Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Taccuino di un vecchio sporcaccione

By Charles Bukowski

(1255)

| Paperback | 9788882461980

Like Taccuino di un vecchio sporcaccione ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

94 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il manifesto di uno scrittore decadente e devastato, incattivito, vizioso e senza pudore. Le pagine, vissute in prima persona, danno l'idea di un perdente consapevole, che non ha la voglia di emergere e sta a galla in una societa' mal ridotta, dove i ...(continue)

    Il manifesto di uno scrittore decadente e devastato, incattivito, vizioso e senza pudore. Le pagine, vissute in prima persona, danno l'idea di un perdente consapevole, che non ha la voglia di emergere e sta a galla in una societa' mal ridotta, dove i rapporti umani non sono altro che una breve pausa alla solitudine e alla sofferenza.

    Is this helpful?

    etnagigante said on Oct 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il vecchio Hank non delude mai.
    Tutti gli elementi fondanti della narrativa di Bukowsky (sesso, alienazione dal sogno americano, vitalità bestiale delle classi meno abbienti, alcolismo, ironia e una vena sotterranea ma presente di poesia) sono qui p ...(continue)

    Il vecchio Hank non delude mai.
    Tutti gli elementi fondanti della narrativa di Bukowsky (sesso, alienazione dal sogno americano, vitalità bestiale delle classi meno abbienti, alcolismo, ironia e una vena sotterranea ma presente di poesia) sono qui presenti e spinti al massimo, alcuni racconti non sono proprio significativi ma la qualità media è molto alta. Consigliatissimo.

    Is this helpful?

    Blacktia said on Sep 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    El hombre congelado

    Agradable sorpresa, no pensaba que me iba a gustar tanto. Cuando terminé de leer las novelas de Chinaski, supuse que ya había leído todo lo mejor de Bukowski y lo que me quedaba no iba a ser tan bueno. Afortunadamente me equivocaba. Aunque es lo mism ...(continue)

    Agradable sorpresa, no pensaba que me iba a gustar tanto. Cuando terminé de leer las novelas de Chinaski, supuse que ya había leído todo lo mejor de Bukowski y lo que me quedaba no iba a ser tan bueno. Afortunadamente me equivocaba. Aunque es lo mismo de siempre, es un Bukowski un pelín diferente. La prosa es mas poética. Una poesía que se fija en lo mas sordido, claro está. También es un Bukowski que opina sobre diferentes temas; la política, la revolución, los asesinatos famosos de la época, etc.
    En el prólogo cuenta como tuvo absoluta libertad para escribir estos relatos que se publicaron por primera vez en un periódico «underground». La mayoría son autobiográficos. En este libro, anterior a todos los de Chinaski, utiliza su propio nombre casi siempre. Lo curioso es que no usa mayúsculas al principio de las frases, solo las utiliza en los nombres propios.
    En definitiva, Bukowski era un cerdo, un vago, un pervertido y un borracho asqueroso y sin embargo, me gusta.

    Is this helpful?

    grimaud said on Aug 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bukowski in pillole, ma sempre Bukowski.
    Molto belli certi racconti, molto significativi altri.
    Quì ci sono i due scritti che parlano dell'incontro tra Bukowski e Neal Cassidy, e Bukowski e Kerouac. Interessanti e divertenti

    Inoltre alcuni racconti ...(continue)

    Bukowski in pillole, ma sempre Bukowski.
    Molto belli certi racconti, molto significativi altri.
    Quì ci sono i due scritti che parlano dell'incontro tra Bukowski e Neal Cassidy, e Bukowski e Kerouac. Interessanti e divertenti

    Inoltre alcuni racconti si trovano anche in altri libri di Buk, ma sempre bello rileggere le sue cose, ed inoltre, quì sono riscritti, non è un copia ed incolla

    Is this helpful?

    Novacaineoverthetrip said on Aug 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Uno sputo, uno schizzo di merda contro il bello scrivere, contro la morale, contro la società alienante e mostruosa, contro quelli che non vedono,contro se stessi, contro la vita verso la Vita. Grazie Bukowski.

    Is this helpful?

    IL-letterato said on Jun 28, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Diario di un vecchio sporcaccione

    Notes of a dirty old man di Bukowski, è una raccolta di racconti brevi che hanno per protagonista lo scrittore stesso, pubblicati su una rivista letteraria californiana.
    Scrittura interessante, molto vivida e capace in poche parole di render il lett ...(continue)

    Notes of a dirty old man di Bukowski, è una raccolta di racconti brevi che hanno per protagonista lo scrittore stesso, pubblicati su una rivista letteraria californiana.
    Scrittura interessante, molto vivida e capace in poche parole di render il lettore partecipe delle situazioni descritte. Eppure, l'ho trovato spesso ripetitivo, quasi ossessivo sui certi temi, in primis alcol e sesso.
    Privo dell'energia vitale di un Kerouac, privo delle profondità filosofiche di un Miller, Bukowski sembra un uomo senza sentimenti. Ma può esistere un poeta incapace di sentire? A tratti quindi mi è sembrato quasi falso, un personaggio costruito ad arte, per scioccare il lettore medio americano in un'epoca in cui la trasgressività era di moda.
    Eppure le ultime pagine, che nell'edizione italiana mancano, sono state rivelatrici. Bukowski vi si definisce uomo dai sentimenti congelati, "frozen man", svelandosi al lettore. A me hanno toccato nel profondo, riscattando il manierismo del resto.

    Is this helpful?

    Cxr said on Jun 2, 2014 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book