Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tabloid

Di

Editore: Comix

3.7
(159)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 200 | Formato: Altri

Isbn-10: 8881930404 | Isbn-13: 9788881930401 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Humor , Non-fiction , Political

Ti piace Tabloid?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    "Questa edizione del telegiornale andrà in onda in forma ridotta per venire incontro alle vostre capacità mentali". Il sottotitolo del libro dà già l'idea dei contenuti e serve soprattutto per ricondurre questi testi al loro luogo di provenienza: il programma televisivo "Mai dire Goal", dove Dani ...continua

    "Questa edizione del telegiornale andrà in onda in forma ridotta per venire incontro alle vostre capacità mentali". Il sottotitolo del libro dà già l'idea dei contenuti e serve soprattutto per ricondurre questi testi al loro luogo di provenienza: il programma televisivo "Mai dire Goal", dove Daniele Luttazzi li recitava fingendosi un giornalista di un TG. Dette da lui, le notizie e i commenti di Tabloid erano irresistibili. Ma anche letti su carta reggono benissimo, perché Luttazzi è un umorista di razza. A volte pecca per troppo surrealismo, ma è prolifico e mordente, sagace e sarcastico. Un esempio preso assolutamente a caso: "Durante la breve apparizione TV di venerdì a Bim Bum Bam, Eltsin ha annunciato che rimetterà a posto le cose al Cremlino, dato che durante la sua assenza per un'operazione cardiaca i problemi del paese si erano risolti". In appendice, alcuni testi più lunghi (tra cui una esilarante intervista a un letterato che sostiene che la Divina Commedia non esiste). Molto divertente.

    ha scritto il 

  • 3

    Meno male che quando e' uscito il libro ancora non conoscevo la Gialappas senno' avrei cambiato opinione su di loro. Mi devo ripetere ma a me Luttazzi e le sue battute non fanno ridere!!!!!
    TRAMA
    Dicono che questa sia stata una delle migliori annate di MAI DIRE GOL, e grazie a Tabloid ...continua

    Meno male che quando e' uscito il libro ancora non conoscevo la Gialappas senno' avrei cambiato opinione su di loro. Mi devo ripetere ma a me Luttazzi e le sue battute non fanno ridere!!!!!
    TRAMA
    Dicono che questa sia stata una delle migliori annate di MAI DIRE GOL, e grazie a Tabloid, Daniele Luttazzi, nei panni di PANFILO MARIA LIPPI, ideale pseudo figlio di Claudio Lippi, conduttore della trasmissione di quella stagione, fu consacrato tra i più divertenti comici della tv.

    Il libro di cui vi parlo si intitola proprio TABLOID, è del 1997, ma leggerlo è veramente un piacere, anche se è basato su notizie, fatti e personaggi di quel periodo.
    Vi ricordo brevemente in cosa consisteva il TG: Il conduttore Panfilo Maria Lippi (Daniele Luttazzi), insieme ad un amico immaginario chiamato “Dingo”, (eheheh questo non ve lo ricordavate proprio!) commentava con grande ilarità e con molta satira, notizie prese da giornali.
    Ovviamente ogni notizia portava in se un grande commento satirico fatto da Luttazzi, ed il libro è proprio impostato su questo schema.
    Infatti, apparte un primo capitolo fatto da un intervista di Enzo Biagi a Panfilo Maria Lippi, nel quale le risposte del comico sono divertenti e pungenti, poi la parte principale del libro è proprio fatto da brevissime notizie, con tanto di commento di Luttazzi.
    Vi assicuro che fa troppo ridere; gli argomenti trattati spaziano dalla cronaca allo sport, dal servizio militare a sanremo, dalla sanità al Papa, da Tangentopoli ( su questa è davvero scatenato!!) al Medio Oriente, dall’Inghilterra, con famiglia reale su tutti, all’America, da Clinton a Saddam Hussain, dalla giustizia al cinema, per non parlare poi della politica italiana, e di Berlusconi.
    Si, il bello è che ciò che c’è scritto, nonostante il libro sia vecchio, è attualissimo, infatti risale al periodo in cui Berlusconi era al Governo, e quindi ciò che Luttazzi dice, è perfettamente applicabile alla realtà odierna.
    Altra cosa da sottolineare, è il commento che luttazzi fa, sempre tramite battutine pungenti, su tutti i personaggi, sia politici che del mondo dello spettacolo.
    Altra cosa che gli amanti di Mai dire gol gradiranno è la presenza di alcuni interventi proprio della Gialappa’s band all’interno dei commenti, intesi come domande o risposte a ciò che dice Luttazzi, e anche gli interventi dell’amico immaginario DINGO, il quale porta notizie (ahahahah) dal futuro!

    Non vi dico altro , ma ve lo consiglio perché è veramente molto divertente, specie per quelli che rimpiangono le belle edizioni di Mai dire Gol!
    ( recensione tratta da Ciao.it )

    ha scritto il