Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tainted Blood

By

Publisher: Vintage

3.8
(710)

Language:English | Number of Pages: 352 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish

Isbn-10: 0099513129 | Isbn-13: 9780099513124 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Tainted Blood ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Delving into a murdered man’s life, Detective Erlendur discovers that forty years ago he was accused of an appalling crime. Did his past come back to haunt him? Erlendur uses all the forensic sources available including Iceland’s Genetic Research Centre in order to find the answers.


From the Trade Paperback edition.
Sorting by
  • 4

    Letta una recensione positiva di un'opera più recente di questo autore, ho deciso di avvicinarmi leggendo la sua prima opera (o una delle prime). Bello, ben costruito, scorrevole; la forza è, a mio parere, la caratterizzazione dei personaggi nei loro atteggiamenti, modi di parlare, manie. Un po' ...continue

    Letta una recensione positiva di un'opera più recente di questo autore, ho deciso di avvicinarmi leggendo la sua prima opera (o una delle prime). Bello, ben costruito, scorrevole; la forza è, a mio parere, la caratterizzazione dei personaggi nei loro atteggiamenti, modi di parlare, manie. Un po' complicato memorizzare i nomi islandesi, ma non è certo colpa di chi l'ha scritto...

    said on 

  • 4

    Ottimo noir

    Mi è piaciuto questo Indriðason, mi è piaciuta la trama e i suoi personaggi (specie Erlendur). Ho apprezzato la sua scrittura asciutta a senza tanti fronzoli. In questo noir tutto gira intorno a un cadavere trovato in uno scantinato e, a poco a poco, si scoprono gli sporchi segreti che portano a ...continue

    Mi è piaciuto questo Indriðason, mi è piaciuta la trama e i suoi personaggi (specie Erlendur). Ho apprezzato la sua scrittura asciutta a senza tanti fronzoli. In questo noir tutto gira intorno a un cadavere trovato in uno scantinato e, a poco a poco, si scoprono gli sporchi segreti che portano a un finale crudele e inatteso. Un viaggio nel torbido di una città perennemente sotto la pioggia, ma soprattutto dell'animo umano.

    said on 

  • 5

    Suspense islandais

    Un roman policier de tout premier ordre. Tous les ingrédients sont là : une histoire solidement construite, du suspense à revendre, une écriture efficace et du dépaysement (l'histoire se passe en Islande). Les amateurs de thriller doivent maintenant compter avec Arnaldur Indridason !

    said on 

  • 4

    Bello. L'ho praticamente divorato, ho ritrovato Indriđason de "La voce" , bella la trama, buono il ritmo narrativo e ben strutturati i personaggi che danno vita al libro in quello splendido paese che si chiama Islanda

    said on 

  • 3

    Che bello, un giallo nordico è quello che ci vuole quando fuori fa caldo... Ottime atmosfere, un poliziotto che mi ricorda Wallander e poi l'Islanda mi mancava. Non vedo l'ora di continuare la serie.

    said on 

  • 5

    Erlendur non ti fa innamorare, non sogni di essere salvata da lui, non è così romanticamente disperato come Harry Hole.


    Erlendur si muove tra la pioggia e la neve d’Islanda, a passi felpati, non eccede in parolacce, sbronze, donne, non commette alcuna “rambata”, non si lancia in inseguimen ...continue

    Erlendur non ti fa innamorare, non sogni di essere salvata da lui, non è così romanticamente disperato come Harry Hole.

    Erlendur si muove tra la pioggia e la neve d’Islanda, a passi felpati, non eccede in parolacce, sbronze, donne, non commette alcuna “rambata”, non si lancia in inseguimenti pericolosi su macchine veloci. Ha un’inquietudine tutta sua, una certa mestizia che ti fa venire voglia al massimo di invitarlo a bere un caffè ma senza invaderne troppo il campo.
    Ha la sua schiera di collaboratori, tipi in gamba che lo stimano e lo seguono anche quando non lo comprendono, ma che lui tratta senza cameratismi.

    E’ un personaggio affascinante che conquista poco per volta, che fa venir voglia di saperne di più per dare una spolverata all’alone di segretezza che lo avvolge.

    Mi sono dilungata su Erlendur perché quando un autore ti propone lo stesso investigatore per più romanzi, è importante capire con chi farai la strada.
    E poi perché come sempre della trama meglio non dire nulla, soprattutto quando è articolata e costruita splendidamente come questa.

    Un giallo non troppo noir ma abbastanza grigio.
    I colori ci sono tutti, potete cominciare.

    Ringrazio Pipaluk63 per la segnalazione, questo incontro lo devo a lui.

    said on 

  • 3

    Trama ben strutturata, anche se un po' complessa. Come tanti gialli scandinavi c'è un ottima "resa" di ciò che viene raccontato. Descritto in maniera intensa, vivida, con tensione palpabile quasi cinematografica. Alla fine però lascia poco. A differenza di molti gialli "seriali" non ho voglia di ...continue

    Trama ben strutturata, anche se un po' complessa. Come tanti gialli scandinavi c'è un ottima "resa" di ciò che viene raccontato. Descritto in maniera intensa, vivida, con tensione palpabile quasi cinematografica. Alla fine però lascia poco. A differenza di molti gialli "seriali" non ho voglia di leggere quelli successivi, anche se probabilmente in futuro lo farò. Tanta difficoltà con i nomi dei vari personaggi, che al di là della impronunciabilità spesso sono simili...

    said on