    Recensire un libro di Agatha Christie è davvero imbarazzante. Cosa puoi dire? La scelta può variare al massimo tra bello e bellissimo. Lei è nata per scrivere gialli e anche quando non ti imbatti in Poirot o Miss Marple il risultato è sempre garantito. La soluzione non è mai banale e anche quando pensi di aver scoperto l'assassino al grido di "questa volta è facile" ecco che lei ti spiazza con il suo talento. Grande zia Agatha!

    said on 

  • 4

    *Dopo pagina 100*
    "Mah... sono a più di metà libro e non vedo abbastanza premesse per trarne un romanzo giallo corposo e ben riuscito"

    *Al momento dello scioglimento dell'enigma*
    "Manu, cazzo, stai le ...continue

    *Dopo pagina 100*
    "Mah... sono a più di metà libro e non vedo abbastanza premesse per trarne un romanzo giallo corposo e ben riuscito"

    *Al momento dello scioglimento dell'enigma*
    "Manu, cazzo, stai leggendo un libro della Regina, come hai potuto anche solo pensare una cosa così ingrata?"

    E, alla fine, aveva ragione la mia coscienza. Quel fottuto genio di Agatha non se le manda certo a dire dietro le cose.

    said on 

  • 4

    Un altro buonissimo giallo di mamma Agatha, anche se devo dire che il personaggio di Andrew MacWhirter entra in scena un po' troppo tardi per i miei gusti.
    Io tifavo duro per una certa coppia... Ed al ...continue

    Un altro buonissimo giallo di mamma Agatha, anche se devo dire che il personaggio di Andrew MacWhirter entra in scena un po' troppo tardi per i miei gusti.
    Io tifavo duro per una certa coppia... Ed alla fine Agatha mi ha accontentato! Fare il toto-coppie nei libri di quest'autrice è sempre divertentissimo!

    said on 

  • 4

    Letto a distanza ravvicinata da L'assassinio di Roger Achroyd (considerato tra i "must" dell'autrice) devo dire che l'ho preferito. A prevalere sul gioco di investigazione dagli esiti imprevisti c'è u ...continue

    Letto a distanza ravvicinata da L'assassinio di Roger Achroyd (considerato tra i "must" dell'autrice) devo dire che l'ho preferito. A prevalere sul gioco di investigazione dagli esiti imprevisti c'è una più autentica messa in scena di un dramma piscologico cosicchè i fili che si dipanano fino alla soluzione del caso non sono quelli di una trama machiavellica ma delle profonde verità nascoste che legano tra loro i personaggi.

    said on